Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 5219 del 21/02/2019

Cassazione civile sez. III, 21/02/2019, (ud. 29/01/2019, dep. 21/02/2019), n.5219

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. TRAVAGLINO Giacomo – Presidente –

Dott. SESTINI Danilo – rel. Consigliere –

Dott. OLIVIERI Stefano – Consigliere –

Dott. SCODITTI Enrico – Consigliere –

Dott. TATANGELO Augusto – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 23593/2017 proposto da:

D.M.R.M., elettivamente domiciliato in ROMA, C/O AVV.

D’AGOSTINO NICOLETTA, VIA FEDELE LAMPERTICO 12, presso lo studio

dell’avvocato FRANCO PERFETTI, che lo rappresenta e difende giusta

procura speciale in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

M.V., domiciliato ex lege in ROMA, presso la CANCELLERIA

DELLA CORTE DI CASSAZIONE, rappresentato e difeso dagli avvocati

PAOLO PASQUALI, ANTONIO MACCHIARINI giusta procura speciale in calce

al controricorso;

BERKSHIRE HATHAWAY INTERNATIONAL INSURANCE LIMITED, RAPPRESENTANZA

GENERALE PER L’ITALIA, in persona del procuratore speciale

MA.AN., elettivamente domiciliata in ROMA, PIAZZA CAVUOR 19, presso

lo studio dell’avvocato MICHELE ROMA, che la rappresenta e difende

unitamente all’avvocato CARLO FRANCESCO GALANTINI giusta procura

speciale in calce al controricorso;

AZIENDA USL TOSCANA NORD OVEST già AZIENDA USL (OMISSIS) MASSA

CARRARA in persona del suo Direttore Generale Dott.ssa

D.L.M.T., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA BRENTA 2-A,

presso lo studio dell’avvocato ISABELLA MARIA STOPPANI,

rappresentata e difesa dagli avvocati VINCENZINA RITA LIGUORI,

FRANCO BERTOLINI giusta procura speciale in calce al controricorso;

– controricorrente –

e contro

ALLIANZ SPA;

– intimata –

avverso la sentenza n. 878/2016 della CORTE D’APPELLO di GENOVA,

depositata il 01/08/2016;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

29/01/2019 dal Consigliere Dott. DANILO SESTINI.

Fatto

RILEVATO

che:

D.M.R.M. convenne in giudizio il Dott. M.V. (primario oculista) e l’Azienda USL n. (OMISSIS) di Massa e Carrara per essere risarcito dei danni conseguiti ad un intervento di rimozione di cataratta cui era stato sottoposto presso l’Ospedale di (OMISSIS), dal quale era derivato un distacco retinico che non aveva potuto essere risolto nonostante due successivi interventi effettuati presso altri nosocomi e che aveva determinato la completa perdita del visus;

sia il M. che l’Azienda Usl resistettero alla domanda e chiamarono in causa, per l’eventuale manleva, le rispettive compagnie assicuratrici, ossia la RAS s.p.a e la Sompo Japan Insurance Company of Europe Ltd, che si costituirono in giudizio contestando la domanda attorea;

Il Tribunale di Massa e Carrara rigettò la domanda del D.M., compensando le spese di lite;

la sentenza è stata confermata dalla Corte di Appello di Genova, che ha condannato il D.M. al pagamento delle spese del grado;

ha proposto ricorso per cassazione il D.M. affidandosi a cinque motivi illustrati da memoria; hanno resistito, con distinti controricorsi, M.V., la Azienda Toscana Nord Ovest (già Azienda USL di Massa e Carrara) e la Berkshire Hathaway International Insurance Limited (succeduta già nel corso del giudizio di appello alla Sompo Japan Insurance).

Considerato che, all’esito della discussione in camera di consiglio, è emersa l’opportunità, in ragione delle questioni giuridiche sottese al ricorso, di rimettere il fascicolo alla trattazione in pubblica udienza.

PQM

La Corte rimette la causa alla pubblica e rinvia a nuovo ruolo.

Così deciso in Roma, il 29 gennaio 2019.

Depositato in Cancelleria il 21 febbraio 2019

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA