Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 5909 del 03/03/2020

Cassazione civile sez. VI, 03/03/2020, (ud. 12/12/2019, dep. 03/03/2020), n.5909

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SCALDAFERRI Andrea – Presidente –

Dott. SAMBITO Maria Giovanna C. – Consigliere –

Dott. ACIERNO Maria – Consigliere –

Dott. FERRO Massimo – Consigliere –

Dott. NAZZICONE Loredana – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 36302-2018 proposto da:

O.M., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA CAVOUR presso

la CANCELLERIA della CORTE di CASSAZIONE, rappresentato e difeso

dall’avvocato ANGELA GATTO;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’INTERNO COMMISSIONE TERRITORIALE PER IL RICONOSCIMENTO

DELLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE DI BRESCIA;

– intimato –

avverso la sentenza n. 949/2018 della CORTE D’APPELLO di BRESCIA,

depositata il 04/06/2018;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 12/12/2019 dal Consigliere Relatore Dott. LOREDANA

NAZZICONE.

Fatto

RILEVATO

Che:

viene proposto ricorso avverso la sentenza della Corte d’appello di Brescia del 4 giugno 2018, la quale ha respinto l’impugnazione avverso l’ordinanza del Tribunale della stessa città, a sua volta reiettiva del ricorso avverso il provvedimento negativo della Commissione territoriale per il riconoscimento della protezione internazionale;

– che non svolge difese il Ministero intimato;

– che sono stati ritenuti sussistenti i presupposti ex art. 380-bis c.p.c..

Diritto

CONSIDERATO

Che:

il ricorso deduce la violazione del D.Lgs. n. 25 del 2008, art. 8, “ai fini della decisione per l’orientamento sessuale del sig. O.M.”; la “omessa considerazione del D.Lgs. n. 251 del 2007, art. 2”, ai fini del riconoscimento della protezione sussidiaria e “del rilascio del permesso di soggiorno ai sensi del D.Lgs. n. 251 del 2007, art. 14”; la “omessa considerazione del D.Lgs. n. 286 del 1998, art. 5”, con riguardo al diritto alla protezione umanitaria; la “omessa considerazione del principio di uguaglianza sostanziale di cui all’art. 3 Cost.” e “art. 53 della Cedu… ex art. 10 Cost.”, per non avere il ricorrente commesso nessun reato o crimine di guerra, nè “sussistendo i motivi di ordine pubblico o di sicurezza dello Stato di cui all’art. 11”;

– che il ricorso è manifestamente inammissibile;

– che, invero, la corte territoriale ha ritenuto, sulla base del principio della considerazione dello sforzo ragionevole del richiedente e del dovere di cooperazione col medesimo, che non esista nessuna credibilità del richiedente (puntualmente confutandone il racconto), e, dall’altro lato, che non sussiste una situazione di specifica vulnerabilità, neppure addotta;

– che il motivo non censura specificamente le affermazioni della corte territoriale, limitandosi a riportare il testo di norme tra virgolette, senza nessuna attinenza o riferimento al contenuto della decisione impugnata, non sottoposta a critica adeguata, palesandosi inammissibile già per tale ragione;

– che, invero, è inammissibile il ricorso in mancanza della formulazione di specifici motivi, giacchè l’esercizio del diritto d’impugnazione di una decisione giudiziale può considerarsi avvenuto in modo idoneo soltanto qualora i motivi, con i quali esso viene esplicato, si concretino in una critica della decisione impugnata e, quindi, nell’esplicita e specifica indicazione delle ragioni per cui essa è errata, le quali, per essere enunciate come tali, debbono concretamente considerare le ragioni che la sorreggono e da esse non possono prescindere: ne consegue che il motivo che non rispetti tale requisito si deve considerare nullo per inidoneità al raggiungimento dello scopo, e con riguardo al ricorso per cassazione tale nullità, risolvendosi nella proposizione di un “non motivo”, è espressamente sanzionata con l’inammissibilità ai sensi dell’art. 366 c.p.c., comma 1, n. 4 e art. 375 c.p.c., comma 1, n. 1, quale “mancanza dei motivi” (Cass. 08-10-2018, n. 24773, non massimata; nonchè, e plurimis: Cass. 15-05-2019, n. 12982; Cass. 25-02-2019, n. 5415; Cass. 28-02-2018, n. 4610);

– che non occorre provvedere sulle spese di lite.

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso.

Sussistono i presupposti per il versamento da parte del ricorrente dell’ulteriore importo, se dovuto per legge, a titolo di contributo unificato.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio, il 12 dicembre 2019.

Depositato in Cancelleria il 3 marzo 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA