Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 5383 del 27/02/2020

Cassazione civile sez. I, 27/02/2020, (ud. 01/10/2019, dep. 27/02/2020), n.5383

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CAMPANILE Pietro – Presidente –

Dott. FRASCA Raffaele – Consigliere –

Dott. PARISE Clotilde – Consigliere –

Dott. SCRIMA Antonietta – Consigliere –

Dott. ANDRONIO Alessandro Maria – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso proposto da:

J.P., elettivamente domiciliato in Vicenza, Contrà San

Faustino 27, presso lo studio dell’avv. Davide Verlato, che lo

rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

Ministero dell’Interno, ((OMISSIS));

– intimato –

avverso il decreto del TRIBUNALE di VENEZIA, depositato il

01/06/2018; udita la relazione della causa svolta nella camera di

consiglio non partecipata del 01/10/2019 dal consigliere Dott.

Alessandro M. Andronio.

Fatto

FATTI DI CAUSA

1. Con decreto n. 3078/2017, il Tribunale di Venezia ha rigettato il ricorso proposto dall’interessato avverso il provvedimento di diniego della Commissione territoriale per il riconoscimento della protezione internazionale di Padova, a lui notificato il 1 giugno 2018.

2. Avverso il provvedimento l’interessato ha proposto ricorso per cassazione, depositato il 20 settembre 2018, ammettendo che il decreto non era stato impugnato nel rituale termine di 30 giorni ed era, dunque, divenuto definitivo, ma doveva ritenersi comunque impugnabile ai sensi dell’art. 111 Cost., comma 7, senza il rispetto del termine decadenziale di 30 giorni previsto dalla legge.

3. L’amministrazione intimata non ha svolto difese.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

1. Il ricorso è inammissibile per tardività.

Lo stesso difensore ammette di non avere rispettato il termine di cui al D.Lgs. n. 25 del 2008, art. 3, comma 3-septies, a norma del quale “Il termine per proporre ricorso per cassazione è di trenta giorni e decorre dalla comunicazione del decreto, da effettuare a cura della cancelleria anche nei confronti della parte non costituita”, limitandosi ad asserire che l’interessato aveva ricevuto tardiva comunicazione dal difensore in primo grado del provvedimento di rigetto e aveva avuto difficoltà a reperire un nuovo difensore.

2. Nulla è dovuto per le spese dal ricorrente soccombente, non essendosi costituita la controparte nel presente grado di giudizio.

Va dato atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte del ricorrente, ai sensi del D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1-quater, nel testo introdotto dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228, art. 1, comma 17, di un ulteriore importo a titolo di contributo unificato, in misura pari a quello, ove dovuto, per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

PQM

La Corte, dichiara inammissibile il ricorso.

Ai sensi del D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 quater, nel testo introdotto dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228, art. 1, comma 17, dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato, pari a quello, ove dovuto, per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

Così deciso in Roma, il 1 ottobre 2019.

Depositato in Cancelleria il 27 febbraio 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA