Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 5234 del 17/02/2022

Cassazione civile sez. VI, 17/02/2022, (ud. 01/12/2021, dep. 17/02/2022), n.5234

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. AMENDOLA Adelaide – Presidente –

Dott. CIRILLO Francesco Maria – Consigliere –

Dott. ROSSETTI Marco – rel. Consigliere –

Dott. DELL’UTRI Marco – Consigliere –

Dott. TATANGELO Augusto – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA PER CORREZIONE DI ERRORE MATERIALE

sul ricorso 21672-2019 proposto da:

COMUNE DI VENEZIA, in persona del Sindaco pro tempore, elettivamente

domiciliato in ROMA, VIA BARNABA TORTOLINI 34, presso lo studio

dell’avvocato NICOLO’ PAOLETTI, che lo rappresenta e difende

unitamente agli avvocati NICOLETTA ONGARO, ANTONIO IANNOTTA;

– ricorrente –

contro

D.D.;

– intimato –

avverso l’ordinanza n. 11603/2019 della CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

di ROMA, depositata il 03/05/2019;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio non

partecipata del 01/12/2021 dal Consigliere Relatore Dott. MARCO

ROSSETTI.

 

Fatto

FATTI DI CAUSA

1. Il Comune di Venezia ha presentato istanza di correzione di errore materiale dell’ordinanza di questa Corte 3 maggio 2019 n. 11603, deducendo che nel dispositivo è erroneamente indicato il nome di battesimo della propria controparte, soccombente condannata alla rifusione delle spese.

2. D.D. è rimasto intimato.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

1. Palese è la sussistenza dell’errore materiale segnalato dalla parte ricorrente: negli atti di causa, nell’epigrafe della corrigenda ordinanza ed a pagina 2 della motivazione, infatti, l’allora ricorrente è indicato come ” D.D.”, mentre a pagina 9 della citata ordinanza la parte soccombente è indicata con il nome di ” D’.Da.”.

2. L’ordinanza 11603/19 di questa Corte va pertanto corretta sostituendo, ovunque ricorrente, il nome ” D.D.” al nome ” D’.Da.”.

PQM

-) dispone che l’ordinanza di questa Corte del 3 maggio 2019 n. 11603 sia corretta così come indicato in motivazione;

-) manda alla Cancelleria di annotare la correzione sull’originale della predetta sentenza.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sesta Sezione civile della Corte di cassazione, il 1 dicembre 2021.

Depositato in Cancelleria il 17 febbraio 2022

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA