Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 5446 del 03/03/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. III, 03/03/2017, (ud. 30/01/2017, dep.03/03/2017),  n. 5446

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DI AMATO Sergio – rel. Presidente –

Dott. DE STAFANO Franco – Consigliere –

Dott. VINCENTI Enzo – Consigliere –

Dott. DELL’UTRI Marco – Consigliere –

Dott. PELLECCHIA Antonella – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 20239/2014 proposto da:

P.C., P.R., I.E., domiciliati ex lege

in ROMA, presso la CANCELLERIA DELLA CORTE DI CASSAZIONE,

rappresentati e difesi dagli avvocati ANGELO TENAGLIA e PAOLA

GIANNANGELI, giusta procura speciale in calce al ricorso;

– ricorrenti –

contro

D.P.M., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA

GERMANICO 96, presso lo studio dell’avvocato LETIZIA TILLI,

rappresentato e difeso dall’avvocato SABATINO CIPRIETTI giusta

procura speciale a margine del controricorso;

– controricorrente –

e contro

S.G.;

– intimato –

avverso la sentenza n. 100/2014 della CORTE D’APPELLO di L’AQUILA,

depositata il 25/01/2014;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

30/01/2017 dal Consigliere Dott. SERGIO DI AMATO;

udito l’Avvocato PAOLA GIANNANGELI;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

MISTRI Corrado, che ha concluso per l’accoglimento del ricorso

p.q.r..

Fatto

RILEVATO IN FATTO

che:

D.P.M. conveniva in giudizio P.C. e P.R., in uno a S.G., per la revocatoria di un atto con cui le prime avevano acquistato dal secondo un appartamento sito nel comune di Penne;

si costituivano in giudizio P.C. e R. deducendo di non aver avuto conoscenza della situazione patrimoniale del S., chiedendo il rigetto della domanda;

il tribunale di Pescara, integrato il contraddittorio con I.E., coniuge in regime di comunione legale con P.C., rigettava la domanda;

la Corte di appello di L’Aquila, investita del gravame da parte del D.P., nella contumacia del S., riformava la sentenza di prime cure accogliendo la revocatoria;

contro tale sentenza ricorrono I.E., P.C. e P.R., mentre resiste con controricorso D.P.M..

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

che:

il ricorso per cassazione non è stato notificato a Giuseppe S.;

secondo la consolidata giurisprudenza di legittimità sussiste litisconsorzio necessario con il debitore alienante per le ipotizzabili conseguenze della pronuncia sulla sua posizione, ferma la valutazione sul possibile interesse del soggetto pretermesso in ragione del coordinamento del principio con quello volto alla tutela della ragionevole durata processuale (cfr. da ultimo Cass. 20/01/2016 n. 895).

PQM

Ordina l’integrazione del contraddittorio nei confronti di S.G. con termine di sessanta giorni per la necessaria notifica.

Così deciso in Roma, il 30 gennaio 2017.

Depositato in Cancelleria il 3 marzo 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA