Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 537 del 15/01/2010

Cassazione civile sez. II, 15/01/2010, (ud. 30/11/2009, dep. 15/01/2010), n.537

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SETTIMJ Giovanni – Presidente –

Dott. PETITTI Stefano – rel. Consigliere –

Dott. PARZIALE Ippolisto – Consigliere –

Dott. D’ASCOLA Pasquale – Consigliere –

Dott. DE CHIARA Carlo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

P.G.;

– ricorrente non diligente –

contro

L.L., rappresentato e difeso dagli Avvocati Lo Fermo

Carmelo Renato e Giuseppe Guanciali, per procura in calce al

controricorso, elettivamente domiciliato presso lo studio del secondo

in Roma, via A. Bertoloni n. 41;

– controricorrente –

avverso la sentenza della Corte di cassazione n. 9913/04, depositata

in data 24 maggio 2004;

Udita, la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

30 novembre 2009 dal Consigliere relatore Dott. PETITTI Stefano;

lette le conclusioni del P.M., in persona del Sostituto Procuratore

Generale Dott. RUSSO Rosario, che ha concluso per l’improcedibilita’

del ricorso;

sentito, per il resistente, l’Avvocato Giuseppe Guancioli;

sentito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

SORRENTINO Federico, che si e’ riportato alle conclusioni scritte.

Fatto

RITENUTO IN FATTO

che L.L. ha resistito, con controricorso, al ricorso proposto nei suoi confronti da P.G., con atto notificato in data 1 dicembre 2006, per la revocazione della sentenza di questa Corte n. 9913 del 2004;

che la Procura Generale presso questa Corte, nella requisitoria scritta, ha concluso per l’improcedibilita’ del ricorso;

che, in prossimita’ dell’udienza fissata per la trattazione della causa in Camera di consiglio, il controricorrente ha depositato memoria, rappresentando che, avverso la medesima sentenza, il P. ha proposto altro ricorso, identico al primo, che e’ stato depositato e iscritto a ruolo numero di R.G. 19587/07.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

che, stante la pendenza di due ricorsi avverso la medesima sentenza, si deve procedere alla riunione dei ricorsi stessi, ai sensi dell’art. 335 c.p.c.;

che, pertanto, la causa deve essere rinviata a nuovo ruolo perche’ possa essere fissata la trattazione congiunta dei due ricorsi iscritti ai numeri di R.G. 4139/07 e 19587/07.

P.Q.M.

LA CORTE Rinvia la causa a nuovo ruolo per la trattazione congiunta dei ricorsi iscritti ai numeri di R.G. 4139/07 e 19587/07.

Cosi’ deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Seconda Civile della Corte suprema di Cassazione, il 30 novembre 2009.

Depositato in Cancelleria il 15 gennaio 2010

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA