Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 5783 del 03/03/2021

Cassazione civile sez. trib., 03/03/2021, (ud. 15/12/2020, dep. 03/03/2021), n.5783

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CIRILLO Ettore – Presidente –

Dott. CRUCITTI Roberta – rel. Consigliere –

Dott. GUIDA Riccardo – Consigliere –

Dott. D’ORAZIO Luigi – Consigliere –

Dott. NICASTRO Giuseppe – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso proposto da:

V.V. e O.E., elettivamente domiciliati in Roma,

via Benozzo Gozzoli n. 60, presso lo studio dell’Avv. Pier Paolo

Montone che li rappresenta e difende per procura a margine del

ricorso e dell’Avv. Massimiliano De Salvi;

– ricorrenti –

contro

AGENZIA delle ENTRATE, in persona del Direttore pro tempore,

elettivamente domiciliata in Roma, via dei Portoghesi n. 12 presso

gli Uffici dell’Avvocatura Generale dello Stato che la rappresenta e

difende.

– controricorrente –

per la cassazione della sentenza n. 2752/13 della Commissione

tributaria centrale – Sezione di Milano, depositata il 28 giugno

2013.

Udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

15 dicembre 2020 dal relatore Cons. Roberta Crucitti.

 

Fatto

RILEVATO

che:

la Commissione tributaria centrale-Sezione di Milano, nella controversia originata dall’impugnazione da parte di V.V. e di O.E. di avvisi di accertamento relativi a IRPEF e ILOR delle annualità 1981 e 1982, in accoglimento del ricorso presentato dall’Agenzia delle Entrate avverso la sentenza della Commissione tributaria di secondo grado (di accoglimento del ricorso introduttivo dei contribuenti), confermava la legittimità degli atti impositivi.

In particolare, la Commissione Tributaria Centrale riteneva che, nella fattispecie, non fossero emerse circostanze idonee per il riconoscimento della natura di azienda coniugale all’impresa, i cui redditi erano stati assoggettati a tassazione riconoscendo quale unico titolare V.V..

Avverso la sentenza V.V. e O.E. hanno proposto ricorso, affidato a tre motivi.

L’Agenzia delle entrate resiste con controricorso.

In prossimità dell’adunanza camerale, fissata per la trattazione del ricorso ai sensi dell’art. 380 bis – 1 c.p.c., i ricorrenti – premesso di avere aderito alla definizione agevolata di cui al D.L. n. 193 del 2016, art. 6, convertito con modificazioni dalla L. n. 226 del 2016) e di avere versato integralmente gli importi rateali come da comunicazione dell’Agente di riscossione e da documentazione allegata – hanno depositato istanza con la quale chiedono l’estinzione del processo per cessata materia del contendere, con compensazione delle spese.

Diritto

CONSIDERATO

che:

dopo la proposizione del ricorso, con l’istanza depositata in atti, i ricorrenti hanno manifestato l’intenzione di rinunciare al ricorso;

il ricorso, pertanto, va dichiarato inammissibile per sopravvenuta carenza di interesse con compensazione delle spese di questo giudizio, attesa la peculiarità della vicenda processuale anche alla luce della disciplina condonistica;

nell’ipotesi di causa di inammissibilità sopravvenuta alla proposizione del ricorso per cassazione non sussistono i presupposti per imporre al ricorrente il pagamento del cd. “doppio contributo unificato” (v. tra le altre. Cass. n. 31732 del 07/12/2018).

P.Q.M.

Dichiara inammissibile il ricorso per sopravvenuta carenza di interesse.

Compensa integralmente tra le parti le spese processuali.

Così deciso in Roma, il 15 dicembre 2020.

Depositato in Cancelleria il 3 marzo 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA