Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 6120 del 12/03/2010

Cassazione civile sez. III, 12/03/2010, (ud. 28/01/2010, dep. 12/03/2010), n.6120

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PREDEN Roberto – Presidente –

Dott. FINOCCHIARO Mario – Consigliere –

Dott. MASSERA Maurizio – rel. Consigliere –

Dott. SEGRETO Antonio – Consigliere –

Dott. VIVALDI Roberta – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

R.C., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA CAVOUR,

presso la CORTE DI CASSAZIONE, rappresentata e difesa dall’avvocato

MOBILIA FABRIZIO, giusta mandato speciale a margine del ricorso,

nonchè l’avvocato M.F. in proprio, rappresentato e

difeso da se stesso;

– ricorrenti –

contro

ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI

DELL’AMMINISTRAZIONE PUBBLICA – I.N.P.D.A.P., in persona del suo

Presidente Commissario Straordinario e legale rappresentante pro

tempore, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA SANTA CROCE IN

GERUSALEMME 55, presso lo studio dell’avvocato MARINUZZI DARIO, che

lo rappresenta e difende, giusta procura speciale per atto Notaio

Igor Genghini di Roma del 9/09/09, rep. n. 20893, allegata in atti;

– resistente –

avverso la sentenza n. 584/2008 del TRIBUNALE di MESSINA del

18/03/08, depositata il 26/03/2008;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

28/01/2010 dal Consigliere Relatore Dott. MASSERA Maurizio;

udito l’Avvocato Marinuzzi Dario, difensore del resistente che si

riporta agli scritti;

è presente il P.G. in persona del Dott. SCARDACCIONE Eduardo

Vittorio che nulla osserva rispetto alla relazione scritta.

La Corte, letti gli atti depositati:

 

Fatto

OSSERVA

E’ stata depositata la seguente relazione:

1 – Con ricorso notificato il 15 dicembre 2008 R.C. ha chiesto la cassazione della sentenza, non notificata, depositata in data 26 marzo 2008 (emendata da errore materiale con ordinanza 9 ottobre 2008) dal Tribunale di Messina che, pronunciando in sede di rinvio, aveva condannato l’INPDAP al pagamento di Euro 1.000,00 a titolo di responsabilità aggravata e aveva liquidato globalmente in Euro 1.852,69 le spese processuali.

2 – Con l’unico motivo la ricorrente denuncia violazione dell’art. 91 c.p.c. e della L. 13 giugno 1942, n. 794, art. 24 nonchè del D.M. 8 aprile 2004, n 127; motivazione inesistente su un punto decisivo della controversia. Formula un quesito con il quale chiede alla Corte di stabilire se il giudice possa limitarsi alla liquidazione globale e indistinta delle spese relative a più gradi di giudizio in relazione a ciascuno dei quali è stata prodotta nota specifica.

3. – La precedente sentenza di annullamento aveva demandato al giudice di rinvio anche la regolazione delle spese del giudizio di cassazione. Il Tribunale, come risulta dal dispositivo e dalla successiva ordinanza di correzione di errore materiale, ha condannato l’INDAP “al pagamento delle spese processuali della somma di Euro 1.852,69 oltre I.V.A. e CPA nonchè quelle del giudizio di merito già liquidate …” Occorre al riguardo ribadire i seguenti principi: a) il giudice, nel pronunciare la condanna della parte soccombente al rimborso delle spese e degli onorari, in favore della controparte, deve liquidarne l’ammontare separatamente; ne consegue l’illegittimità della mera indicazione dell’importo complessivo e della mancata specificazione degli onorari e delle spese, in quanto non consente il controllo sulla correttezza della liquidazione, anche in ordine al rispetto delle relative tabelle (Cass. n. 6338 del 2008); pertanto il giudice di rinvio dovrà liquidare le spese indicando analiticamente le singole voci con riferimento a ciascuno dei gradi di giudizio; b) qualora la parte abbia presentato nota specifica con l’indicazione delle spese vive sostenute e dei diritti e onorari spettanti, il giudice non può procedere ad una liquidazione globale al di sotto delle somme richieste, ma è tenuto ad indicare dettagliatamente le singole voci che riduce, perchè chieste in misura eccessiva, o che elimina, perchè non dovute, in modo da consentire l’accertamento della conformità della liquidazione a quanto risulta dagli atti ed alle tariffe in relazione all’inderogabilità dei minimi (Cass. n. 2748 del 2007).

4.- La relazione è stata comunicata al pubblico ministero e notificata ai difensori delle parti;

Non sono state presentate conclusioni scritte nè memorie; il resistente ha chiesto d’essere ascoltato in Camera di consiglio;

5.- Ritenuto:

che, a seguito della discussione sul ricorso, tenuta nella Camera di consiglio, il collegio ha condiviso i motivi in fatto e in diritto esposti nella relazione; che il ricorso deve perciò essere accolto essendo manifestamente fondato;

il giudice di rinvio, che si designa nel medesimo Tribunale in diversa composizione, provvederà anche alle spese del giudizio di cassazione;

visti gli artt. 380 bis e 385 c.p.c..

PQM

Accoglie il ricorso. Cassa e rinvia, anche per le spese del giudizio di cassazione, al Tribunale di Messina in diversa composizione.

Così deciso in Roma, il 28 gennaio 2010.

Depositato in Cancelleria il 12 marzo 2010

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA