Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 5161 del 28/02/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. trib., 28/02/2017, (ud. 14/12/2016, dep.28/02/2017),  n. 5161

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CAPPABIANCA Aurelio – Presidente –

Dott. DIOTALLEVI Giovanni – Consigliere –

Dott. LOCATELLI Giuseppe – rel. Consigliere –

Dott. ANDREAZZA Gastone – Consigliere –

Dott. IANNELLO Emilio – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 24131-2011 proposto da:

COMM. G. NICCOLAI SUD APPALTI SERVIZI N.U. & AFFINI SRL, IN

LIQUIDAZIONE in persona del liquidatore e legale rappresentante pro

tempore, elettivamente domiciliato in ROMA VIA DI VILLA SEVERINI 54,

presso lo studio dell’avvocato GIUSEPPE TINELLI, che lo rappresenta

e difende con procura notarile del Not. Dr. B.A. in

(OMISSIS);

– ricorrente –

contro

EQUITALIA SUD SPA, in persona del legale rappresentante pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA VIA GIOACCHINO ROSSINI 18, presso

lo studio dell’avvocato GIOIA VACCARI, che lo rappresenta e difende

giusta delega in calce;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 139/2010 della COMM.TRIB.REG. del LAZIO,

depositata il 07/07/2010;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

14/12/2016 dal Consigliere Dott. GIUSEPPE LOCATELLI;

udito per il ricorrente l’Avvocato RIDOLFI per delega dell’Avvocato

TINELLI che ha chiesto l’accoglimento;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. DEL

CORE Sergio, che ha concluso per il rigetto del ricorso.

Fatto

RITENUTO IN FATTO

A norma del D.P.R. n. 633 del 1972, art. 54 bis l’Agenzia delle Entrate procedeva al controllo automatizzato della dichiarazione Iva, anno 2000, presentata dalla società Comm. Niccolai Sud Appalti Servizi N.U. e Affini s.r.l., verificando l’omesso versamento di imposta dovuta sulla base della dichiarazione. Seguiva la notifica della cartella di pagamento per l’importo di Euro 863.371, dovuto a titolo di Iva ed accessori.

Contro la cartella di pagamento la società proponeva ricorso che notificava all’agente della riscossione. La Commissione tributaria provinciale, ritenuta la sussistenza di un’ipotesi di litisconsorzio necessario, disponeva con ordinanza l’integrazione del contraddittorio con la chiamata in causa dell’ente impositore; rilevato che nessuna delle parti aveva dato esecuzione, nel termine stabilito, all’ordine di integrazione del contraddittorio, dichiarava estinto il giudizio a norma del D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 45.

La società proponeva appello alla Commissione tributaria regionale che lo rigettava con sentenza del 7.7.2010, confermando che nel caso di specie ricorreva un’ipotesi di litisconsorzio necessario.

Contro la sentenza di appello la società ricorre per due motivi: 1) nullità della sentenza per violazione del D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 14, commi 1 e 2 e art. 45, comma 1, e del D.Lgs. n. 112 del 1999, art. 39 in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 4, nella parte in cui ha ritenuto la sussistenza di un’ipotesi di litisconsorzio necessario; 2) nullità della sentenza per violazione del D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 14, commi 1 e 2, e art. 45, comma 1 e art. 159 c.p.c., in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 4, nella parte in cui la Commissione tributaria regionale ha omesso di statuire sulle censure formulate nei confronti dell’operato dell’agente della riscossione.

Equitalia Gerit spa resiste con controricorso. Chiede di dichiarare inammissibile o rigettare il ricorso.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

1. Il primo motivo, ammissibile, è fondato. Il D.Lgs. 13 aprile 1999, n. 112, art. 39 stabilisce che, qualora il concessionario del servizio di riscossione sia destinatario di una impugnazione della cartella di pagamento proposta anche per vizi non propri di essa ma attinenti alla pretesa impositiva, egli ha l’onere di chiamare in causa l’ente creditore, se non vuole rispondere in proprio dell’esito della lite; pertanto la chiamata in causa della Agenzia delle Entrate ad opera del concessionario corrisponde ad una fattispecie di litisconsorzio facoltativo e non ad un caso di litisconsorzio necessario, con conseguente esclusione dell’obbligo per il giudice di ordinare l’integrazione del contraddittorio a norma del D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 14, comma 2 (Sez. 5, Sentenza n. 10477 del 14/05/2014, Rv. 630892; Sez. U, Sentenza n. 16412 del 25/07/2007, Rv. 598269). Poichè, nel caso in esame, l’ordine di integrazione del contraddittorio è stato disposto sull’erroneo presupposto della sussistenza di un’ipotesi di litisconsorzio necessario, esso è improduttivo di effetti, sicchè la mancata ottemperanza al medesimo, essendo irrilevante, non può determinare l’inammissibilità dell’impugnazione. (Sez. 6 – 3, Ordinanza n. 17458 del 17/07/2013, Rv. 627669).

2. Il secondo motivo è assorbito.

In accoglimento del primo motivo di ricorso la sentenza deve essere cassata con rinvio per nuovo giudizio alla Commissione tributaria regionale del Lazio in diversa composizione. Le spese del giudizio di legittimità saranno regolate all’esito del giudizio di rinvio.

PQM

Accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e rinvia per nuovo giudizio, anche sulle spese, alla Commissione tributaria regionale del Lazio in diversa composizione.

Così deciso in Roma, il 14 dicembre 2016.

Depositato in Cancelleria il 28 febbraio 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA