Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 6276 del 05/03/2021

Cassazione civile sez. II, 05/03/2021, (ud. 23/07/2020, dep. 05/03/2021), n.6276

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MANNA Felice – Presidente –

Dott. PICARONI Elisa – rel. Consigliere –

Dott. GRASSO Giuseppe – Consigliere –

Dott. ABETE Luigi – Consigliere –

Dott. CASADONTE Annamaria – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 24491-2019 proposto da:

A.H., rappresentato e difeso dall’avvocato ANTONIO FASCIA,

giusta procura in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’INTERNO, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA DEI

PORTOGHESI 12, presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo

rappresenta e difende ope legis;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 1527/2019 della CORTE D’APPELLO di CATANZARO,

depositata il 17/07/2019;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

23/07/2020 dal Consigliere Dott. ELISA PICARONI.

 

Fatto

FATTI DI CAUSA

1. A.H., nato in (OMISSIS) il (OMISSIS), ricorre per la cassazione della sentenza della Corte d’appello di Catanzaro n. 1527/2019, pubblicata il 17 luglio 2019, che ha rigettato l’appello avverso l’ordinanza del Tribunale di Catanzaro in data 5 novembre 2018, di rigetto della domanda di protezione internazionale ed umanitaria.

2. Il ricorso per cassazione è affidato ad un motivo, al quale resiste il Ministero dell’interno con controricorso.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

1. Il ricorso è improcedibile.

2. La copia della sentenza impugnata depositata dal ricorrente non riporta il testo integrale del provvedimento, essendo mancanti le pagg. 15, 16 e 17.

E’ violato, pertanto, il disposto dell’art. 369 c.p.c., n. 2, che impone alla parte ricorrente il deposito, in uno con il ricorso, della copia autentica della sentenza impugnata, necessariamente nel testo integrale, onde consentire a questa Corte di esercitare il controllo di legittimità richiesto dalla stessa parte ricorrente.

La violazione è rilevabile d’ufficio, giacchè l’interesse tutelato dalla norma processuale è evidentemente pubblico, e quindi non disponibile dalle parti.

3. Alla declaratoria di improcedibilità del ricorso segue la condanna del ricorrente alle spese, nella misura indicata nel dispositivo. Sussistono i presupposti processuali per il raddoppio del contributo unificato.

PQM

La Corte dichiara il ricorso improcedibile e condanna il ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di legittimità, che liquida in complessivi Euro 2.100,00, oltre spese prenotate e prenotande a debito.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, si dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte del ricorrente, di un ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis se dovuto.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio della sezione Seconda civile della Corte Suprema di Cassazione, il 23 luglio 2020.

Depositato in Cancelleria il 5 marzo 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA