Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 6221 del 24/02/2022

Cassazione civile sez. I, 24/02/2022, (ud. 26/10/2021, dep. 24/02/2022), n.6221

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SCALDAFERRI Andrea – Presidente –

Dott. VANNUCCI Marco – Consigliere –

Dott. VELLA Paola – rel. Consigliere –

Dott. SOLAINI Luca – Consigliere –

Dott. CENICCOLA Aldo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 12914/2019 proposto da:

D.T.S., domiciliato in Roma, Piazza Cavour, presso la

Cancelleria Civile della Corte di Cassazione, rappresentato e difeso

dall’avvocato Tassinari Rosaria, giusta procura speciale allegata al

ricorso;

– ricorrente –

contro

Ministero dell’interno;

– intimato –

avverso il decreto del TRIBUNALE di BOLOGNA, depositato il

12/03/2019;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

26/10/2021 dal Consigliere Dott. Paola Vella.

 

Fatto

RILEVATO

CHE:

1. Con ricorso D.Lgs. 25 gennaio 2008, n. 25, ex art. 35-bis, depositato il 09/12/2017, il cittadino (OMISSIS) D.T.S., nato in (OMISSIS) il (OMISSIS), ha impugnato dinanzi al Tribunale di Bologna – Sezione specializzata in materia di immigrazione, protezione internazionale e libera circolazione dei cittadini UE – il provvedimento, notificatogli il 09/11/2017, con cui la competente Commissione territoriale per il riconoscimento della protezione internazionale aveva negato il riconoscimento dello status di rifugiato, della protezione sussidiaria o in subordine di quella umanitaria, che egli aveva invocato allegando di essere fuggito dal proprio Paese dopo aver subito due furti con aggressioni armate ad opera di banditi mandati da una donna (tale R.) che voleva vendicarsi di non essere stata da lui sposata per volontà del padre (il quale lo aveva fatto sposare con un’altra donna); tali aggressioni, che lo avevano già costretto al ricovero ospedaliero, avevano altresì reso necessario un intervento in Italia per estrarre frammenti metallici sottocutanei all’arcata sopraccigliare (come da certificazione medica allegata).

1.1. All’esito dell’audizione personale del ricorrente, il tribunale ha rigettato il ricorso, ritenendo non credibile il suo racconto per le numerose contraddizioni intrinseche tra le versioni fornite davanti alla Commissione territoriale e in sede giudiziale; in particolare, ha escluso la sussistenza dei presupposti della protezione sussidiaria di cui al D.Lgs. 19 novembre 2007, n. 251, art. 14, lett. c), sulla base di C.O.I. aggiornate al 2018 ed ha riscontrato l’assenza di profili di vulnerabilità e di integrazione in Italia ai fini dell’invocata protezione umanitaria.

2. Il ricorrente ha impugnato il decreto con tre motivi di ricorso per cassazione; il Ministero intimato ha depositato atto di costituzione al fine di poter eventualmente partecipare alla discussione orale, senza svolgere difese.

Diritto

CONSIDERATO

Che:

2.1. Con il primo motivo si denuncia “Violazione del D.Lgs. n. 251 del 2007, art. 3 e 5, per non avere il Tribunale di Bologna applicato nella specie il principio dell’onere della prova attenuato così come affermato dalle S.U. con la sentenza n. 27310 del 2008 e per non aver valutato la credibilità del richiedente alla luce dei parametri stabiliti dal D.Lgs. n. 251 del 2007, art. 3, comma 5, in relazione al punto 3 dell’art. 360 c.p.c. e per difetto di motivazione”, in quanto, contrariamente a quanto ritenuto dai giudici di merito, il racconto dei fatti reso dal ricorrente sarebbe “lineare e privo di contraddizioni, rappresentando una realtà dei fatti del tutto verosimile e supportata dalle fonti internazionali di studio sulla società (OMISSIS)”.

2.2. Il secondo mezzo prospetta la “Violazione del D.Lgs. n. 251 del 2007, art. 14, lett. C) per non avere il Tribunale di Bologna riconosciuto la sussistenza di una minaccia grave alla vita del cittadino straniero derivante da una situazione di violenza indiscriminata così come definita nella sentenza della Corte di Giustizia C-465/07 meglio conosciuta come Elgafaj”, censurando la “scarna motivazione resa” la quale sarebbe “del tutto infondata ed insufficiente”, per non aver il tribunale tenuto conto “di quanto osservato nel giudizio di primo grado, ossia che dall’estratto dal sito della Farnesina, Viaggiare Sicuri risulta che la situazione in (OMISSIS) è estremamente pericolosa”, richiamando “fonti non aggiornate in quanto risalenti al 2017/2018”.

2.3. Con il terzo motivo si lamenta la “Violazione del D.Lgs. 25 luglio 1988, n. 286, art. 5, comma 6 (rectius 1998), per non avere il Tribunale di Bologna esaminato compiutamente la ricorrenza dei requisiti per la protezione umanitaria, omettendo di verificare la sussistenza dell’obbligo costituzionale ed internazionale a fornire protezione in capo a persone che fuggono da Paesi in cui vi siano sconvolgimenti tali da impedire una vita senza pericoli per la propria vita ed incolumità”; in particolare, il tribunale avrebbe dovuto “verificare se la prospettazione del quadro generale di violenza diffusa ed indiscriminata accertato dal giudice di primo grado fosse quantomeno idoneo, pur in mancanza del riconoscimento di credibilità delle dichiarazioni del ricorrente, ad integrare una situazione di vulnerabilità”, tenuto conto altresì che “il ricorrente attraverso il suo lavoro di volontariato e l’impegno nello studio della lingua italiana ha intrapreso un percorso concreto di integrazione nel nostro Paese”.

3. Tutti i motivi sono inammissibili.

3.1. Il primo, in particolare, sotto l’apparente deduzione del vizio di violazione di legge mira ad una rivisitazione delle valutazioni di merito sulla credibilità del richiedente (cfr. Cass. Sez. U, 34476/2019), a fronte di una scrupolosa audizione del ricorrente ed una puntuale motivazione, a pag. 6 e 7 del decreto impugnato, circa le plurime ragioni di contraddittorietà ed incoerenza, intrinseca ed estrinseca, del narrato. Ebbene, per consolidato orientamento di questa Corte, l’inattendibilità delle dichiarazioni del richiedente – se correttamente valutata, come nel caso di specie, alla stregua degli indicatori di genuinità soggettiva di cui al D.Lgs. 19 novembre 2007, n. 251, art. 3 (dai quali il ricorrente non indica nemmeno come il giudice a quo si sarebbe discostato) – attiene al giudizio di fatto, come tale insindacabile in sede di legittimità, se congruamente motivato (ex plurimis, Cass. 6897/2020, 5114/2020, 33858/2019, 21142/2019).

3.2. Il secondo è del tutto generico, in quanto sostanzialmente circoscritto alla trasposizione di brani di altre pronunce giurisdizionali e di informazioni tratte dal sito (OMISSIS) del MAE e da un rapporto di Amnesty International non meglio indicato né datato, a fronte delle plurime C.O.I. qualificate e aggiornate al 2018 che il tribunale ha puntualmente vagliato a pag. 8 del decreto.

3.3. Il terzo infine, oltre a fare riferimento a circostanze estranee alla causa (come l’accertamento “del quadro generale di violenza diffusa ed indiscriminata” da parte del “giudice di primo grado”) attiene al merito di una valutazione effettuata dal tribunale felsineo sulla base delle allegazioni del ricorrente, tenuto conto dell’assenza di un radicamento socio-lavorativo sul territorio italiano e della persistenza in (OMISSIS) di “stabili ed effettivi punti di riferimento affettivi e familiari”, donde la non configurabilità dell’eventuale violazione dell’art. 8 CEDU (cfr. Cass. Sez. U, 24413/2021).

4. Alla declaratoria di inammissibilità del ricorso non segue statuizione sulle spese, in difetto di difese del Ministero intimato.

5. Sussistono i presupposti processuali per il cd. raddoppio del contributo unificato ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater (cfr. Cass. Sez. U, 23535/2019; Cass. Sez. U, 4315/2020).

P.Q.M.

Dichiara inammissibile il ricorso.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte del ricorrente, di un ulteriore importo a titolo di contributo unificato, pari a quello previsto per il ricorso a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis, se dovuto.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio, il 26 ottobre 2021.

Depositato in Cancelleria il 24 febbraio 2022

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA