Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 5338 del 06/03/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Ord. Sez. 6 Num. 5338 Anno 2018
Presidente: MANNA FELICE
Relatore: LOMBARDO LUIGI GIOVANNI

ORDINANZA
sul ricorso 1150-2017 proposto da:

Data pubblicazione: 06/03/2018

GRAVINA LUCIANO, elettivamente domiciliato in Roma, Via G. Belli CL’. 4C
39, presso lo studio dell’avvocato Giuseppina Nesci, rappresentato e
difeso dall’avvocato Giuseppe Bruno;
– ricorrente contro
GRAVINA CARMINE, elettivamente domiciliato in Roma, Via
Lungotevere Flaminio 26, presso lo studio dell’avvocato Francesco
Giglio, rappresentato e difeso dall’avvocato Francesco Sapone;
– controricorrente –

avverso la sentenza n. 774/2016 della CORTE D’APPELLO di
CATANZARO, depositata il 18/05/2016;

>715

A2
,

1

Udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del
21/12/2017 dal Consigliere LUIGI GIOVANNI LOMBARDO.

Rilevato che:
– Gravina Luciano ha proposto un unico motivo di ricorso per la

territoriale, in riforma della pronuncia di primo grado e in
accoglimento della domanda proposta da Gravina Carmine, dichiarò
quest’ultimo proprietario dell’appartamento posto al primo piano dello
stabile sito nel comune di Fuscaldo (località Fuscaldo Marina), e
condannò Gravina Luciano al rilascio dello stesso;
– Gravina Carmine ha resistito con controricorso;
Considerato che:
– il ricorso risulta essere stato proposto dopo la scadenza del
termine di impugnazione di cui all’art. 325 secondo comma cod. proc.
civ., in quanto la sentenza impugnata è stata notificata il 12/7/2016
(con conseguente scadenza del termine di 60 giorni, considerata la
sospensione per il periodo feriale, 1’11/10/2016), mentre il ricorso è
stato proposto il 21/12/2016;

il ricorso va, pertanto, dichiarato inammissibile, con

conseguente condanna della parte ricorrente, risultata soccombente,
al pagamento delle spese processuali, liquidate come in dispositivo;
– ricorrono i presupposti di cui all’art. 13 comma 1-quater D.P.R.
n. 115/2002 per il raddoppio del versamento del contributo unificato;
P. Q. M.

dichiara inammissibile il ricorso e condanna la parte ricorrente al
pagamento, in favore della parte controricorrente, delle spese del
giudizio di legittimità, che liquida in Euro 3.300,00 (tremilatrecento)

-2-

cassazione della sentenza di cui in epigrafe, con la quale la Corte

per compensi, oltre alle spese forfettarie nella misura del 15%, agli
esborsi liquidati in Euro 200,00 ed agli accessori di legge.
Ai sensi dell’art. 13 comma 1-quater del D.P.R. n. 115 del 2002,
dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte
del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato
pari a quello dovuto per il ricorso.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio della Sesta Sezione

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA