Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 5493 del 28/02/2020

Cassazione civile sez. trib., 28/02/2020, (ud. 10/07/2019, dep. 28/02/2020), n.5493

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. NAPOLITANO Lucio – Presidente –

Dott. GIUDICEPIETRO Andreina – Consigliere –

Dott. GUIDA Riccardo – rel. Consigliere –

Dott. FRACANZANI Marcello – Consigliere –

Dott. PERINU Renato – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 2598/2015 R.G. proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE, in persona del direttore pro tempore,

rappresentata dall’Avvocatura Generale dello Stato, con domicilio

legale in Roma, via dei Portoghesi, n. 12, presso l’Avvocatura

Generale dello Stato.

– ricorrente –

contro

UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI CATANIA (subentrata nei rapporti giuridici

attivi e passivi all’ex CONSORZIO ISTITUTO SUPERIORE DI CATANIA PER

LA FORMAZIONE DI ECCELLENZA), rappresentata e difesa dall’avv.

Salvatore La Rosa, elettivamente domiciliata in Roma, via Orti della

Farnesina n. 155, presso l’avv. Claudia Zhara Buda.

– controricorrente –

avverso la sentenza della Commissione tributaria regionale della

Sicilia, sezione staccata di Catania, sezione n. 18, n. 3368/18/14,

pronunciata il 25/09/2014, depositata il 30/10/2014.

Udita la relazione svolta nella camera di consiglio del 10 luglio

2019 dal Consigliere Riccardo Guida.

Fatto

RILEVATO

che:

1. il Consorzio Istituto Superiore di Catania per la Formazione di Eccellenza (cui è succeduta l’Università degli Studi di Catania) impugnò innanzi alla CTP di Catania il silenzio opposto dall’Amministrazione finanziaria all’istanza di rimborso di IRES e IRAP, versata per le annualità 2004-2005, sostenendo trattarsi di un indebito per la natura non commerciale dell’ente che, perciò, era esente da imposta, ai sensi del D.L. n. 90 del 1990, art. 8, comma 3, convertito dalla L. n. 165 del 1990;

la CTP, con sentenza n. 138/2007, accolse il ricorso e tale decisione venne confermata dalla CTR della Sicilia, con sentenza n. 345/2009, annullata con rinvio giusta ordinanza di questa Corte di legittimità n. 21034/2012;

2. riassunto il giudizio dinanzi al giudice d’appello, da parte dell’Università degli Studi di Catania (nel frattempo subentrata al detto Consorzio), la CTR ha (nuovamente) respinto il gravame dell’Agenzia rilevando, da un lato, la natura non commerciale del Consorzio, attestata dall’assenza della capacità di produrre (attraverso l’organizzazione del capitale e del lavoro altrui) un reddito tassabile, come desumibile dal suo statuto e dalla circostanza che l’Ente era finanziato da contributi statali; dall’altro, l’inammissibilità dell’eccezione in senso stretto, sollevata dall’Agenzia, circa l’irrepetibilità delle somme versate, dedotta per la prima volta in appello;

3. l’Agenzia ricorre per la cassazione di questa sentenza della CTR sulla base di tre motivi, ai quali l’Università degli Studi di Catania resiste con controricorso.

Diritto

CONSIDERATO

che:

1. con il primo motivo del ricorso, denunciando, in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, violazione e/o falsa applicazione dell’art. 2195 c.c., art. 73, comma 1, lett. b), TUIR, l’Agenzia censura la sentenza impugnata per avere ritenuto che il Consorzio avesse la natura di ente non commerciale, mentre, come attestato dallo statuto dell’Ente, esso svolgeva attività di formazione e didattica, rientrante tra quelle commerciali ai sensi dell’art. 2195 c.c.;

2. con il secondo motivo, denunciando, in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, violazione e/o falsa applicazione del D.L. n. 90 del 1990, art. 8, l’Agenzia censura la sentenza impugnata per avere violato tale norma che prevede un regime fiscale agevolato a favore dei collegi universitari legalmente riconosciuti, che sono assoggettati alla vigilanza del ministero per le loro finalità, tra i quali non rientrava il detto Consorzio, come attestato dall’elenco dei collegi riconosciuti consultabile nel sito web “Conferenza dei Collegi Universitari Legalmente Riconosciuti”;

2.1. il primo e il secondo motivo, da esaminare congiuntamente perchè pongono un’identica questione giuridica, sono inammissibili;

la ricorrente, in realtà, propone la propria ricostruzione della vicenda sostanziale, sovrapponendola al quadro fattuale composto dalla CTR. Tali rilievi critici, però, superano il limite del vizio della violazione di legge e sono diretti, in modo non consentito, a sollecitare la Corte, cui è demandato esclusivamente il controllo sulla legalità e sulla logicità della decisione (Cass. 24/11/2016, n. 24012), ad un accertamento di fatto – e cioè se il Consorzio avesse o meno i caratteri dell’ente commerciale – già compiuto dal giudice di merito;

3. con il terzo motivo, denunciando, in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, violazione e/o falsa applicazione del D.L. n. 90 del 1990, art. 8, l’Agenzia premette che il comma 3 di tale articolo prevede che “non si fa luogo a rimborso di imposte già pagate” e censura la CTR per aveva erroneamente affermato l’inammissibilità dell’eccezione d’irripetibilità delle imposte versate, in quanto, in realtà, la stessa Agenzia aveva tempestivamente fatto valere tale eccezione nell’atto di appello;

3.1. il motivo è infondato;

posto che la dedotta irripetibilità delle imposte versate costituisce un fatto impeditivo del diritto al rimborso azionato dalla contribuente, la CTR, nel rilevare l’inammissibilità della doglianza proposta per la prima volta in appello, ha fatto buon governo delle norme (art. 57, comma 2, art. 63, comma 4, proc. trib.), per le quali, in appello, non possono essere proposte nuove eccezioni in senso stretto;

4. ne consegue il rigetto del ricorso;

5. le spese del giudizio di legittimità, liquidate in dispositivo, seguono la soccombenza;

rilevato che risulta soccombente una parte ammessa alla prenotazione a debito del contributo unificato per essere amministrazione pubblica difesa dall’Avvocatura Generale dello Stato, non si applica il D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115 l’art. 13 comma 1-quater, (Cass. 29/01/2016, n. 1778).

P.Q.M.

la Corte rigetta il ricorso e condanna l’Agenzia delle entrate a corrispondere all’Università degli Studi di Catania le spese del giudizio di legittimità, che liquida in Euro 7.800,00, a titolo di compenso, oltre a Euro 200,00, per esborsi, al 15% sul compenso, a titolo rimborso forfetario delle spese generali, e agli accessori come per legge.

Così deciso in Roma, il 10 luglio 2019.

Depositato in Cancelleria il 28 febbraio 2020

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA