Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 6012 del 08/03/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 08/03/2017, (ud. 05/12/2016, dep.08/03/2017),  n. 6012

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DOGLIOTTI Massimo – Presidente –

Dott. RAGONESI Vittorio – Consigliere –

Dott. DI VIRGILIO Rosa Maria – Consigliere –

Dott. CRISTIANO Magda – rel. Consigliere –

Dott. DE CHIARA Carlo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 20444/2015 proposto da:

(OMISSIS) s.r.l., in persona dell’A.U. elettivamente domiciliata in

ROMA, VIA GAVINANA 1, presso lo studio dell’avvocato FRANCESCO

PECORA, che la rappresenta e difende unitamente all’avvocato MARCO

BENITO SALOMONE, giusta delega in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

CASSA di RISPARMIO di BOLZANO s.p.a., in persona del procuratore

p.t., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA TACITO 10, presso lo

studio dell’avvocato ENRICO DANTE, che la rappresenta e difende

unitamente all’avvocato KARL REINSTADLER, giusta procura a margine

del controricorso;

– controricorrente –

e contro

FALLIMENTO (OMISSIS);

– intimato –

avverso la sentenza n. 3288/2015 della CORTE D’APPELLO di MILANO del

16/07/2015 depositata il 27/07/2015;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

05/12/2016 dal Consigliere relatore Dott.ssa MAGDA CRISTIANO;

udito l’avv. Francesco Pecora difensore della ricorrente, che si

riporta agli scritti;

udito l’avv. Erica Dumontel (delega verbale avvocato Dante) difensore

della contro ricorrente, che si riporta agli scritti.

Fatto

FATTO E DIRITTO

E’ stata depositata la seguente relazione:

1) (OMISSIS) s.r.l. impugna con ricorso per cassazione, affidato a tre motivi, la sentenza della Corte d’appello di Milano del 27.7.2015, che ha respinto il reclamo da essa proposto avverso la sentenza dichiarativa del suo fallimento.

Il creditore istante, Cassa di Risparmio di Bolzano s.p.a., ha depositato controricorso, mentre il curatore del fallimento (OMISSIS) s.r.l. non ha spiegato difese.

Con il primo motivo la ricorrente deduce omesso esame circa un fatto decisivo per il giudizio ex art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5), avendo la corte d’appello erroneamente ritenuto provato lo stato di insolvenza della società al momento della dichiarazione di fallimento, nonostante l’integrale pagamento di tutti i debiti sociali in sede di riparto finale.

Con il secondo motivo assume falsa applicazione della L. Fall., art. 5, poichè alla data della dichiarazione di fallimento non sussisteva alcuna insolvenza della società, risalendo invero a circa un anno prima tutti gli indici rilevatori dell’incapacità di fare fronte alle obbligazioni sociali.

Con il terzo motivo denuncia nullità della sentenza per carenza del requisito della motivazione sullo stato di insolvenza.

2) I motivi, da esaminare congiuntamente stante la loro stretta connessione, sembrano tutti manifestamente infondati.

Invero, com’è noto, la riformulazione dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5), disposta dal D.L. 22 giugno 2012, n. 83, art. 54, convertito dalla L. 7 agosto 2012, n. 134, deve essere interpretata, alla luce dei canoni ermeneutici dettati dall’art. 12 preleggi, come riduzione al “minimo costituzionale” del sindacato di legittimità sulla motivazione. Pertanto, è denunciabile in cassazione solo l’anomalia motivazionale che si tramuta in violazione di legge costituzionalmente rilevante, in quanto attinente all’esistenza della motivazione in sè, purchè il vizio risulti dal testo della sentenza impugnata, a prescindere dal confronto con le risultanze processuali. Tale anomalia si esaurisce nella “mancanza assoluta di motivi sotto l’aspetto materiale e grafico”, nella “motivazione apparente”, nel “contrasto irriducibile tra affermazioni inconciliabili” e nella “motivazione perplessa ed obiettivamente incomprensibile”, esclusa qualunque rilevanza del semplice difetto di “sufficienza” della motivazione. (Cass. S.U. 7 aprile 2014, n. 8053).

Nella vicenda all’esame di questa Corte, invece, il giudice del merito ha ampiamente motivato sulle ragioni che hanno concorso a ritenere sussistente lo stato di insolvenza della (OMISSIS) s.r.l. al momento della dichiarazione di fallimento, soffermandosi su tutti gli elementi di fatto sottoposti al suo esame dalle parti ed osservando, in maniera decisiva, che la provvista finanziaria necessaria per fare fronte ai debiti sociali era sopravvenuta soltanto dopo la dichiarazione di fallimento; restano pertanto non suscettibili di esame le censure articolate nei motivi formulati dalla ricorrente, tutte incentrate sulla motivazione resa dalla corte d’appello in ordine al requisito della L. Fall., art. 5

Per le stesse ragioni, infine, va decisamente escluso che la sentenza difetti addirittura in radice del requisito della motivazione, come pure sostenuto dall’istante nei motivi in esame.

3) Il ricorso dovrebbe, in conclusione, essere respinto, con decisione che potrebbe essere assunta in camera di consiglio ai sensi degli artt. 375 e 380-bis c.p.c..

Il collegio ha esaminato gli atti, ha letto la relazione e ne ha condiviso le conclusioni, peraltro non contrastate dalla ricorrente, che non ha depositato memoria.

Il ricorso va pertanto, rigettato.

Le spese del giudizio seguono la soccombenza e si liquidano in dispositivo.

PQM

La Corte rigetta il ricorso e condanna la ricorrente al pagamento delle spese processuali in favore della Cassa di Risparmio di Bolzano s.p.a., che liquida in Euro 7.800, di cui Euro 200 per esborsi, oltre rimborso forfetario e accessori di legge.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, introdotto dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228, art. 1, comma 17, si dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento da parte della ricorrente di un ulteriore importo a titolo di contributo unificato, pari a quello dovuto per la stessa impugnazione.

Così deciso in Roma, il 5 dicembre 2016.

Depositato in Cancelleria il 8 marzo 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA