Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 5865 del 03/03/2020

Cassazione civile sez. I, 03/03/2020, (ud. 18/12/2019, dep. 03/03/2020), n.5865

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DI VIRGILIO Rosa Maria – Presidente –

Dott. FEDERICO Guido – Consigliere –

Dott. DI MARZIO Mauro – rel. Consigliere –

Dott. TERRUSI Francesco – Consigliere –

Dott. DOLMETTA Aldo A. – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 19620/2018 proposto da:

Ministero dell’interno, domiciliato in Roma, via dei Portoghesi 12,

presso l’Avvocatura generale dello Stato, che lo rappresenta e

difende per legge;

– ricorrente –

contro

F.M.;

– intimato –

Avverso sentenza della Corte d’appello di Milano, depositata il

20/12/2017;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

18/12/2019 dal cons. Dott. MAURO DI MARZIO.

Fatto

FATTI DI CAUSA

1. – Il Ministero dell’interno ricorre per un mezzo, illustrato da memoria, nei confronti di F.M., contro la sentenza del 20 dicembre 2017 con cui la Corte d’appello di Milano, provvedendo in parziale riforma di sentenza del locale Tribunale, ha riconosciuto al F.M. la protezione umanitaria, già negata dal primo giudice.

2. – F.M. non svolge difese.

3. – La causa è stata rinviata a nuovo ruolo, con ordinanza del 27 giugno 2019, per essere stata rimessa alle Sezioni Unite la questione, tra l’altro, dell’ambito di applicazione della protezione umanitaria riconosciuta in funzione dell’integrazione del richiedente in Italia.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

1. – Il ricorso contiene un unico motivo con cui è denunciata violazione e falsa applicazione del D.Lgs. n. 25 del 2008, art. 32 e del D.Lgs. n. 286 del 1998, art. 5 in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3. Si censura la sentenza impugnata per aver fondato il riconoscimento della protezione umanitaria sul grado di integrazione del richiedente in Italia, in mancanza di un personalizzato raffronto con la situazione del paese di provenienza.

2. – Il ricorso è fondato.

Ha affermato la Corte territoriale, con riguardo alla protezione umanitaria, di poter accogliere la richiesta valorizzando taluni corsi di formazione seguiti dal richiedente, il quale avrebbe così dimostrato di voler acquisire competenze ed autonomie utili per il suo progressivo inserimento sociale sul territorio italiano e nel mondo del lavoro.

Tale affermazione non è conforme a diritto.

Le Sezioni Unite di questa Corte con sentenza del 13 novembre 2019, n. 29460 hanno difatti stabilito che, ai fini del riconoscimento della protezione umanitaria “occorre operare la valutazione comparativa della situazione soggettiva ed oggettiva del richiedente con riferimento al paese di origine, in raffronto alla situazione di integrazione raggiunta nel paese di accoglienza”, sulla scia del principio secondo cui “non può essere riconosciuto al cittadino straniero il diritto al permesso di soggiorno per motivi umanitari considerando, isolatamente ed astrattamente, il suo livello di integrazione in Italia, nè il diritto può essere affermato in considerazione del contesto di generale e non specifica compromissione dei diritti umani accertato in relazione al Paese di provenienza” (Cass. 28 giugno 2018, n. 17072), giacchè “la valutazione della condizione di vulnerabilità che giustifica il riconoscimento della protezione umanitaria deve essere ancorata ad una valutazione individuale, caso per caso, della vita privata e familiare del richiedente in Italia, comparata alla situazione personale che egli ha vissuto prima della partenza ed alla quale egli si troverebbe esposto in conseguenza del rimpatrio, poichè, in caso contrario, si prenderebbe in considerazione non già la situazione particolare del singolo soggetto, ma piuttosto quella del suo Paese di origine, in termini del tutto generali ed astratti, in contrasto con il parametro normativo” (Cass. 3 aprile 2019, n. 9304), il tutto in vista della verifica “se il rimpatrio possa determinare la privazione della titolarità dell’esercizio dei diritti umani al di sotto del nucleo ineliminabile costitutivo della dignità personale” (Cass. 23 febbraio 2018, n. 4455).

Viceversa, la Corte d’appello si è limitata a considerare l’integrazione del richiedente in Italia, facendo riferimento ai corsi di formazione seguiti, omettendo così del tutto la doverosa verifica comparativa di cui si è detto.

Si impone dunque la cassazione della sentenza con rinvio alla Corte d’appello di Milano in diversa composizione che si atterrà a quanto dianzi indicato e provvederà anche alla liquidazione delle spese di questo giudizio di legittimità.

P.Q.M.

accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e rinvia anche per le spese alla Corte d’appello di Milano in diversa composizione.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio della sezione prima civile, il 18 dicembre 2019.

Depositato in Cancelleria il 3 marzo 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA