Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 6030 del 04/03/2021

Cassazione civile sez. VI, 04/03/2021, (ud. 27/10/2020, dep. 04/03/2021), n.6030

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. FERRO Massimo – Presidente –

Dott. SCOTTI L.C.G. Umberto – Consigliere –

Dott. DI MARZIO Mauro – Consigliere –

Dott. TERRUSI Francesco – Consigliere –

Dott. DOLMETTA Aldo Angelo – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 24188-2019 proposto da:

S.C., S.P., (OMISSIS) SAS, in persona dei

legali rappresentanti pro tempore, elettivamente domiciliati in

ROMA, PIAZZA CAVOUR, presso la CORTE DI CASSAZIONE, rappresentati e

difesi dall’avvocato DI TRAPANI FRANCESCO PAOLO;

– ricorrenti –

contro

CURATELA FALLIMENTO (OMISSIS) SRL, CURATELA FALLIMENTO (OMISSIS) SAS,

in persona dei rispettivi Curatori pro tempore, S.C.,

S.P., elettivamente domiciliati in ROMA, PIAZZA CAVOUR,

presso la CORTE DI CASSAZIONE, rappresentati e difesi dall’avvocato

PUCCIO PAOLO;

– controricorrenti –

contro

C.S.;

– intimato –

avverso la sentenza n. 1482/2019 della CORTE D’APPELLO di PALERMO,

depositata il 12/07/2019;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 27/10/2020 dal Consigliere Relatore Dott. DOLMETTA

ALDO ANGELO.

 

Fatto

FATTI DI CAUSA

1. – Con sentenza del giugno 2018, il Tribunale di Sciacca ha dichiarato il fallimento della società di fatto corrente tra la s.r.l. (OMISSIS), già dichiarata fallita con sentenza del febbraio 2017, e la (OMISSIS) s.a.s., nonchè della stessa (OMISSIS) e dei soci di illimitatamente responsabili di quest’ultima.

La (OMISSIS) e i suoi soci illimitatamente responsabili hanno proposto reclamo ex art. 18 L. Fall. avanti alla Corte di Appello di Palermo. Che lo ha respinto con sentenza depositata in data 12 luglio 2019.

2. – Per quanto qui ancora in interesse, la Corte territoriale ha rilevato essere nella specie “manifesto che le due società abbiano collaborato per il perseguimento di un comune scopo imprenditoriale”, così dando nel concreto vita al fenomeno della c.d. supersocietà di fatto.

3. – A conforto di tale rilevazione, la sentenza ha poi proceduto a evidenziare una fitta rete di dati, legami e rapporti anche contrattuali nei fatti intercorsi tra (OMISSIS) e (OMISSIS) e i soci illimitatamente responsabili di quest’ultima.

Per poi concludere, sul tema, che l’insieme di questi elementi propende senz’altro per “far ritenere che le due società avessero costituito, ciascuna effettuando versamenti, un fondo comune, che condividessero le scritture contabili, mentre l’affectio societatis è attestata dalle reciproche prestazioni di garanzie e sostegno economico”.

4. – Rilevata la fallibilità della supersocietà, la Corte territoriale ha poi ritenuto sussistente lo stato di insolvenza della medesima. In proposito, ha osservato che “(OMISSIS) registra alla data del fallimento un debito erariale” di rilevante importo; che anche a carico dei suoi soci illimitatamente responsabili risultano debiti erariali; che pure di elevato montante risulta il passivo fallimentare di (OMISSIS): a una cifra assai significativa si è ragionato – “si staglia il grave indebitamento di ciascuno dei componente della società di fatto”.

D’altra parte – si è aggiunto -, il “patrimonio “essenzialmente immobiliare” intestato alla sola (OMISSIS) … non costituisce in sè considerato indice di solvibilità della supersocietà giacchè necessita di essere liquidato e non consente dunque di procedere con correntezza e regolarità all’assolvimento delle obbligazioni”.

5. – Avverso questa pronuncia la (OMISSIS) s.a.s. e i suoi soci, S.C. e S.P. hanno presentato ricorso, articolando due motivi di cassazione.

Hanno resistito, con unico controricorso, il Fallimento della s.r.l. (OMISSIS) e il Fallimento della s.a.s. (OMISSIS) e dei suoi accomandatari.

6. – Entrambe la parti hanno anche depositato memorie.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

7. – Il primo motivo di ricorso lamenta la violazione degli artt. 2727 e 2729 c.c., come anche dell’art. 147 L. Fall., comma 5.

La Corte di Appello – si assume – è “incorsa nel cosiddetto “vizio di sussunzione” per avere confermato la sentenza di primo grado nella parte in cui ha fondato la presunzione di esistenza della “supersocietà di fatto” tra la (OMISSIS) s.a.s., i suoi soci illimitatamente responsabili e la (OMISSIS) s.r.l. su indizi privi della gravità, precisione e concordanza, incorrendo un una falsa applicazione della norma”.

A quest’enunciato di base fa seguito, nel corpo del motivo svolto, l’indicazione di una serie di precedenti di questa Corte, sia in punto di identificazione dei tratti costitutivi della supersocietà di fatto, sia pure in tema di sindacabilità nel giudizio di legittimità dei criteri di formazione delle prove presuntive da parte del giudice di merito. Segue ancora l’affermazione che taluni degli aspetti, che sono segnalati dalla Corte di Palermo, in realtà “difettano dei requisiti di gravità e precisione”.

8. – Il motivo è inammissibile.

Lo stesso, infatti, si risolve nel richiedere un nuovo esame degli elementi materiali della fattispecie, secondo quanto non è per contro consentito alla valutazione di questa Corte.

D’altro canto, il ricorso all’argomento della “cattiva gestione” da parte degli amministratori e soci delle società implicate – a cui ricorre il motivo per spiegare parte sostantiva degli elementi ritenuti rilevanti dalla Corte siciliana in punto di identificazione della supersocietà di fatto – non è rilievo che possa, sul piano oggettivo, stimarsi idoneo a “ridurre” la gravità e la precisione degli elementi stessi. Trattasi, in definitiva, di un semplice artificio verbale.

9. – Il secondo motivo di ricorso rileva “nullità della sentenza (art. 360 c.p.c., n. 4) in relazione all’art. 132 c.p.c., n. 4, per avere la Corte di Appello omesso di motivare sulla prova dello stato di insolvenza della “supersocietà di fatto” tra la (OMISSIS) s.a.s., i soci illimitatamente responsabili e la (OMISSIS) s.r.l.”.

A avviso del ricorrente, la sentenza afferma, “ma non dimostra, nè motiva”, l’incapacità della società di fatto di adempiere con regolarità alle obbligazioni da essa assunte. La sentenza è nulla per omessa motivazione sullo stato di insolvenza: “non è dato arguirsi sulla base di quali elementi il giudice di secondo grado abbia dedotto l’insolvenza della supersocietà di fatto”.

10. – Il motivo è fondato e merita quindi di essere accolto.

11. – La giurisprudenza di questa Corte ha già chiarito che, per potersi dichiarare il fallimento della c.d. supersocietà di fatto, è necessario, tra l’altro, che la stessa risulti insolvente: posto in specie che non si tratta di un fallimento dipendente (com’è, invece, per il caso dei soci illimitatamente responsabili rispetto al fallimento della supersocietà), ma autonomo. Identificato l’imprenditore fallibile in una supersocietà, la dichiarazione di fallimento non può che scontare un’insolvenza che a questa sia positivamente riferibile.

Il fallimento della supersocietà – si è appunto precisato in questa prospettiva – “costituisce presupposto logico e giuridico della dichiarazione di fallimento, per ripercussione, dei soci”; perciò, l’indagine del giudice dev’essere indirizzata all’accertamento sia dell’esistenza di una società occulta (o di fatto) cui sia riferibile l’attività dell’imprenditore già dichiarato fallito, sia della sua insolvenza”: “all’insolvenza del socio già dichiarato fallito”, del resto, “potrebbe non corrispondere l’insolvenza della s.d.f.” (così Cass., 20 maggio 2016, n. 10507).

E’ dunque necessario il riscontro di una “autonoma e affatto propria insolvenza” della supersocietà, che nel concreto sia fatta oggetto di analisi: con la puntualizzazione che all’esito di questa verifica sarà possibile “giungere anche eventualmente muovendo – quale fatto indiziante – dalla rilevazione dell’insolvenza di uno o più soci, ovvero del socio cui era inizialmente imputabile l’attività economica, ma senza alcuna automatica traslazione ovvero dogmatico esaurimento in esse della prova richiesta, come per tutti gli insolventi fallibili, dall’art. 5 L. Fall.” (cfr. la pronuncia di Cass., 13 giugno 2016, n. 12120).

11. – Nel caso di specie, la sentenza della Corte di Appello ha sì affermato che si “impone la verifica della insolvenza della supersocietà”, ma non ha poi proceduto a effettuare questa pur necessaria verifica. O meglio e con maggior precisione: prima di ogni altra cosa, essa ha trascurato di approntare una verifica che sta a monte di quella relativa alla sussistenza dello stato di insolvenza.

Nei fatti, la sentenza si è limitata a prendere in considerazione dei debiti riferiti (secondo le sue testuali espressioni) a singoli soci della supersocietà (cfr. n. 4). E’ quest’ultima, tuttavia, il soggetto che deve essere preso in considerazione quale soggetto imprenditore e quale soggetto eventualmente insolvente, i suoi soci fallendo solo per “ripercussione” (cfr. n. 10). Per potere procedere alla verifica dell’eventuale insolvenza del soggetto che fallisce in via autonomo, dunque, occorre prima definire il perimetro delle obbligazioni che a questo soggetto – e cioè all’attività di impresa da questo svolta, risultano riferibili.

La constatazione, che una simile verifica – concernendo una società di mera fatto – di necessità prescinde da criteri di imputazione formale e di “spedita del nome”, non può certo fare dimenticare l’eventuale esistenza di debiti che siano solo “personali” dei soci.

12. – In conclusione va accolto il secondo motivo di ricorso, dichiarato inammissibile il primo. Di conseguenza, va cassata per quanto di ragione la sentenza impugnata e la controversia rinviata alla Corte di Appello di Palermo che, in diversa composizione, provvederà anche alle determinazioni relative alle spese del giudizio di legittimità.

P.Q.M.

La Corte accoglie il secondo motivo di ricorsa dichiarato inammissibile il primo. Cassa, per la relativa parte, la sentenza impugnata e rinvia la controversia alla Corte di Appello di Palermo che, in diversa composizione, provvederà anche alle determinazioni relative alle spese del giudizio di legittimità.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio della Sesta Sezione civile – 1, il 27 ottobre 2020.

Depositato in Cancelleria il 4 marzo 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA