Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 5084 del 25/02/2021

Cassazione civile sez. VI, 25/02/2021, (ud. 26/11/2020, dep. 25/02/2021), n.5084

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SCALDAFERRI Andrea – Presidente –

Dott. VALITUTTI Antonio – rel. Consigliere –

Dott. MELONI Marina – Consigliere –

Dott. MARULLI Marco – Consigliere –

Dott. NAZZICONE Loredana – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sul ricorso 16835-2019 proposto da:

R.S., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA SIMONE DE SAINT

BON 89, presso lo studio dell’avvocato MASSIMO TERRA, che lo

rappresenta e difende unitamente all’avvocato MATTEO MEGNA;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’INTERNO, (OMISSIS), PREFETTURA – UTG di ROMA;

– intimati –

avverso la sentenza n. 8369/2019 della CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE di

ROMA, depositata il 26/03/2019;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 26/11/2020 dal Consigliere Relatore Dott. ANTONIO

VALITUTTI.

 

Fatto

RILEVATO

che:

con sentenza n. 8369/2019, la Prima Sezione Civile di questa Corte ha accolto il ricorso proposto da R.S. avverso l’ordinanza del Giudice di pace di Roma, depositata il 29/03/2017.

Rilevato che:

per mero errore materiale, nel dispositivo della succitata sentenza n. 8369/2019, l’attribuzione delle spese di causa al difensore dichiaratosi antistatario, ai sensi dell’art. 93 c.p.c., è stata effettuata solo in relazione alle spese del giudizio di merito, e non anche di quelle del giudizio di legittimità, sebbene la richiesta del difensore concernesse anche queste ultime.

Diritto

RITENUTO

che:

per le ragioni esposte, l’istanza di correzione debba essere accolta.

PQM

Accoglie l’istanza di correzione dell’errore materiale della sentenza di questa Corte n. 8369/2019, disponendo che nel dispositivo di detta ordinanza, laddove è scritto “Condanna l’Amministrazione resistente al pagamento, in favore del ricorrente, delle spese del giudizio di legittimità, che liquida in Euro 2.300,00, di cui Euro 200,00 per esborsi, oltre alle spese forfettarie nella misura del 15 per cento ed agli accessori di legge”, deve leggersi ed intendersi: “Condanna l’Amministrazione resistente al pagamento, in favore del ricorrente, delle spese del giudizio di legittimità, che liquida in Euro 2.300,00, di cui Euro 200,00 per esborsi, oltre alle spese forfettarie nella misura del 15 per cento ed agli accessori di legge, con attribuzione al difensore dichiaratosi antistatario”.

Così deciso in Roma, il 26 novembre 2020.

Depositato in Cancelleria il 25 febbraio 2021

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA