Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 5075 del 16/02/2022

Cassazione civile sez. VI, 16/02/2022, (ud. 06/10/2021, dep. 16/02/2022), n.5075

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ORILIA Lorenzo – Presidente –

Dott. ABETE Luigi – Consigliere –

Dott. SCARPA Antonio – Consigliere –

Dott. CASADONTE Annamaria – Consigliere –

Dott. BESSO MARCHEIS Chiara – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. RG 3473-2021 proposto da:

S.R., domiciliato presso la cancelleria della CORTE DI

CASSAZIONE, PIAZZA CAVOUR, ROMA, rappresentato e difeso

dall’avvocato MARCELLO SERRA;

– ricorrente –

contro

(OMISSIS), in persona dell’amministratore pro tempore, domiciliato

presso la cancelleria della CORTE DI CASSAZIONE, PIAZZA CAVOUR,

ROMA, rappresentato e difeso dall’avvocato GIAMPAOLO MANCA;

– controparte –

per regolamento di competenza avverso l’ordinanza n. cronol.

19466/2020 del TRIBUNALE di CAGLIARI, depositata l’11/12/2020;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio non

partecipata del 6/10/2021 dal Consigliere Relatore Dott. CHIARA

BESSO MARCHEIS;

lette le conclusioni scritte del PUBBLICO MINISTERO, in persona del

SOSTITUTO PROCURATORE GENERALE DOTT.SSA DE RENZIS LUISA, la quale

visti gli artt. 42 e 380-ter c.p.c., chiede alla Corte di cassazione

di rigettare l’istanza di regolamento di competenza, confermando

l’ordinanza n. 19466/2020, emessa dal Tribunale di Cagliari il

11.12.2020 e comunicata il 16/12/2020, nel giudizio r.g. n.

2007/2020.

 

Fatto

PREMESSO

che:

S.R. propone regolamento di competenza contro l’ordinanza del Tribunale di Cagliari n. 19466/2020, che ha dichiarato la propria incompetenza in favore del Giudice di pace di Cagliari, in relazione a un processo di impugnazione di una deliberazione assunta dall’assemblea del (OMISSIS).

Il Condominio ha depositato memoria ai sensi dell’art. 47 c.p.c., u. c..

Diritto

CONSIDERATO

che:

Il ricorso contesta che il Tribunale si sia erroneamente dichiarato incompetente: la causa verteva sulla erronea applicazione dei criteri di ripartizione delle spese, senza riferimenti a pretese economiche, con la conseguenza che il suo valore doveva essere ritenuto indeterminabile.

Il motivo non può essere accolto. Il Tribunale ha rilevato come, in base agli atti di causa, con la deliberazione impugnata sia stato attribuito a carico dell’attore il pagamento di Euro 360,33 e che in ogni caso la somma complessivamente ripartita tra i condomini è stata pari ad Euro 3.100, oltre iva, e che lo stesso attore ha dichiarato in calce all’atto di citazione che il valore della causa ammonta ad Euro 3.100, con conseguente competenza per valore del giudice di pace e incompetenza del tribunale. Il Tribunale ha fatto corretta applicazione dell’orientamento di questa Corte secondo il quale, ove il singolo condomino censuri “la legittimità della ripartizione delle spese, il suo interesse ad agire per far accertare l’eventuale illegittimità della ripartizione è correlato all’importo che lo stesso sarebbe tenuto a corrispondere in ragione della ripartizione deliberata” (così Cass. n. 21227 del 2018). Nel caso in esame l’importo che l’attore era tenuto a corrispondere in ragione della ripartizione deliberata rientra sicuramente nella competenza del giudice di pace, essendo pari ad Euro 360,33, così come d’altro canto vi rientra la somma complessivamente ripartita, pari ad Euro 3.100 oltre iva, con la conseguenza che è incompetente il Tribunale adito, essendo competente il Giudice di pace di Cagliari.

Il ricorso va pertanto rigettato e va dichiarata la competenza del Giudice di pace di Cagliari, davanti al quale dovrà essere riassunto il processo nei termini di legge; il Giudice di pace provvederà in relazione alle spese del presente giudizio.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso e dichiara la competenza del Giudice di pace di Cagliari, davanti al quale dovrà essere riassunto il processo nei termini di legge, spese al merito.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della sesta/seconda sezione civile, il 6 ottobre 2021.

Depositato in Cancelleria il 16 febbraio 2022

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA