Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 6055 del 04/03/2020

Cassazione civile sez. trib., 04/03/2020, (ud. 17/12/2019, dep. 04/03/2020), n.6055

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SORRENTINO Federico – Presidente –

Dott. GIUDICEPIETRO Andreina – Consigliere –

Dott. D’ANGIOLELLA Rosita – Consigliere –

Dott. CATALDI Michele – rel. Consigliere –

Dott. GUIDA Riccardo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 21841/2013 R.G. proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE, in persona del Direttore pro tempore,

elettivamente domiciliata in Roma, via dei Portoghesi 12, presso

l’Avvocatura Generale dello Stato, che la rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

P.M.;

– intimato –

avverso la sentenza della Commissione tributaria regionale

dell’Umbria n. 128/03/2011, depositata in data 1 luglio 2011.

Udita la relazione svolta nella camera di consiglio del 17 dicembre

2019 dal consigliere Dott. Michele Cataldi

Fatto

RILEVATO

che:

1. All’esito di una verifica fiscale nei confronti di P.M., esercente l’attività di costruzioni edili, la Guardia di finanza ha rilevato, nel relativo processo verbale di constatazione, che il contribuente, negli anni d’imposta 1999-2005/, non ha presentato le dichiarazioni fiscali annuali; e, con riferimento agli anni d’imposta 1999, 2000 e 2001, ha altresì omesso la conservazione delle fatture di vendita e non ha compilato i registri Iva degli acquisti e delle vendite, rinvenuti in bianco e non vidimati.

Pertanto, l’Agenzia delle entrate ha emesso, nei confronti dello stesso contribuente, avviso di accertamento, relativo all’anno d’imposta 2000, con il quale ha ricostruito gli imponibili ai fini Irpef, Iva ed Irap, quantificando le imposte in conseguenza dovute, oltre agli interessi ed alle relative sanzioni.

2. Il contribuente ha impugnato l’accertamento e l’adita Commissione tributaria provinciale di Perugia ha solo in parte accolto il ricorso, riconoscendo i diritto del contribuente alla detrazione corrisposta sulle fatture di acquisto.

3. Proposto appello principale dall’Ufficio, l’adita Commissione tributaria regionale dell’Umbria, con la sentenza n. 128/03/2011, depositata in data 1 luglio 2011, lo ha respinto. Con il medesimo provvedimento, la CTR ha invece accolto parzialmente l’appello incidentale del contribuente, annullando le sanzioni irrogate dall’accertamento impugnato, per il difetto di colpevolezza di quest’ultimo, in considerazione della condanna penale della sua consulente contabile e fiscale, che esercitava abusivamente la professione di commercialista, senza aver conseguito la necessaria abilitazione statale del contribuente.

4. Avverso la sentenza d’appello ha proposto ricorso per cassazione, affidato a due motivi, l’Agenzia delle Entrate.

5. Il contribuente è rimasto intimato.

Diritto

CONSIDERATO

che:

1. Preliminarmente, come dedotto dall’Ufficio ricorrente, il ricorso è tempestivo, tenuto conto anche della sospensione legale dei termini di cui al D.L. 6 luglio 2011, n. 98, art. 39,comma 12, lett. c), convertito, con modificazioni, dalla L. 15 luglio 2011, n. 111, applicabile alle liti fiscali di valore non superiore a 20.000,00 Euro, nell’ambito delle quali è ricompresa anche la controversia sub iudice, il cui valore va determinato ai sensi della L. 27 dicembre 2002, n. 289, art. 16, comma 3, lett. c), richiamato dal cit. art. 39, comma 12, (cfr. Cass. 21/10/2019, n. 26660; Cass. 19/01/2017, n. 1407), e quindi con riferimento a ciascun atto introduttivo del giudizio, indipendentemente dal numero di soggetti interessati e dai tributi in esso indicati, assumendo a base del calcolo l’importo dell’imposta che ha formato oggetto di contestazione in primo grado, al netto degli interessi, delle indennità di mora e delle eventuali sanzioni collegate al tributo, anche se irrogata con separato provvedimento, mentre, in caso di liti relative alla irrogazione di sanzioni non collegate al tributo, delle stesse si tiene conto ai fini del valore della lite.

2. Con il primo motivo, formulato ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, il ricorrente denuncia la violazione e la falsa applicazione del D.Lgs. 18 dicembre 1997, n. 472, artt. 5 e 6, per avere, erroneamente, il giudice a quo ritenuto che la circostanza che la consulente del contribuente esercitasse abusivamente la professione di commercialista, venendo anche condannata in sede penale per tale condotta, potesse integrare l’esimente di cui al D.Lgs. n. 472 del 1997, art. 6.

2.1. Il motivo è fondato.

Infatti, in materia di sanzioni amministrative per violazione di norme tributarie, il predetto D.Lgs. n. 472 del 1997, art. 5, dispone che, nelle violazioni punite con sanzioni amministrative, ciascuno risponde della propria azione od omissione, cosciente e volontaria, sia essa dolosa o colposa.

Secondo il consolidato orientamento di questa Corte, ai fini dell’esclusione di responsabilità per difetto dell’elemento soggettivo, grava sul contribuente la prova dell’assenza assoluta di colpa, occorrendo a tal fine la dimostrazione di versare in stato di ignoranza incolpevole, non superabile con l’uso dell’ordinaria diligenza (cfr., anche in motivazione, Cass. 15/05/2019, n. 12901, ex plurimis).

Pertanto, dopo che l’Amministrazione ha assolto l’onere di provare, eventualmente anche mediante presunzioni semplici, i fatti costitutivi della fattispecie tipica dell’illecito, è il contribuente che voglia andare esente dalla relativa responsabilità a dover dimostrare di aver agito in assenza di colpevolezza.

Nei caso di specie, risultano ormai pacifici i fatti costitutivi della pretesa sanzionatoria, costituiti dall’omessa presentazione delle dichiarazioni fiscali annuali per diversi anni consecutivi e dall’omissione pluriennale degli ulteriori adempimenti contabili descritti nella narrativa della sentenza impugnata, dalla quale non emerge invece che il contribuente abbia dato prova della mancanza della propria colpevolezza.

E’ vero, peraltro, che il D.Lgs. n. 472 del 1997, art. 6, valorizzato dalla motivazione della sentenza d’appello, prevede, al comma 3, che la dimostrazione dell’omessa esecuzione del pagamento di un tributo, dovuta a fatto denunciato all’autorità giudiziaria ed addebitabile esclusivamente a terzi, costituisce un’esimente dalla responsabilità amministrativa tributaria per mancanza di colpevolezza.

Tuttavia, nel caso di specie, non è configurabile tale fattispecie, non trattandosi dei mero omesso pagamento dei tributo, ma dell’omissione di tutte le attività dichiarative, oltre che contabili, strumentali a tale adempimento.

Tanto meno, poi, la circostanza che il contribuente si sia affidato per anni ad una consulente priva dei titoli legittimanti l’esercizio della professione, senza chiedere alcun riscontro della relativa attività pluriennale, può valere, comunque, ad escludere la colpevolezza del trasgressore, che si manifesta invece negligente, essendo incorso sia in culpa in eligendo che in culpa in vigilando (cfr. Cass. 10/03/2017, n. 6223, peraltro relativa allo stesso contribuente ed alla medesima fattispecie, ma per anno d’imposta diverso), non risultando che abbia provato di aver adottato adeguate cautele nell’individuazione della terza persona cui si è rivolto e nella verifica dell’operato di quest’ultima.

3. Con il secondo motivo, formulato ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, il ricorrente denuncia la violazione e la falsa applicazione del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633, artt. 19 e 55, e del D.Lgs. n. 472 del 1997, art. 5, per avere, erroneamente, il giudice a quo ritenuto che la detrazione dell’Iva corrisposta dal contribuente sugli acquisti potesse essere applicata per la sola circostanza che l’Ufficio, nell’accertamento controverso, aveva riconosciuto, ai fini delle imposte dirette, “i costi degli acquisti effettuati”.

Il motivo è fondato.

Infatti, “La neutralità dell’imposizione armonizzata sul valore aggiunto comporta che, pur in mancanza di dichiarazione annuale per il periodo di maturazione, l’eccedenza d’imposta, che risulti da dichiarazioni periodiche e regolari versamenti per un anno e sia dedotta entro il termine previsto per la presentazione della dichiarazione relativa al secondo anno successivo a quello in cui il diritto è sorto, va riconosciuta dal giudice tributario se il contribuente abbia rispettato tutti i requisiti sostanziali per la detrazione, sicchè, in tal caso, nel giudizio d’impugnazione della cartella emessa dal fisco a seguito di controllo formale automatizzato non può essere negato ii diritto alla detrazione se sia dimostrato in concreto, ovvero non sia controverso, che si tratti di acquisti compiuti da un soggetto passivo d’imposta, assoggettati ad IVA e finalizzati ad operazioni imponibili.” (Cass., Sez. U., 08/09/2016, n. 17757).

Pertanto, “In tema di IVA, il diritto alla detrazione deve essere riconosciuto anche nel caso di violazione di requisiti formali di cui alla Dir. n. 77/388/CEE, artt. 18 e 22, (cd. sesta direttiva) – quali la mancata redazione delle dichiarazioni periodiche o di quella annuale, ovvero l’omessa tenuta del registro IVA acquisti – qualora il contribuente dimostri, mediante fatture o altra idonea documentazione contabile, il rispetto dei requisiti sostanziali di cui alla citata Dir., art. 17, purchè detto diritto venga esercitato entro il termine previsto per la presentazione della dichiarazione relativa al secondo anno successivo a quello nel quale è sorto ai sensi del D.P.R. n. 322 del 1998, art. 8, comma 3.” (Cass. 27/07/2018, n. 19938).

Nel caso di specie, così come eccepito dall’ufficio anche nel giudizio di merito (cfr. narrativa della sentenza impugnata) il termine di decadenza, che è quello biennale stabilito dal D.P.R. n. 633 del 1972, art. 19, (già ritenuto compatibile con la normativa unionale: Corte giust. 28 luglio 2016, causa C-332/15, Astone), non è stato rispettato, in considerazione de fatto che ne biennio utile (e per tutto il periodo 1999-2005) non sono state presentate le prescritte dichiarazioni (cfr. Cass. 10/03/2017, n. 6223, cit., relativa allo stesso contribuente ed alla medesima fattispecie, ma per anno d’imposta diverso).

4. Il ricorso va accolto e va quindi cassata la sentenza impugnata in relazione ad entrambi i capi investiti dai motivi accolti.

Non occorrendo ulteriori accertamenti di fatto, il giudizio va deciso nel merito, col rigetto dell’originario ricorso del contribuente, limitatamente ai profili ancora d’interesse.

5. Le spese di merito si compensano per la peculiarità del caso e le spese di legittimità seguono la soccombenza e si liquidano come da dispositivo.

PQM

Accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e, decidendo nel merito, rigetta il ricorso introduttivo del contribuente in relazione ai profili ancora d’interesse.

Compensa le spese dei gradi di merito e condanna l’intimato a rifondere alla ricorrente quelle del giudizio di legittimità, che liquida in Euro 4.000,00 per compensi, oltre alle spese prenotate a debito.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 17 dicembre 2019.

Depositato in Cancelleria il 4 marzo 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA