Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 5255 del 01/03/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 01/03/2017, (ud. 13/01/2017, dep.01/03/2017),  n. 5255

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. RAGONESI Vittorio – Presidente –

Dott. DI VIRGILIO Rosa Maria – Consigliere –

Dott. SCALDAFERRI Andrea – Consigliere –

Dott. DI MARZIO Mauro – Consigliere –

Dott. LAMORGESE Antonio Pietro – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso per regolamento di competenza iscritto al n. R.G.

273042015 proposto da:

P.N.A.C.I. – PRESIDENZA NAZIONALE AZIONE CATTOLICA ITALIANA, C.F.

(OMISSIS), in persona del suo procuratore, elettivamente domiciliato

in ROMA, VIA ANTONIO MORDINI 14, presso lo studio dell’avvocato

MANLIO ABATI, che lo rappresenta e difende unitamente e

disgiuntamente all’avvocato CRISTIANO ANNUNZIATA giusta procura in

calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

FALLIMENTO N. (OMISSIS) S.R.L. IN LIQUIDAZIONE, P.I. (OMISSIS), in

persona del Curatore, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA BOCCA

DI LEONE, 78, presso lo studio dell’avvocato PIERANTONIO MORABITO DE

LUCA, che lo rappresenta e difende unitamente e disgiuntamente

all’avvocato P.M. giusta procura speciale a margine del

controricorso;

– controricorrente –

sulle conclusioni scritte del P.G. in persona della D.ssa ZENO

Immacolata che sollecita l’accoglimento del ricorso, ordinandosi la

prosecuzione del processo illegittimamente sospeso;

avverso l’ordinanza del TRIBUNALE di ROMA, emessa l’8/10/2015 e

depositata il 09/10/2015;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 13/1/2017 dal Consigliere Relatore Dott. ANTONIO

PIETRO LAMORGESE.

Fatto

PREMESSO IN FATTO

che:

il Tribunale di Roma, sezione fallimentare, ha ordinato la sospensione del giudizio di opposizione allo stato passivo del Fallimento n. (OMISSIS) srl, in attesa della definizione del giudizio di appello, ritenuto pregiudiziale, avverso la sentenza del Tribunale di Roma, sezione ordinaria, n. 20031/13, che aveva dichiarato improcedibile la medesima domanda proposta dalla creditrice PNACI contro la società debitrice in bonis; la PNACI ha proposto regolamento di competenza; il Fallimento ha resistito; il PG ha chiesto l’accoglimento del ricorso.

Diritto

RITENUTO IN DIRITTO

che:

la domanda di accertamento di un credito o di condanna al pagamento contro il fallito è inammissibile o improcedibile, in guanto soggetta al rito speciale ed esclusivo previsto dalla L.Fall., artt. 93 ss., (v., tra le tante, Cass. n. 25674/2015, n. 7967/2008, sez. un. n. 21499 e 23077/2004), restando esclusa la possibilità di sospendere il giudizio di opposizione allo stato passivo, nel caso in cui sia pendente altro giudizio in sede ordinaria per l’accertamento del medesimo credito verso la società in bonis, poi fallita.

PQM

La Corte annulla l’ordinanza di sospensione e dispone la prosecuzione del giudizio dinanzi al Tribunale di Roma, sezione fallimentare, cui demanda di provvedere sulle spese della presente fase.

Così deciso in Roma, il 13 gennaio 2017.

Depositato in Cancelleria il 1 marzo 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA