Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 5174 del 28/02/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. trib., 28/02/2017, (ud. 17/01/2017, dep.28/02/2017),  n. 5174

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BIELLI Stefano – Presidente –

Dott. BRUSCHETTA Ernestino Luigi – Consigliere –

Dott. CAIAZZO Rosario – Consigliere –

Dott. FUOCHI TINARELLI Giuseppe – rel. Consigliere –

Dott. TEDESCO Giuseppe – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso iscritto al n. 25041/2012 R.G. proposto da:

SIDEF Spa, in persona del legale rappresentante Sig.

D.S., rappresentata e difesa dall’Avv. Antonio TIGANI SAVA, con

domicilio eletto presso lo studio legale TIGANI SAVA BONTEMPI

VACCARO, in Roma, Via Adelaide Ristori, n. 9;

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE, in persona del Direttore pro tempore,

rappresentata e difesa dall’Avvocatura Generale dello Stato, presso

la quale è domiciliata in Roma, via dei Portoghesi n. 12;

– intimato –

avverso la sentenza della Commissione tributaria regionale delle

Marche n. 121/04/11, depositata il 21 settembre 2011;

Udita la relazione svolta nella pubblica udienza del 17 gennaio 2017

dal Cons. Giuseppe Fuochi Tinarelli;

udito l’Avv. Lucia Bontempi per delega dell’Avv. Tigani, che si

riporta al ricorso;

udito l’Avv. Gianna Galluzzo che si riporta al controricorso;

udito il Pubblico Ministero, in persona del Sostituto Procuratore

Generale SORRENTINO Federico, che ha concluso chiedendo il rigetto

del ricorso.

Fatto

RITENUTO IN FATTO

1. Con avviso di accertamento l’Agenzia delle entrate rettificava il reddito della SIDEF Spa per l’anno 2006, ritenendo l’avvenuta dichiarazione di costi indeducibili, l’indebita utilizzazione del fondo svalutazione crediti per perdite, nonchè una maggiore imposta IVA, attesa, con particolare riguardo alla fattura n. (OMISSIS), la mancata fatturazione per inapplicabilità del regime di esenzione stante la tempestiva comunicazione da parte del cliente di non poterne fruire.

2. Sul ricorso della contribuente, la CTP di Ascoli Piceno annullava l’atto impositivo. La decisione, peraltro, era parzialmente riformata dalla CTR delle Marche, che riteneva dovuta l’IVA quanto alla fattura (OMISSIS).

3. Con un unico motivo, limitato alla questione residua, la SIDEF Spa ha proposto ricorso per cassazione. Resiste con controricorso l’Agenzia delle entrate.

Il collegio delibera l’utilizzazione di una motivazione semplificata.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

4. Con un articolato motivo la SIDEF Spa denuncia, ai sensi dell’art. 360 c.p.c., n. 3, violazione e falsa applicazione del D.L. n. 746 del 1983, art. 1, comma 1, lett. c) conv. con modif. in L. n. 17 del 1984, e del D.P.R. n. 633 del 1972, art. 6 nonchè del principio presuntivo di “affidamento e buona fede del contribuente” e di irrilevanza del comportamento tenuto da quest’ultimo “in assenza di danno erariale”, censurando altresì l’insufficiente motivazione circa un fatto controverso e decisivo per il giudizio ex art. 360 c.p.c., n. 5.

Rileva, in particolare, che la CTR non ha considerato che la fatturazione dell’IVA era stata omessa perchè il cliente, esportatore abituale, aveva comunicato, a mezzo fax e solo in data 18 novembre 2013, che l’operazione non era esente, così disponendo la revoca della lettera d’intenti del 2 gennaio 2003. Tale comunicazione era tardiva ed irrituale rispetto a quanto previsto dal D.L. n. 746 del 1983, art. 1, comma 12, lett. c, perchè intervenuta dopo l’operazione, che, quale cessione di beni mobili, doveva ritenersi compiuta al momento della consegna o spedizione. La mancata applicazione dell’IVA, peraltro, sarebbe avvenuta in buona fede, sull’affidamento generato dalla lettera d’intenti, tanto più che, in ogni caso, era assente ogni danno per l’erario poichè, ove applicata, sul relativo pagamento la società avrebbe potuto esercitare il diritto di detrazione.

4.1. Il motivo è in parte infondato in parte inammissibile.

Il D.L. n. 746 del 1983, art. 1, comma 1, lett. c), conv. con mod. nella L. n. 17 del 1984, nel testo applicabile ratione temporis, fonda le condizioni legittimanti il riconoscimento dell’esenzione dell’imposta IVA e il cui nucleo essenziale è costituito dall’esistenza di una tempestiva dichiarazione d’intenti da parte del beneficiario, regolarmente comunicata con le forme ed ai destinatari previsti dalla norma, sicchè, in mancanza di anche uno solo di tali elementi (o dei presupposti formali che la consentono), la fatturazione dell’imposta è dovuta.

Ne consegue che, qualora la dichiarazione venga revocata, l’effetto esonerativo cessa immediatamente – o quantomeno dal momento in cui essa è portata a conoscenza – e la fatturazione che venga emessa in un momento successivo deve necessariamente tenerne conto, restando l’intera operazione soggetta al regime ordinario.

Costituisce regola generale, del resto, che le operazioni economiche sono imponibili, sicchè la mancanza di alcuna delle condizioni che legittimano il regime di esenzione comporta necessariamente la piena riattivazione della regola generale, non potendosi considerare logicamente estendibile – oltre che inammissibile, in quanto risultato di analogia – l’applicazione dei requisiti richiesti per la piena efficacia della dichiarazione d’intenti all’opposta situazione. Altra e diversa evenienza potrebbe essere la comunicazione della revoca della dichiarazione d’intenti dopo l’emissione della fattura, condizione questa, peraltro, che qui non ricorre, e rispetto alla quale, comunque, avrebbe dovuta essere emessa, entro il termine di un anno, variazione D.P.R. n. 633 del 1972, ex art. 26.

Sono invece inammissibili le deduzioni sull’invocata buona fede e sull’asserita assenza di danno per l’erario, trattandosi di profili nuovi, dedotti per la prima volta in sede di legittimità, che non risultano in alcun modo dalla decisione impugnata e senza che la parte abbia indicato ove eventualmente siano state in precedenza dedotti.

5. Il ricorso va pertanto rigettato.

Le spese, liquidate come in dispositivo, seguono la soccombenza.

PQM

La Corte rigetta il ricorso. Condanna il ricorrente al pagamento delle spese del presente giudizio di legittimità, che liquida in Euro 1500,00 per compensi, oltre spese generali nella misura del 15%, accessori di legge ed eventuali spese prenotate a debito.

Così deciso in Roma, il 17 gennaio 2017.

Depositato in Cancelleria il 28 febbraio 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA