Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 5702 del 09/03/2010

Cassazione civile sez. trib., 09/03/2010, (ud. 08/02/2010, dep. 09/03/2010), n.5702

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MIANI CANEVARI Fabrizio – Presidente –

Dott. MAGNO Giuseppe Vito Antonio – Consigliere –

Dott. BERNARDI Sergio – rel. Consigliere –

Dott. BISOGNI Giacinto – Consigliere –

Dott. BOTTA Raffaele – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

Agenzia delle Entrate, in persona del Direttore Centrale pro tempore,

rappresentata e difesa dall’Avvocatura Generale dello Stato, presso

la stessa domiciliata in Roma, via dei Portoghesi n. 12;

– ricorrente –

Z.G.;

– intimato –

avverso la sentenza n. 152/2005 della Commissione tributaria

regionale della Lombardia, depositata in data 22.11.2005;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza dell’8

febbraio 2010;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale dott.

GAMBARDELLA Vincenzo che ha concluso per l’accoglimento del ricorso.

 

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con ricorso alla Commissione tributaria provinciale di Milano, il dottore ingegnere Z.G. chiedeva, previo annullamento dei silenzi rifiuto formatisi sulle proprie istanze di rimborso, la condanna dell’Amministrazione finanziaria alla restituzione della complessiva somma di Euro 11.910,00 versata a titolo di Irap per gli anni dal 1998 al 2001. Il ricorso era accolto per parte dell’anno 1998 e per il 1999, e respinto per gli altri periodi di imposta. La CTR della Lombardia respingeva sia l’appello del contribuente che quello dell’Agenzia delle Entrate, che ricorre per la cassazione della parte della sentenza a sè sfavorevole con tre motivi. Il contribuente intimato non si è difeso.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Motivando il rigetto dell’appello dell’Amministrazione, la CTR ha si è limitata ad osservare: ” … è invece da accogliere l’istanza di rimborso dell’IRAP versata il 27.11.1998, per l’anno 1998, e dell’intera imposta versata per l’anno 1999. Dall’atto di appello proposto dalla Agenzia delle Entrate e dall’appello incidentale del contribuente … non emergono elementi nuovi tali da indurre a conclusioni diverse da quelle cui sono pervenuti i primi Giudici, la cui decisione è pertanto da condividere in toto”.

Col primo motivo di ricorso l’Agenzia delle Entrate censura la sentenza di nullità, ex art. 360 c.p.c., n. 4, rilevando che la motivazione è solo apparente, non indicando neppure per accenno le ragioni della decisione.

Il rilievo è fondato. Il secondo motivo (di merito) resta assorbito.

La sentenza va cassata e la causa rimessa per nuovo esame ad altra sezione della CTR della Lombardia, che deciderà anche sulle spese di questo giudizio.

PQM

Accoglie il primo motivo di ricorso; assorbito il secondo; cassa la sentenza impugnata e rinvia, anche per le spese, ad altra sezione della CTR della Lombardia.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 8 febbraio 2010.

Depositato in Cancelleria il 9 marzo 2010

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA