Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 5657 del 02/03/2020

Cassazione civile sez. trib., 02/03/2020, (ud. 17/12/2019, dep. 02/03/2020), n.5657

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SORRENTINO Federico – Presidente –

Dott. GIUDICEPIETRO Andreina – rel. Consigliere –

Dott. D’ANGIOLELLA Rosita – Consigliere –

Dott. CATALDI Michele – Consigliere –

Dott. GUIDA Riccardo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 1744/2013, proposto da:

Agenzia delle entrate, in persona del direttore p.t., rappresentata e

difesa dall’Avvocatura generale dello Stato, presso i cui uffici, in

Roma, via dei Portoghesi, n. 12, è domiciliata;

– ricorrente –

contro

P.F.D., rappresentato e difeso in proprio ed

elettivamente domiciliato in Roma, alla via Nomentana n. 91, presso

l’avv. Giovanni Beatrice;

– controricorrente – ricorrente incidentale condizionato –

avverso la sentenza n. 82/1/12 della Commissione tributaria regionale

dell’Umbria, emessa in data 11/4/2012, depositata il 18/5/2012 e non

notificata.

Udita la relazione svolta, nella camera di consiglio del 17 dicembre

2019, dal consigliere Dott.ssa Giudicepietro Andreina.

Fatto

RILEVATO

CHE:

l’Agenzia delle entrate ricorre con due motivi per la cassazione della sentenza n. 82/1/12 della Commissione tributaria regionale dell’Umbria (di seguito C.t.r.), emessa in data 11/4/2012, depositata il 18/5/2012 e non notificata, che, in controversia relativa all’impugnazione degli avvisi di accertamento, con cui l’amministrazione finanziaria determinava maggiori imposte per gli anni 2005 e 2006, rigettava l’appello principale dell’Ufficio e dichiarava inammissibile l’appello incidentale del contribuente, compensando le spese di lite;

a seguito del ricorso, l’avv. P.F.D. resiste con controricorso, con cui avanza ricorso incidentale condizionato all’accoglimento di quello principale;

il ricorso è stato fissato per la camera di consiglio del 17 dicembre 2019, ai sensi degli artt. 375 c.p.c., u.c., e art. 380 bis 1 c.p.c., il primo come modificato ed il secondo introdotto dal D.L. 31 agosto 2016, n. 168, conv. in L. 25 ottobre 2016, n. 197;

successivamente, la ricorrente Agenzia ha depositato atto di rinunzia al ricorso, notificato a mezzo p.e.c. alla controparte, che, secondo quanto riportato dalla difesa erariale, ha accettato la rinunzia anche con riguardo alla compensazione delle spese processuali.

Diritto

CONSIDERATO

CHE:

preliminarmente, deve darsi atto che la ricorrente ha rinunziato al ricorso e che la rinunzia, regolarmente notificata alla controparte, è stata accettata da quest’ultima, secondo quanto sostenuto dalla ricorrente, anche con riferimento alla compensazione delle spese processuali;

inoltre, non deve farsi luogo all’esame del ricorso incidentale, avanzato dal controricorrente solo in via condizionata all’eventuale accoglimento di quello principale;

pertanto, il processo deve essere dichiarato estinto per intervenuta rinunzia, ai sensi dell’art. 390 c.p.c., con compensazione tra le parti delle spese del giudizio di legittimità, stante l’accettazione del controricorrente.

P.Q.M.

la Corte dichiara il giudizio estinto per rinuncia e compensa le spese.

Così deciso in Roma, il 17 dicembre 2019.

Depositato in cancelleria il 2 marzo 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA