Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 5109 del 03/03/2011

Cassazione civile sez. III, 03/03/2011, (ud. 26/01/2011, dep. 03/03/2011), n.5109

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. FINOCCHIARO Mario – Presidente –

Dott. CARLEO Giovanni – rel. Consigliere –

Dott. GIACALONE Giovanni – Consigliere –

Dott. SCARANO Luigi Alessandro – Consigliere –

Dott. LANZILLO Raffaella – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 26380/2006 proposto da:

NET CONSULTING DI FAVRETTO GIANNI E C. S.A.S. (OMISSIS), in

persona del legale rappresentante Sig. F.G., ora ditta

individuale di L.M., in persona del titolare omonimo Sig.

L.M., elettivamente domiciliata in ROMA, presso la

CANCELLERIA DELLA CORTE DI CASSAZIONE, rappresentata e difesa

dall’avvocato CESCUTTI Massimo con studio in 33100 UDINE, VIA

PREFETTURA 7/1, giusta delega a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

CAFFE’ GIANCARLO DI CARTURA G. E C. S.N.C. (OMISSIS), in persona

del legale rappresentante Sig. C.G., considerata

domiciliata “ex lege” in ROMA presso la CANCELLERIA DELLA CORTE DI

CASSAZIONE, rappresentata e difesa unitamente dagli avvocati

CHIAPPARELLI Franco e LUCCHIN ENRICA giusta delega in calce al

ricorso notificato;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 83/2005 del GIUDICE DI PACE di PALMANOVA,

emessa il 3/6/2005, depositata il 14/06/2005, R.G.N. 169/C/2003;

udita la relazione della causa svolta nella Pubblica udienza del

26/01/2011 dal Consigliere Dott. GIOVANNI CARLEO;

udito l’Avvocato FRANCO CHIAPPARELLI;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

CENICCOLA Raffaele, che ha concluso per la inammissibilità o il

rigetto del ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

A seguito di citazione notificata il 28.10 ed il 4.11.2003, con cui la s.n.c. Caffè Giancarlo di Cartura G. e C. conveniva in giudizio la Net Consulting di Favretto Gianni e C. S.a.s. nonchè lo stesso F.G. in proprio per sentirli condannare alla somma di Euro 1.060,00 oltre interessi di legge per la fornitura di un servizio di ristorazione ed in esito al relativo giudizio, nel corso del quale i convenuti avevano chiesto il rigetto della domanda attrice negando di aver mai intrattenuto alcun rapporto commerciale con la società attrice, il Giudice di pace di Palmanova, in accoglimento della domanda, condannava i convenuti in solido al pagamento della somma richiesta oltre interessi a far data dalla notifica della domanda. Avverso tale sentenza depositata il 22 giugno 2005 la Net Consulting s.a.s., ora ditta individuale di L. M., ha quindi proposto ricorso per cassazione articolato in tre motivi. La società Caffè Giancarlo di Cartura G. e C resiste con controricorso.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Per comodità di esposizione appare opportuno premettere che ciascuno dei tre motivi di impugnazione, svolti dalla, ricorrente, si articola in due profili, uno dei quali consiste nella censura della sentenza impugnata per motivazione omessa e comunque insufficiente ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5.

A riguardo, si deve allora rilevare che si è qui in presenza di una sentenza emessa dal giudice di pace ai sensi del secondo comma dell’art. 113 c.p.c., perchè la controversia non eccede il valore in detta norma indicato e che le sentenze pronunciate secondo equità (da ritenersi tali anche quando il giudice di pace, giudicando in una controversia di valore compreso entro il suddetto limite, abbia fatto applicazione di una norma di legge, con o senza espressa indicazione della sua rispondenza all’equità) sono soggette a ricorso per cassazione per difetto di motivazione solo qualora un siffatto vizio sia riconducibile alla previsione dell’art. 360 c.p.c., n. 4: cioè quando esso determini la nullità della sentenza per essere la motivazione assolutamente mancante o apparente, ovvero fondata su affermazioni contrastanti o perplesse, sicchè non sia possibile evidenziarne la ratio decidendi (vedi, ex multis, Cass. 17 novembre 2004, n. 21752). Non sono invece deducibili, nei confronti delle sentenze pronunciate secondo equità, censure relative alla mera sufficienza ed alla correttezza della motivazione (cfr. Cass. 4 febbraio 2003, n. 1610, ed altre conformi).

Nel caso in esame, il vizio lamentato dalla ricorrente non è certamente tale da configurare una totale mancanza di motivazione della sentenza impugnata, per come sarà evidenziato in seguito nell’esaminare i profili di censura riguardanti le dedotte violazioni di legge, con la conseguente declaratoria di inammissibilità dei profili di censura relativi alla violazione dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5.

Passando ora all’esame della prima doglianza, va osservato che la ricorrente, oltre al vizio di omessa ed insufficiente motivazione di cui sopra, ha lamentato altresì la violazione e falsa applicazione dell’art. 2721 c.c., deducendo che il giudice di pace avrebbe ammesso la prova testimoniale – richiesta dalla sua controparte e volta a provare la stipulazione del contratto di ristorazione – al di là dei limiti di valore previsti dalla norma, a ragione dell’emissione di fattura da parte del preteso creditore, circostanza da lui ritenuta idonea per superare i limiti di valore dell’art. 2721 c.c..

La censura è infondata. Ed invero, giusta quanto assolutamente pacifico, presso una giurisprudenza più che consolidata di questa Corte regolatrice, l’ammissione della prova testimoniale oltre i limiti di valore stabiliti dall’art. 2721 c.c., costituisce un potere discrezionale del Giudice di merito, il cui esercizio, o mancato esercizio, è insindacabile in sede di legittimità ove sia correttamente motivato (cfr tra le tante Cass. n. 11889/07, n. 11389/05, n. 13621/04). Esattamente, quindi, nel caso di specie, il Giudice di pace ha dato ingresso alla prova sollecitata sulla base del potere discrezionale riconosciutogli dal successivo comma della norma citata e ne ha correttamente motivato l’esercizio sulla base della considerazione che la fattura commerciale, pur non assurgendo a prova del negozio, ne può costituire comunque un indizio di non scarso rilievo.

Passando all’esame della successiva doglianza, articolata sotto il profilo della violazione e/o falsa applicazione dell’art. 2697 c.c., oltre che della motivazione omessa e comunque insufficiente cui sopra si è già accennato, deve premettersi che, ad avviso della ricorrente, il giudice di pace avrebbe errato nel ritenere provato il contratto di ristorazione sulla base delle dichiarazioni dei testi, i quali hanno riferito che le prestazione erano state eseguite senza però indicare il titolo in base al quale le prestazioni erano state effettuate. Ciò premesso, si deve osservare innanzitutto che la censura, con tutta evidenza, non riguarda il rito, e neppure in astratto configura un eventuale errore di diritto, ma concerne la valutazione delle risultanze istruttorie da parte del giudice di merito, ritenendo la ricorrente che una diversa considerazione del materiale istruttorio raccolto avrebbe condotto ad una decisione di segno opposto. Si tratta, perciò, di una doglianza che non può trovare ingresso nel presente giudizio di legittimità, oltre a porsi al di fuori del limiti entro cui la sentenza pronunciata secondo equità è suscettibile di ricorso per cassazione. Ne deriva l’inammissibilità della censura.

Quanto infine alla terza doglianza, deve osservarsi che la stessa articolata sotto il profilo della violazione e falsa applicazione del disposto di cui agli artt. 2304 e 2318 c.c., oltre che sotto il profilo dell’omessa motivazione – profilo già esaminato – si fonda sul duplice rilievo che la sentenza sarebbe stata emessa in violazione di Legge nella parte in cui condanna in solido la società convenuta e il socio accomandatario illimitatamente responsabile, dimenticando il beneficio di escussione espressamente previsto dall’art. 2304 c.c., e che il giudice di pace avrebbe ritenuto di.

non “dire nulla in ordine all’eccezione formulata in note conclusive dd 02/06/2005 circa la violazione della norma in rubrica”.

La censura è inammissibile ancor prima che infondata. Ed invero, premesso che la sentenza impugnata non contiene il minimo accenno alla questione dedotta, è evidente che la ricorrente avrebbe dovuto riportare, nel ricorso per cassazione, previa trascrizione nei suoi esatti termini, il contenuto della eccezione sulla quale il giudice di pace avrebbe omesso di pronunciarsi. Ed è appena il caso di sottolineare che, pur configurando la violazione dell’art. 112 c.p.c., un error in procedendo, per il quale la Corte di cassazione è giudice anche del “fatto processuale”, non essendo tale vizio rilevabile d’ufficio, il potere-dovere della Corte di esaminare direttamente gli atti processuali non comporta che la medesima debba ricercarli autonomamente, spettando, invece, alla parte indicarli.

(Cass. 10593/08). Giova aggiungere, ad ogni modo, che “il beneficio della preventiva escussione del patrimonio sociale concesso a favore dei soci illimitatamente responsabili di una società di persone – in base al quale il creditore sociale non può pretendere il pagamento da un singolo socio se non dopo l’escussione del patrimonio sociale – opera esclusivamente in sede esecutiva, nel senso che il creditore sociale non può procedere coattivamente a carico del socio se non dopo avere agito infruttuosamente sui beni della società, ma non impedisce al predetto creditore di agire in sede di cognizione per munirsi di uno specifico titolo esecutivo nei confronti del socio, sia per poter iscrivere ipoteca giudiziale sui ben: immobili di quest’ultimo, sia per poter prontamente agire in via esecutiva contro il medesimo, una volta che il patrimonio sociale venga a risultare incapiente;. (Cass. n. 1050/96, conformi Cass. n. 7582/83 e Cass. n. 3651/92)”.

Alla stregua di tutte le pregresse considerazioni, il ricorso per cassazione in esame, siccome infondato, deve essere rigettato.

Al rigetto del ricorso segue la condanna della ricorrente alla rifusione delle spese di questo giudizio di legittimità, liquidate come in dispositivo.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso. Condanna la ricorrente alla rifusione delle spese processuali che liquida in Euro 700,00 di cui Euro 200,00 per esborsi oltre accessori di legge.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 26 gennaio 2011.

Depositato in Cancelleria il 3 marzo 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA