Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 5587 del 06/03/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 06/03/2017, (ud. 21/11/2016, dep.06/03/2017),  n. 5587

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DOGLIOTTI Massimo – Presidente –

Dott. RAGONESI Vittorio – Consigliere –

Dott. DI VIRGILIO Rosa Maria – Consigliere –

Dott. CRISTIANO Magda – Consigliere –

Dott. GENOVESE Francesco Antonio – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 27531/2015 proposto da:

R.S., elettivamente domiciliato in ROMA, VIALE DELLE

MILIZIE, 34, presso lo studio dell’avvocato LUCA DE FILIPPIS,

rappresentato e difeso dall’avvocato IGNAZIO LONGO, giusta delega a

margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

L.R.F., elettivamente domiciliata in ROMA, DELLA GIULIANA

44, presso lo studio dell’avvocato RAFFAELLO GIOIOSO, che la

rappresenta e difende giusta procura speciale in calce al

controricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 876/2015 della CORTE D’APPELLO di TORINO,

emessa l’11/03/2015 e depositata l’8/05/2015;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

21/11 /2016 dal Consigliere Relatore Dott. FRANCESCO ANTONIO

GENOVESE;

udito l’Avvocato Luca De Filippis (delega Avvocato Ignazio Longo),

per il ricorrente, che si riporta agli scritti;

udito l’Avvocato Raffaele Gioioso, per la controricorrente, che si

riporta agli scritti.

Fatto

FATTO E DIRITTO

Ritenuto che, pur dopo il deposito della proposta di definizione della vertenza, ai sensi dell’art. 380-bis c.p.c., da parte del Consigliere designato, si profilano questioni processuali attinenti alle richieste delle parti nella fase di merito complesse, sicchè è opportuno rimettere alla Pubblica udienza la discussione sui rilevanti profili implicati dall’esame della vertenza.

PQM

La Corte:

Rimette la causa all’udienza pubblica della Sezione 1^ Sezione Civile.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Sesta Civile – 1, della Corte di Cassazione, dai magistrati sopra indicati, il 21 novembre 2016.

Depositato in Cancelleria il 6 marzo 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA