Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 5312 del 04/03/2011

Cassazione civile sez. lav., 04/03/2011, (ud. 11/01/2011, dep. 04/03/2011), n.5312

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BATTIMIELLO Bruno – Presidente –

Dott. TOFFOLI Saverio – Consigliere –

Dott. IANNIELLO Antonio – Consigliere –

Dott. ZAPPIA Pietro – Consigliere –

Dott. CURZIO Pietro – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso 10361/2010 proposto da:

R.F. ((OMISSIS)) elettivamente domiciliato in

ROMA, PIAZZA LIBERTA” 20, presso lo studio dell’avvocato ANDREA

RUSSO, rappresentato e difeso dagli avvocati MIRENGHI Michele, VITI

STEFANO, giusta procura speciale a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

C.E.;

– intimato –

avverso la sentenza n. 3897/2008 della CORTE D’APPELLO di ROMA del

14.5.08, depositata il 20/04/2009;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio

dell’11/01/2011 dal Consigliere Relatore Dott. PIETRO CURZIO.

E’ presente il Procuratore Generale in persona del Dott. RENATO

FINOCCHI GHERSI.

Fatto

FATTO E DIRITTO

R.F. chiede l’annullamento della sentenza della Corte d’Appello di Roma, che ha confermato la decisione di primo grado con la quale era stato riconosciuta la sussistenza di un rapporto di lavoro subordinato tra C.E., pittore, e l’impresa edile del R..

Il ricorso è articolato in tre motivi.

Il primo riguarda la pretesa nullità del ricorso per violazione dell’onere di indicare i fatti sui quali si fonda la domanda di riconoscimento della natura subordinata del rapporto. Sul punto la sentenza spiega con precisione perchè l’esposizione deve essere ritenuta adeguata.

Il secondo si risolve in una richiesta di rivalutazione della prova.

Il terzo si basa sulla pretesa violazione dell’art. 22 del contratto collettivo nazionale degli edili, di cui non si indica la data di stipulazione ed il cui testo, in violazione dell’art. 369 c.p.c., n. 4, non viene depositato.

Il ricorso è pertanto, nel suo complesso manifestamente infondato e deve essere rigettato.

Nulla sulle spese perchè il C. non ha svolto attività difensiva.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso. Nulla spese.

Così deciso in Roma, il 11 gennaio 2011.

Depositato in Cancelleria il 4 marzo 2011

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA