Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 5917 del 03/03/2020

Cassazione civile sez. VI, 03/03/2020, (ud. 12/09/2019, dep. 03/03/2020), n.5917

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. LOMBARDO Luigi Giovanni – Presidente –

Dott. ABETE Luigi – Consigliere –

Dott. FORTUNATO Giuseppe – Consigliere –

Dott. DONGIACOMO Giuseppe – rel. Consigliere –

Dott. MARCHEIS BESSO Chiara – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 33412-2018 R.G. proposto da:

R.A., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA CAVOUR,

presso la CORTE DI CASSAZIONE, rappresentato e difeso dall’avvocato

ANTONIO ORLANDO;

– ricorrente –

contro

P.C., + ALTRI OMESSI;

– intimati –

per regolamento di competenza avverso l’ordinanza della CORTE

D’APPELLO di SALPANO, depositata il 05/03/2018;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 12/09/2019 dal Consigliere Relatore Dott. GIUSEPPE

DONGIACOMO;

lette le conclusioni scritte del Pubblico Ministero, in persona del

Sostituto Procuratore Generale Dott. IGNAZIO PATRONE, che chiede

alla Corte di dichiarare il ricorso inammissibile, rigettata

l’istanza di riunione.

letta la memoria depositata dal ricorrente.

Fatto

RILEVATO

che:

1. la corte d’appello di Salerno, con l’ordinanza in epigrafe, ha disposto, in ragione della sentenza non definitiva pronunciata in pari data, la rimessione della causa sul ruolo per la nomina di un consulente tecnico d’ufficio;

2.1. R.A., con ricorso notificato il 5/11/2018, ha impugnato – se si tiene conto delle conclusioni ivi esposte e del provvedimento ad esso allegato – la predetta ordinanza (pur se indicata come “provvedimento del 03.05.2018”) con regolamento di competenza, chiedendo che ne sia dichiarata la nullità e/o l’inefficacia;

2.2. il ricorrente, in particolare, a quel che è dato comprendere, ha censurato l’ordinanza impugnata (o, come indicato nella premessa del ricorso, l’ordinanza in data 16/10/2018) nella parte in cui la corte d’appello, a fronte di altro ricorso per regolamento di competenza notificato in data 4/7/2018 e depositato il 9/8/2018, non ha provveduto alla sospensione del giudizio in attesa del relativo esito;

3. i resistenti sono rimasti intimati.

Diritto

RITENUTO

che:

4.1. il regolamento di competenza, in quanto proposto avverso un’ordinanza con la quale la corte d’appello, in ragione della sentenza non definitiva pronunciata in pari data, ha provveduto alla nomina di un consulente tecnico d’ufficio, è palesemente inammissibile;

4.1. la proposizione del regolamento di competenza, del resto, di per sè non determina nè impone la sospensione del processo;

4.2. il ricorso in esame, in ogni caso, è del tutto privo tanto dell’esposizione sommaria dei fatti, come imposto dall’art. 366 c.p.c., n. 3, quanto dell’articolazione di specifici motivi, come imposto dall’art. 360 c.p.c.;

5. non vi sono le condizioni per pronunciarsi sulle spese di lite, in difetto di attività difensiva dei resistenti;

6. occorre dare atto, ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte del ricorrente, di un ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello previsto per la stessa impugnazione, a norma dell’art. 13 cit., comma 1-bis, se dovuto.

PQM

La Corte così provvede: dichiara l’inammissibilità del ricorso; dà atto, ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte del ricorrente, di un ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello previsto per la stessa impugnazione, a norma dell’art. 13 cit., comma 1-bis, se dovuto.

Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio della Sesta Sezione Civile – 2, iL 12 settembre 2019.

Depositato in Cancelleria il 3 marzo 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA