Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 522 del 12/01/2011

Cassazione civile sez. III, 12/01/2011, (ud. 10/11/2010, dep. 12/01/2011), n.522

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DI NANNI Luigi Francesco – Presidente –

Dott. SPAGNA MUSSO Bruno – Consigliere –

Dott. SPIRITO Angelo – rel. Consigliere –

Dott. TRAVAGLINO Giacomo – Consigliere –

Dott. D’AMICO Paolo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 22147/2006 proposto da:

F.L., (OMISSIS), elettivamente domiciliata in

ROMA, VIA CELIMONTANA 38, presso lo studio dell’avvocato PANARITI

Benito, che la rappresenta e difende unitamente all’avvocato VENERI

MASSIMO giusta delega a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

G.L. (OMISSIS), elettivamente domiciliato in

ROMA, VIA PANAMA 12, prillo lo studio dell’avvocato COLARIZZI

Massimo, che lo rappresenta e difende unitamente all’avvocato

GUARNATI MARIO VITTORIO giusta delega a margine del controricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 1199/2006 del TRIBUNALE di VERONA, Sezione 2^

Civile, emessa il 2/2/2006, depositata il 20/04/2006; R.G.N.

10483/2004.

udita la relazione della causa svolta nella Pubblica udienza del

10/11/2010 dal Consigliere Dott. ANGELO SPIRITO;

udito l’Avvocato Fabrizio MOZZILLO per delega Massimo COLARIZI;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

MARINELLI Vincenzo, che ha concluso per il rigetto.

La Corte:

Fatto

RILEVATO IN FATTO

che con la sentenza ora impugnata per cassazione il Tribunale di Verona ha respinto l’opposizione all’esecuzione proposta dalla F. avverso l’atto di pignoramento notificato il 13 settembre 2004 dal G.;

che il ricorso per cassazione della F. è svolto in tre motivi e ad esso resiste il G. a mezzo di controricorso.

Diritto

OSSERVA IN DIRITTO

che il ricorso per cassazione, siccome proposto avverso sentenza depositata in data successiva al 2 marzo 2006, è soggetto, quanto alla formulazione dei motivi, al regime dell’art. 366 bis c.p.c.;

che, in particolare, nei casi previsti dall’art. 360, nn. 1, 2, 3 e 4, il motivo deve concludersi, a pena d’inammissibilità, con la formulazione di un quesito di diritto; nel caso dell’art. 360 c.p.c., n. 5, è imposta la chiara indicazione del fatto controverso in relazione al quale la motivazione s’assume omessa o contraddittoria e le ragioni per le quali la dedotta insufficienza della motivazione la rende inidonea a giustificare la decisione;

quanto a quest’ultimo caso, la norma è stata interpretata nel senso che il motivo deve concludersi con un “momento di sintesi che ne circoscriva puntualmente i limiti” (Cass. sez. un. 20603 del 2007);

che, riguardo al ricorso in trattazione, i quesiti non corrispondono al paradigma sopra configurato, risolvendosi in generiche affermazioni di principio, non idonee a prospettare sinteticamente alla Corte la questione in ordine alla quale è chiesta la delibazione;

che, dunque, il ricorso deve essere dichiarato inammissibile, con condanna della ricorrente a rivalere la controparte delle spese sopportate nel giudizio di cassazione.

P.Q.M.

Dichiara inammissibile il ricorso e condanna la ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di cassazione, che liquida in complessivi Euro 2200,00, di cui Euro 200,00 per spese, oltre spese generali ed accessori di legge.

Così deciso in Roma, il 10 novembre 2010.

Depositato in Cancelleria il 12 gennaio 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA