Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 5365 del 05/03/2010

Cassazione civile sez. trib., 05/03/2010, (ud. 15/12/2009, dep. 05/03/2010), n.5365

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PAPA Enrico – Presidente –

Dott. MAGNO Giuseppe Vito Antonio – Consigliere –

Dott. SOTGIU Simonetta – Consigliere –

Dott. POLICHETTI Renato – rel. Consigliere –

Dott. MELONCELLI Achille – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

AMMINISTRAZIONE FINANZIARIA DELLO STATO, in persona del Ministro pro

tempore, rappresentata e difesa per legge dalla dall’Avvocatura

Generale dello Stato, domiciliataria in Roma, alla via dei Portoghesi

12;

– ricorrente –

contro

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI PERUGIA, in persona del legale

rappresentante pro tempore, rappresentata e difesa, con procura a

margine del controricorso, dagli avvocati CASTALDO Annibale Serafino

e Guglielmo CASTALDO, e domiciliata elettivamente in Roma, alla via

Savoia 84, presso lo studio dell’avv. Vincenzo MORICONI;

– controricorrente –

per la cassazione della sentenza della Commissione Tributaria

Regionale dell’Umbria del 26 febbraio 2003, depositata col n.

107/5/03 il 30 giugno 2003;

Sentito l’avvocato Paolo Gentili per la ricorrente;

sentito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dr.

APICE Umberto che, riportandosi alle conclusioni scritte, ha chiesto

l’accoglimento del ricorso;

udita, in camera di consiglio, la relazione della causa del Cons. Dr.

Polichetti.

 

Fatto

PREMESSO IN FATTO

che:

L’Amministrazione finanziaria dello Stato ricorre con unico, complesso motivo con cui deduce “violazione e falsa applicazione del D.P.R. n. 601 del 1973, art. 6 e dell’art. 14 disp. gen.; omessa, insufficiente, contraddittoria motivazione su punto decisivo della controversia prospettato dalle parti; in relazione al D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 62 e art. 360 c.p.c., comma 1, nn. 3 e 5”, avverso la sentenza indicata in epigrafe, che ha riconosciuto alla Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia il beneficio della semi-esenzione dall’i.r.pe.g. ai sensi dell’art. 6 citato, disponendo il rimborso di quanto versato in eccedenza per gli anni 1998 e 1999.

La Fondazione resiste con controricorso.

Attivata la procedura di cui all’art. 375 c.p.c., il P.M. chiede l’accoglimento dell’impugnazione.

Diritto

RITENUTO IN DIRITTO

che:

Il ricorso è inammissibile.

Esso è stato proposto dall’Amministrazione Finanziaria, che non era stata parte nel giudizio di appello. Il gravame risulta infatti, dalla stessa sentenza impugnata, proposto, successivamente al 1 gennaio 2001 – con atto depositato il 18 settembre 2002, dalla Agenzia delle entrate, Ufficio di Perugia, onde l’evidente difetto di legittimazione processuale dell’amministrazione odierna ricorrente (per tutte, v. Cass., Sez.un., 3116/2006).

La declaratoria di inammissibilità, conseguita a rilievo di ufficio, comporta la compensazione delle spese di questa fase di giudizio.

PQM

La Corte dichiara inammissibile il ricorso e compensa fra le parti le spese del giudizio di cassazione.

Così deciso in Roma, il 15 dicembre 2009.

Depositato in Cancelleria il 5 marzo 2010

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA