Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 6140 del 05/03/2021

Cassazione civile sez. trib., 05/03/2021, (ud. 06/11/2020, dep. 05/03/2021), n.6140

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DE MASI Oronzo – Presidente –

Dott. MONDINI Antonio – Consigliere –

Dott. DELL’ORFANO Antonella – Consigliere –

Dott. MELE Maria Elena – Consigliere –

Dott. BOTTA Raffaele – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 16922/2014 R.G. proposto da:

Agenzia delle entrate, in persona del Direttore pro tempore,

elettivamente domiciliata in Roma, via dei Portoghesi 12, presso

l’Avvocatura Generale dello Stato, che la rappresenta e difende per

legge;

– ricorrente –

contro

Gestioni Immobiliari di L.D. & C. s.a.s., in persona

del legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in

Roma, piazza Risorgimento 14, presso l’avv. Emiliano Rossetto, che

la rappresenta e difende giusta delega a margine del controricorso;

– controricorrente –

e nei confronti di:

D.U., elettivamente domiciliato in Roma, via Eleonora Duse

35, presso l’avv. Stefano Pantalani, che lo rappresenta e difende

giusta delega a margine del controricorso;

– controricorrente –

nonchè

nei confronti di D.M.V. e D.C.;

– intimate –

avverso la sentenza della Commissione Regionale del Lazio (Roma),

Sez. 1, n. 770/01/13, depositata il 19 dicembre 2013, non

notificata. Udita la relazione svolta nella camera di consiglio del

6 novembre 2020 dal Consigliere Raffaele Botta;

Preso atto che il P.G. non ha depositato conclusioni scritte e che la

parte controricorrente ha depositato memoria.

 

Fatto

FATTO E DIRITTO

1. La controversia concerne l’impugnazione di un avviso di rettifica e liquidazione di maggior valore di due immobili (un fabbricato e un terreno edificabile) acquistati dalla società contribuente.

2. Il giudice tributario adito in parziale accoglimento del ricorso riduceva i valori accertati nella misura del 40%. La decisione era riformata in appello, con la sentenza in epigrafe, che dichiarava congruo il valore dichiarato dalla società contribuente. Avverso tale sentenza l’Agenzia delle entrate propone ricorso per cassazione con due motivi. Resistono con controricorso, illustrato anche con memoria, la società contribuente e uno dei danti causa di quest’ultima.

3. Con il primo motivo di ricorso, l’amministrazione denuncia il vizio di motivazione apparente in quanto la sentenza impugnata avrebbe sostenuto la propria decisione affermando la prevalenza nel caso della perizia di parte perchè questa – diversamente da quella dell’Ufficio definita viziata per non aver tenuto conto dello stato fatiscente e di non agibilità dell’immobile – apparirebbe “coerente e priva di errori”, senza tuttavia spiegarne le ragioni.

4. Il motivo è fondato. L’apoditticità della dichiarazione non consente infatti di ricostruire il percorso logico-argomentativo attraverso il quale il giudice è giunto al proprio convincimento che per essere soddisfacente (e quindi intrinsecamente sufficiente) deve essere convincente dando conto specifico degli elementi che sono stati presi in considerazione (ex multis, Cass. n. 3819 del 2020). Resta assorbito il secondo motivo.

5. Pertanto il ricorso deve essere accolto e la sentenza impugnata deve essere cassata con rinvio della causa alla CTR Lazio in diversa composizione che provvederà anche in ordine alle spese della presente fase del giudizio.

P.Q.M.

Accoglie il primo motivo di ricorso, assorbito il secondo, cassa la sentenza impugnata e rinvia, anche per le spese, alla Commissione Tributaria Regionale del Lazio in diversa composizione.

Così deciso in Roma, il 6 novembre 2020.

Depositato in Cancelleria il 5 marzo 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA