Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 5854 del 03/03/2020

Cassazione civile sez. VI, 03/03/2020, (ud. 29/01/2020, dep. 03/03/2020), n.5854

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. GRECO Antonio – Presidente –

Dott. ESPOSITO Antonio Francesco – Consigliere –

Dott. CROLLA Cosmo – Consigliere –

Dott. LUCIOTTI Lucio – Consigliere –

Dott. D’AQUINO Filippo – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso iscritto al n. 29895/2018 R.G. proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE (C.F. 06363391001), in persona del Direttore

pro tempore, rappresentata e difesa dall’Avvocatura Generale dello

Stato, presso la quale è domiciliata in Roma, via dei Portoghesi,

12

– ricorrente –

Contro

CATTOLICA ASSICURAZIONE SOC. COOP. (C.F. 00320160237), rappresentata

e difesa dall’Avv. Prof. RAFFAELLO LUPI, dall’Avv. ALESSIA VIGNOLI e

dall’Avv. CLAUDIO LUCISANO, elettivamente domiciliato presso lo

studio di quest’ultimo in Roma, Via Crescenzio, 91

– controricorrente –

avverso la sentenza della Commissione Tributaria Regionale del

Veneto, n. 296/02/2018 depositata in data 6 marzo 2018

Udita la relazione svolta nella camera di consiglio non partecipata

del 29 gennaio 2020 dal Consigliere Relatore Filippo D’Aquino.

Fatto

RILEVATO

CHE:

La contribuente ha impugnato un atto di irrogazione sanzioni relativo all’anno di imposta 2007 a termini del D.Lgs. 18 dicembre 1997, n. 471, art. 6, comma 8, per mancata regolarizzazione di fatture ricevute, contestando l’applicazione della sanzione;

che la CTP di Venezia ha accolto il ricorso della contribuente e la CTR del Veneto, con sentenza in data 6 marzo 2018, ha parzialmente accolto l’appello dell’Ufficio, ritenendo che le fatture emesse sono esenti da IVA, ad eccezione di alcune fatture emesse da istituti di credito, riconoscendo per tali fatture dovute le sanzioni;

che propone ricorso per cassazione l’Ufficio affidato a due motivi;

che la contribuente si è costituita con controricorso, proponendo in via gradata istanza di rimessione della causa alla Corte di Giustizia e alle Sezioni Unite;

che la proposta del relatore è stata comunicata, unitamente al decreto di fissazione dell’adunanza camerale, ai sensi dell’art. 380-bis c.p.c.;

che parte controricorrente ha depositato istanza datata 5 giugno 2019 con cui, dichiarando di avere aderito alla procedura di definizione agevolata delle liti pendenti di cui al D.L. 23 ottobre 2018, n. 119, art. 6, comma 10, e dichiarando di avere versato la prima e unica rata dell’importo dovuto (circostanza in ordine alla quale allega documentazione), chiede la sospensione del procedimento in oggetto sino al 31 dicembre 2020;

che non ricorrono i presupposti di cui all’art. 375 c.p.c., commi 1 e 2.

P.Q.M.

La Corte dispone la rimessione del fascicolo alla Quinta Sezione Civile per la trattazione in pubblica udienza.

Così deciso in Roma, nell’adunanza camerale, il 29 gennaio 2020.

Depositato in Cancelleria il 3 marzo 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA