Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 59 del 07/01/2021

Cassazione civile sez. VI, 07/01/2021, (ud. 29/10/2020, dep. 07/01/2021), n.59

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MOCCI Mauro – Presidente –

Dott. CONTI Roberto Giovanni – rel. Consigliere –

Dott. CAPRIOLI Maura – Consigliere –

Dott. LA TORRE Maria Enza – Consigliere –

Dott. DELLI PRISCOLI Lorenzo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 35388-2018 proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE, (OMISSIS), in persona del Direttore pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12,

presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e

difende ope legis;

– ricorrente –

Contro

ME. UNO SRL, in persona del legale rappresentante pro tempore,

elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI BRAGOZZI 30, presso lo

studio dell’avvocato LAURA MARIA CATERINA BONFIGLIOLI, rappresentata

e difesa dagli avvocati CARMINE PASCUCCI, ANTONIO PASCUCCI;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 1812/5/2018 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE della LOMBARDIA, depositata il 19/04/2018;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 29/10/2020 dal Consigliere Relatore Dott. ROBERTO

GIOVANNI CONTI.

 

Fatto

FATTI E RAGIONI DELLA DECISIONE

Premesso che l’Agenzia delle entrate ha proposto ricorso per cassazione, affidato ad un motivo, contro la società M.E. Uno s.r.l., impugnando la sentenza resa dalla CTR Lombardia che, nel confermare la decisione di primo grado, annullò l’avviso di liquidazione relativo alla ripresa dell’imposta di registro da calcolare in misura proporzionale, concernente l’atto di acquisto del diritto di superficie sul lastrico di un fabbricato industriale ove era stato realizzato un impianto fotovoltaico. Secondo la CTR non poteva dubitarsi che l’oggetto dell’alienazione era stato il solo bene traslato e non già la cessione di un’azienda o un ramo d’azienda;

Premesso che la parte intimata si è costituita con controricorso, eccependo preliminarmente la tardività del ricorso per cassazione;

Premesso che si applica, ai fini della tempestività del ricorso per cassazione, del D.L. n. 119 del 2018, comma 11, e che pertanto il procedimento va rimesso all’esame della sezione quinta civile, non ricorrendo i presupposti di cui all’art. 375 c.p.c..

P.Q.M.

Rimette il procedimento alla sezione quinta civile.

Così deciso in Roma, il 29 ottobre 2020.

Depositato in Cancelleria il 7 gennaio 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA