Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 5454 del 03/03/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. lav., 03/03/2017, (ud. 16/11/2016, dep.03/03/2017),  n. 5454

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. D’ANTONIO Enrica – Presidente –

Dott. BERRINO Umberto – rel. Consigliere –

Dott. DORONZO Adriana – Consigliere –

Dott. RIVERSO Roberto – Consigliere –

Dott. SPENA Francesca – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 3514-2012 proposto da:

B.G., C.F. (OMISSIS), elettivamente domiciliato in

ROMA, VIA CALABRIA 56, presso lo studio dell’avvocato GIOVANNI

D’AMATO, rappresentato e difeso dagli avvocati NICOLA PELOSI, ORESTE

MARONE, giusta delega in atti;

– ricorrente –

contro

I.N.P.S. – ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE, C.F. (OMISSIS), in

persona del Presidente e legale rappresentante pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA, VIA CESARE BECCARIA 29, presso

l’Avvocatura Centrale dell’Istituto, rappresentato e difeso dagli

Avvocati LUIGI CALIULO, SERGIO PREDEN, ANTONELLA PATTERI, giusta

delega in atti;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 3528/2011 della CORTE D’APPELLO di NAPOLI,

depositata il 21/05/2011 R.G.N. 3806/2007;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

16/11/2016 dal Consigliere Dott. UMBERTO BERRINO;

udito l’Avvocato PELOSI NICOLA;

udito l’Avvocato PATTERI ANTONELLA;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

FRESA Mario, che ha concluso per l’accoglimento del ricorso.

Fatto

FATTI DI CAUSA

Con sentenza del 9/5 – 21/5/2011 la Corte d’appello di Napoli ha rigettato l’impugnazione di B.G., ex dipendente Enel fino al 31.12.2001, avverso la sentenza del giudice del lavoro del Tribunale della stessa sede che, da una parte, gli aveva respinto la domanda nei confronti dell’Inps volta al riconoscimento del diritto di opzione L. n. 335 del 1995, ex art. 1, comma 23, in favore del trattamento pensionistico calcolato secondo il sistema contributivo e, dall’altra, aveva dichiarato cessata la materia del contendere in ordine alla domanda subordinata di più favorevole riliquidazione della pensione secondo il sistema retributivo.

La Corte partenopea, dopo aver dato atto della circostanza che all’udienza del 16.3.2005 il procuratore del ricorrente aveva dichiarato che l’Inps aveva adeguato l’importo della pensione nei termini di cui alla domanda subordinata relativa alla corretta liquidazione della pensione secondo il sistema retributivo e che la relativa statuizione di cessazione della materia del contendere non era stata oggetto di specifiche censure, ha circoscritto l’esame del gravame al contenuto della domanda principale.

A tal riguardo la Corte di merito ha osservato che la domanda era stata inizialmente formulata per il riconoscimento del diritto al trattamento di miglior favore tra il sistema retributivo del Fondo per i dipendenti del settore elettrico e quello contributivo dell’A.G.O., ma che la stessa era stata poi modificata in maniera inammissibile nelle conclusioni dell’atto di appello, in cui il miglior trattamento era stato invocato con riferimento alla diversa comparazione tra il sistema retributivo F.P.E e quello A.G.O. Inoltre, secondo i giudici d’appello, il ricorrente non aveva provato, nè tantomeno dedotto, di aver richiesto all’Inps i conteggi strumentali all’esercizio della predetta opzione prima della domanda di pensione, nè rilevava che egli avesse rivolto tale istanza all’ente previdenziale successivamente alla liquidazione della prestazione, allorquando la domanda non poteva essere più utilmente finalizzata all’esercizio del diritto di opzione, ormai consumatosi per effetto dell’avvenuto calcolo del trattamento pensionistico.

Per la cassazione della sentenza ricorre il B. con un solo motivo, illustrato da memoria ai sensi dell’art. 378 c.p.c..

Resiste con controricorso l’Inps.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

1. Con un solo articolato motivo il ricorrente denunzia i seguenti vizi dell’impugnata sentenza: – Errata interpretazione della domanda in relazione alla L. 8 agosto 1995, n. 335, art. 1, comma 13, e al D.Lgs. 16 settembre 1996, n. 562, art. 3, lett. a) e b);

violazione e falsa applicazione dell’art. 112 c.p.c. e dell’art. 437 c.p.c.; omessa ed insufficiente motivazione, in relazione all’art. 360 c.p.c., nn. 3 e 5.

In pratica, il ricorrente sostiene che la Corte di merito lo avrebbe erroneamente equiparato a quei lavoratori che alla data del 31.12.1995 avevano raggiunto un’anzianità contributiva nel Fondo pensionistico elettrici (F.P.E.) inferiore ai diciotto anni e tale errore avrebbe indotto i giudici di seconde cure a ritenere la domanda di riliquidazione della pensione come subordinata all’esercizio del diritto di opzione tra il trattamento pensionistico retributivo o contributivo. Invece, alla data del 31.12.1995 egli aveva già maturato, in forza dell’anzianità contributiva superiore ai 18 anni, il diritto alla liquidazione della pensione secondo il sistema retributivo, per cui non c’era bisogno di esercitare alcun diritto di opzione che, al contrario, poteva valere solo per coloro che a quella data non avevano maturato la suddetta maggiore anzianità. Quindi, aggiunge il ricorrente, la richiesta formulata in appello non poteva ritenersi inammissibile perchè era diretta solo a far valere il diritto al trattamento pensionistico di miglior favore di cui al D.Lgs. n. 562 del 1996, art. 3, comma 2, lett. a) vale a dire tra quello computato tenendo conto del limite dell’80% della retribuzione pensionabile calcolata secondo le norme in vigore presso l’assicurazione generale obbligatoria (A.G.0) e quello calcolato tenendo come riferimento il tetto massimo dell’88% della retribuzione pensionabile determinata ai fini della individuazione della quota di pensione di cui alla L. n. 335 del 1995, art. 1, comma 12, lett. a).

2. Il ricorso è infondato.

Invero, il giudice d’appello ha dimostrato di aver correttamente interpretato la domanda nel momento in cui ha fatto riferimento alla circostanza che il B. aveva maturato diciotto anni di anzianità contributiva alla data del 31.12.95, spiegando che la domanda era stata inizialmente formulata per il riconoscimento del diritto al trattamento di miglior favore tra il sistema retributivo del Fondo pensione dei dipendenti del settore elettrico (F.P.E.) e quello contributivo dell’assicurazione generale obbligatoria (A.G.O.).

In modo altrettanto chiaro la Corte territoriale ha precisato che tale domanda era stata poi modificata in maniera inammissibile nelle conclusioni dell’atto di appello, in quanto l’appellante aveva finito per invocare il miglior trattamento con riferimento alla diversa comparazione tra il sistema retributivo F.P.E e quello retributivo A.G.O.

3. Oltretutto, il medesimo ricorrente riporta nella propria memoria ex art. 378 c.p.c. il contenuto integrale della domanda formulata in primo grado, dalla quale si evince l’esattezza dell’inquadramento della questione ad opera dei giudici d’appello.

Infatti, il tenore della domanda, come trascritta dal ricorrente in omaggio al principio dell’autosufficienza, era il seguente: “1. Accertare e dichiarare il diritto del ricorrente ad esercitare il diritto di opzione scegliendo il trattamento di miglior favore tra il sistema retributivo del FPE e quello contributivo AGO di cui al D.Lgs. n. 562 del 1996, artt. 1 – 3 e quindi 2 “condannare l’Inps a corrispondere al ricorrente il trattamento pensionistico annuo di Euro 37.747,35 pari ad Euro 2.903,64 mensili con decorrenza dal 1 gennaio 2002”.

Nel tentativo di superare il chiaro ed inequivocabile tenore letterale di tali conclusioni, così come correttamente recepite dai giudici d’appello, il B. si sforza di sostenere nel ricorso che tale domanda doveva necessariamente interpretarsi come esercizio del diritto al miglior trattamento economico, ma pur sempre nell’ambito del criterio retributivo determinabile con una base retributiva pensionabile con riferimento al FPE e/o quella con l’AGO, arrivando a precisare, in sede di memoria, che il riferimento in prime cure al calcolo con il sistema “contributivo” doveva valutarsi come mero errore ovvero elidersi dalla interpretazione della domanda di guisa che la causa petendi ed il petitum potessero avere un senso logico.

4. Senonchè, il ricorrente non formula alcuna censura alla parte della motivazione nella quale è ben spiegato che all’udienza del 16.3.2005 il procuratore di parte attrice aveva dichiarato che l’Inps aveva adeguato l’importo della pensione nei termini di cui alla domanda subordinata, vale a dire quella relativa alla corretta liquidazione della pensione secondo il sistema retributivo. A tal riguardo la stessa Corte chiarisce che la statuizione contenente la dichiarazione di cessazione della materia del contendere sulla domanda subordinata non era stata oggetto di specifiche censure da parte dell’appellante, il quale aveva concluso per l’accoglimento della domanda formulata in via principale, vale a dire quella sopra trascritta nella memoria ex art. 378 c.p.c. dal medesimo ricorrente col chiaro riferimento al diritto di opzione per la scelta del trattamento di miglior favore tra il sistema retributivo del FPE e quello contributivo AGO di cui al D.Lgs. n. 562 del 1996, artt. 1 -3.

5. E’, infine, altrettanto congrua ed immune da rilievi di legittimità la parte della motivazione, non fatta oggetto di specifica censura, incentrata sul rilievo del documentato tardivo esercizio del diritto di opzione di cui trattasi, in quanto l’istanza di riliquidazione della pensione era stata presentata dal ricorrente in data 12.12.2002, cioè in epoca successiva all’avvenuta liquidazione della stessa pensione alla quale un tale diritto di scelta era strumentalmente preordinato.

In definitiva, il ricorso va rigettato.

Le spese del presente giudizio seguono la soccombenza del ricorrente e vanno liquidate come da dispositivo.

PQM

La Corte rigetta il ricorso. Condanna il ricorrente al pagamento delle spese del presente giudizio nella misura di Euro 3100,00 di cui Euyro 3000,00 per compensi professionali, oltre spese generali al 15% ed accessori di legge.

Così deciso in Roma, il 16 novembre 2016.

Depositato in Cancelleria il 3 marzo 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA