Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 5367 del 02/03/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 02/03/2017, (ud. 08/02/2017, dep.02/03/2017),  n. 5367

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE L

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CURZIO Pietro – rel. Presidente –

Dott. ARIENZO Rosa – Consigliere –

Dott. FERNANDES Giulio – Consigliere –

Dott. GHINOY Paola – Consigliere –

Dott. MANCINO Rossana – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 11012/2016 proposto da:

D.A., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA OSTIENSE

73/N, presso lo studio dell’avvocato ROSA ANNA MARIA DELNEGRO, che

lo rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

AZZOLINI COSTRUZIONI GENERALI SPA, COMUNE DI PEIO;

– intimati –

per regolamento di competenza avverso la sentenza n. 667/2016 del

TRIBUNALE di TRANI, depositata il 01/04/2016;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio non

partecipata dell’ 08/02/2017 dal Consigliere Dott. PIETRO CURZIO;

lette le conclusioni scritte del P.G. in persona dell’Avvocato

Generale MARCELLO MATERA che chiede che la Corte di Cassazione

accolga il ricorso con le determinazioni di legge.

Fatto

RILEVATO IN FATTO

che: il ricorrente ha depositato un’istanza con la quale chiede un breve rinvio per poter produrre gli avvisi di ricevimento della raccomandata con la quale il ricorso è stato notificato agli intimati, di cui ha chiesto un duplicato a Poste italiane spa (come da documentazione allegata).

Diritto

RITENUTO IN DIRITTO

che: l’istanza merita accoglimento.

PQM

La Corte dispone il rinvio all’udienza del 10 maggio 2017 per consentire il deposito degli avvisi di ricevimento.

Così deciso in Roma, il 8 febbraio 2017.

Depositato in Cancelleria il 2 marzo 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA