Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 6180 del 05/03/2021

Cassazione civile sez. II, 05/03/2021, (ud. 17/11/2020, dep. 05/03/2021), n.6180

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MANNA Felice – Presidente –

Dott. ORICCHIO Antonio – rel. Consigliere –

Dott. BELLINI Ubaldo – Consigliere –

Dott. COSENTINO Antonello – Consigliere –

Dott. GRASSO Giuseppe – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 25924-2019 proposto da:

K.A.H., rappresentato e difeso dall’avv. ELISABETTA

STRUMIA;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’INTERNO, (OMISSIS) IN PERSONA DEL MINISTRO

PRO-TEMPORE;

– intimato –

avverso il decreto del TRIBUNALE di BOLOGNA, depositata il

22/07/2019;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio dal

17/11/2020 dal Consigliere Dott. ANTONIO ORICCHIO.

 

Fatto

RILEVATO

che:

è stata impugnata da K.A.H., cittadino Bangladesh, il decreto n. cron. 3335 del 22 luglio 2019 del Tribunale di Bologna.

Il ricorso è fondato su due motivi e non è resistito con controricorso.

Per una migliore comprensione della fattispecie in giudizio va riepilogato, in breve e tenuto conto del tipo di decisione da adottare, quanto segue.

L’odierna parte ricorrente formulava istanza, di cui in atti, alla competente Commissione territoriale per il riconoscimento dello stato di rifugiato politico.

La Commissione rigettava l’istanza.

L’odierno ricorrente impugnava, quindi, detto rigetto con ricorso innanzi al Tribunale di Bologna.

Quest’ultimo respingeva il ricorso con la decisione oggetto del ricorso in esame.

Il ricorso viene deciso ai sensi dell’art. 375 c.p.c., u.c., con ordinanza in camera di consiglio non ricorrendo l’ipotesi di particolare rilevanza delle questioni in ordine alle quali la Corte deve pronunciare.

Diritto

CONSIDERATO

che:

1.- Con il primo motivo parte ricorrente, in relazione all’art. 360 c.p.c., nn. 3 e 5 denuncia la violazione o falsa applicazione di norme di diritto (D.Lgs. n. 25 del 2008, artt. 8, 10 e 13 e D.Lgs. n. 251 del 2007, art. 3, comma 5.

2.- Con il secondo motivo parte ricorrente censura la violazione i legge (D.Lgs. n. 25 del 2008, art. 33 e D.Lgs. n. 286 del 1998, art. 5) in relazione all’art. 360 c.p.c., n. 3, nonchè omessa motivazione e nullità del provvedimento gravato ai sensi dell’art. 132 c.p.c., n. 4 ed in relazione all’art. 360 c.p.c., n. 4.

3.- I due motivi (trattati congiuntamente per chiarezza espositiva dalla stessa parte ricorrente) vanno esaminati contestualmente.

Col ricorso viene lamentata, innanzitutto, l’affermazione di cui al provvedimento impugnato della sostanziale non credibilità della narrazione del ricorrente.

Tato sarebbe avvenuto – a dire di parte ricorrente- in dispregio delle norme citate col primo e su esposto motivo del ricorso, in particolare con violazione degli obblighi di legge che sanciscono e prescrivono il “congruo esame”, l’acquisizione di “informazioni precise e aggiornate”, la concessione al richiedente di una “esposizione esauriente” e la considerazione per veritiere delle dichiarazioni rese dallo stesso se quest’ultimo “ha compito ogni ragionevole sforzo per circostanziare la domanda”.

La cesura non è fondata.

Il Tribunale di Bologna, con il provvedimento impugnato ha dato conto delle fonti alla cui stregua ha valutato la fattispecie.

In particolare risultano (v.: pp. 8/9) esaminate congruamente aggiornate fonti di informazione sulla situazione del paese di origine del richiedente protezione

Il Tribunale stesso ha poi accertato la mancanza, nell’ipotesi, di “seri motivi”, anche personali, per di più neppure addotti ed allegati nemmeno con riguardo a eventuali problematiche di stato di salute.

Con propria congrua valutazione il Giudice del merito ha, quindi, escluso la ricorrenza di una situazione di vulnerabilità.

In ordine alla pretesa inesistenza (allegata, in ispecie, col secondo motivo) di un esame approfondito della fattispecie ed alla mancato svolgimento di un “ruolo attivo nell’istruzione”, va osservato quanto segue.

In ricorso vengono citati alcuni passi di decisioni di questa Corte (Cass. VI-1 n. 26971/2017 e Cass. SU n. 27310/2008) in tema di “ruolo attivo (del Giudice) disancorato dal principio dispositivo proprio del giudizio civile ordinario”.

Tuttavia parte ricorrente non tiene in conto i più recenti orientamenti giurisprudenziali di questa Corte in materia.

In particolare viene del tutto eluso l’insegnamento del più recente orientamento per cui “la domanda diretta ad ottenere il riconoscimento della protezione internazionale non i sottrae all’applicazione del principio dispositivo, sicchè il ricorrente ha l’onere di indicare i fatti costitutivi del diritto azionato, pena l’impossibilità per il Giudice di introdurli d’ufficio nel giudizio” (Cass. n. ri 27336/2018 e 14621/2020).

Nella fattispecie nulla risulta aver allegato -quale fatto costitutivo- la parte ricorrente, così non potendo oggi invocare il detto principio istruttorio officioso.

Non sussiste, quindi, alcuna -pure inammissibilmente lamentata- omessa motivazione e conseguente nullità.

4.- I motivi non sono, quindi, inammissibili, ed il ricorso deve, conseguentemente e nel suo complesso, dichiararsi inammissibile.

5.- Sussistono i presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello previsto per il ricorso principale, a norma del comma 1 bis del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, se dovuto, non risultando -allo stato- il ricorrente ammesso in via definitiva al beneficio del gratuito patrocinio a spese dello Stato.

PQM

La Corte dichiara inammissibile il ricorso.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, si dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello previsto per il ricorso principale, a norma del comma 1 bis dello stesso art. 13, se dovuto.

Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio della Seconda Sezione Civile della Corte Suprema di Cassazione, il 17 novembre 2020.

Depositato in Cancelleria il 5 marzo 2021

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA