Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 5127 del 21/02/2019

Cassazione civile sez. II, 21/02/2019, (ud. 20/04/2018, dep. 21/02/2019), n.5127

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ORILIA Lorenzo – Presidente –

Dott. COSENTINO Antonello – Consigliere –

Dott. FALASCHI Milena – Consigliere –

Dott. CASADONTE Annamaria – rel. Consigliere –

Dott. FORTUNATO Giuseppe – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 15568-2014 proposto da:

L.P., ex lege domiciliata in Roma, p.zza Cavour presso la

cancelleria della Corte di cassazione e rappresentata e difesa

dall’avvocata Maria Elena Matarrese;

– ricorrente –

contro

T.V., ex lege domiciliato in Roma, p.zza Cavour presso

la cancelleria della Corte di cassazione e rappresentato e difeso

dall’avvocato Francesco Paolo Notarnicola;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 3605/2013 del Tribunale ede Distaccata di

Rutigliano;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

20/04/2018 dal Consigliere Dott. Annamaria Casadonte.

Fatto

RILEVATO

che:

– il presente giudizio di legittimità trae origine dal ricorso notificato il 4/6/2014 da L.P. nei confronti di T.V. per la cassazione della sentenza emessa dal Tribunale di Bari – sezione stralcio Rutigliano il 5.11.2013 con la quale era stata accolta, in riforma della sentenza di prime cure impugnata, la domanda di condanna al pagamento a favore del T. dell’importo dovuto a saldo dei lavori di riparazione di autovettura;

– la corte territoriale riteneva provato il credito, nel quantum accertato a mezzo di ctu, sulla base di dati quali l’accettazione senza riserve del veicolo una volta riparato, la mancata contestazione della fattura e l’emissione di una cambiale con causale riferita alla fattura n. (OMISSIS) emessa dal T., successivamente protestata;

– la cassazione della pronuncia del giudice d’appello è domandata sulla base di due motivi, cui resiste il T. con tempestivo controricorso.

Diritto

CONSIDERATO

che:

– il primo motivo con cui si denuncia il vizio di motivazione su un fatto decisivo della controversia costituito dalla cambiale che nella pronuncia gravata si afferma essere stata emessa e sottoscritta dalla L. ed erroneamente ritenuta un pagherò cambiario anzichè una cambiale tratta emessa dal T. e non accettata nè sottoscritta dalla debitrice, è fondato;

– a prescindere dall’equivoco riferimento al vizio di motivazione nella titolazione del motivo, in realtà si evince dal contesto che la censura ha ad oggetto l’omesso esame circa un fatto decisivo denunciabile a norma dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5 ben potendo essere così riqualificata la denuncia (cfr. Cass. 25557/2017; id. 4036/2014);

– el dettaglio, il fatto decisivo non esaminato è costituito dalla cambiale (tratta) e soprattutto dalla circostanza della mancanza di sottoscrizione da parte della debitrice;

– si tratta di circostanze decisive, atteso che la pronuncia del tribunale si è fondata essenzialmente sul valore probatorio della cambiale quale riconoscimento del debito, con la conseguenza che l’esame della circostanza che la tratta non è stata emessa dall’asserita debitrice, appare idoneo a determinare una diversa conclusione della controversia;

– peraltro è pure omesso l’esame della lettera di contestazione inviata della L. in risposta alla richiesta di saldo avanzata dal difensore del T.;

– consegue da quanto sin qui considerato, unitamente alla constata mancanza di replica sul punto da parte del controricorrente, che il motivo sia fondato e la sentenza debba essere cassata con rinvio al giudice d’appello per nuovo esame della domanda;

– con il secondo motivo si denuncia, in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, nn. 3 e 5, la violazione e falsa applicazione da parte del giudice d’appello dell’art. 96 c.p.c. per non avere ritenuto la temerarietà della domanda proposta dal T., come invece statuito dal giudice di prime cure;

– il motivo è assorbito nell’accoglimento del primo motivo e nella cassazione della sentenza impugnata, dovendo essere rivalutata la domanda anche con riguardo a detto profilo;

– inoltre, il giudice del rinvio provvederà anche sulle spese del giudizio di legittimità.

PQM

La Corte accoglie il primo motivo, assorbito il secondo, cassa la sentenza impugnata e rinvia al Tribunale di Bari anche per le spese.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio, il 20 aprile 2018.

Depositato in Cancelleria il 21 febbraio 2019

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA