Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 6111 del 12/03/2010

Cassazione civile sez. lav., 12/03/2010, (ud. 11/01/2010, dep. 12/03/2010), n.6111

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BATTIMIELLO Bruno – rel. Presidente –

Dott. LAMORGESE Antonio – Consigliere –

Dott. LA TERZA Maura – Consigliere –

Dott. TOFFOLI Saverio – Consigliere –

Dott. MAMMONE Giovanni – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso 8711-2009 proposto da:

S.C., ricorrente che non ha depositato il ricorso nei

termini prescritti dalla legge;

– ricorrente non costituita –

contro

POSTE ITALIANE S.P.A., in persona del Presidente del Consiglio di

Amministrazione e Legale rappresentante pro-tempore, elettivamente

domiciliata in ROMA, VIALE MAZZINI 134, presso lo studio

dell’Avvocato FIORILLO LUIGI, che la rappresenta e difende, giusta

procura speciale ad litem a margine del controricorso e ricorso

incidentale;

– controricorrente e ricorrente incidentale –

– ricorrenti incidentali –

avverso la sentenza n. 1049/2008 della CORTE D’APPELLO di NAPOLI,

depositata il 10/03/2008;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio

dell’11/01/2010 dal Presidente Relatore Dott. BRUNO BATTIMIELLO;

è presente del P.G. in persona del Dott. CARLO DESTRO.

 

Fatto

IN FATTO E IN DIRITTO

S.C. ha notificato in data 10 marzo 2009 ricorso per cassazione a Poste Italiane s.p.a. avverso la sentenza della Corte d’appello di Napoli – sezione Lavoro – n. 1049/2008 pubblicata in data 10 marzo 2008.

Poste Italiane s.p.a. ha resistito con controricorso notificato il 1 aprile 2009 e depositato in cancelleria il 20 aprile successivo.

A seguito di relazione ex art. 380 bis c.p.c. è stata fissata l’adunanza della Corte per la decisione del ricorso in camera di consiglio.

Il ricorso non è stato depositato, come attestato dal certificato negativo della Cancelleria della Corte in data 20 aprile 2009, e pertanto va dichiarato improcedibile ai sensi dell’art. 369 c.p.c..

Le spese del giudizio vanno poste a carico della ricorrente S. C. e si liquidano come in dispositivo.

P.Q.M.

La Corte dichiara il ricorso improcedibile e condanna la ricorrente S.C. alle spese, in Euro 10,00 per esborsi e in Euro 1500,00 per onorario, oltre a spese generali, IVA e CPA. Così deciso in Roma, il 11 gennaio 2010.

Depositato in Cancelleria il 12 marzo 2010

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA