Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 5047 del 16/02/2022

Cassazione civile sez. VI, 16/02/2022, (ud. 19/01/2022, dep. 16/02/2022), n.5047

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SCODITTI Enrico – Presidente –

Dott. IANNELLO Emilio – Consigliere –

Dott. DELL’UTRI Marco – rel. Consigliere –

Dott. PELLECCHIA Antonella – Consigliere –

Dott. CRICENTI Giuseppe – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 22918/2021 proposto da:

P.D.;

– ricorrente –

contro

U.A., in proprio e quale legale rappresentante della

FONDERMETAL S.P.A., B.A.M., R.D., e R.A.,

elettivamente domiciliati in ROMA, presso la CANCELLERIA della CORTE

SUPREMA DI CASSAZIONE, rappresentati difesi dall’avvocato SIMONA

MERISI;

– controricorrenti –

avverso la sentenza n. 7697/2021 emessa dalla CORTE D’APPELLO DI

MILANO, depositata il 10/03/2021.

 

Fatto

RILEVATO

che:

con sentenza resa in data 10/03/2021 (n. 7697/2021), la Corte d’appello di Milano ha confermato la decisione con la quale il giudice di primo grado ha respinto l’opposizione proposta da P.D. avverso l’esecuzione promossa in suo danno dalla società Fondermetal s.p.a. e dai signori B.A.M., R.D. e R.A.;

avverso detta sentenza d’appello, P.D. propone ricorso per cassazione;

U.A., in proprio e quale legale rappresentante della Fondermetal s.p.a., B.A.M., R.D. e R.A., resistono con controricorso;

a seguito della fissazione della Camera di consiglio, la causa è stata trattenuta in decisione all’odierna adunanza camerale, sulla proposta di definizione del relatore emessa ai sensi dell’art. 380-bis c.p.c..

Diritto

CONSIDERATO

che:

preliminarmente, dev’essere dichiarata l’improcedibilità del ricorso, non avendo il ricorrente provveduto, secondo quanto risultante dagli atti del giudizio, al relativo deposito nella Cancelleria della Corte di cassazione nei termini perentoriamente stabiliti dall’art. 369 c.p.c.;

sul punto, è appena il caso di rilevare come secondo il consolidato insegnamento della giurisprudenza di questa Corte, l’omesso o tardivo deposito del ricorso per cassazione dopo la scadenza del ventesimo giorno dalla notifica del gravame comporta l’improcedibilità dello stesso, rilevabile anche d’ufficio e non esclusa dalla costituzione del resistente, posto che il principio – sancito dall’art. 156 c.p.c. – di non rilevabilità della nullità di un atto per mancato raggiungimento dello scopo si riferisce esclusivamente all’inosservanza di forme in senso stretto e non di termini perentori, per i quali vigano apposite e separate norme (Sez. 6 – 3, Ordinanza n. 34916 del 17/11/2021; Sez. 6 – 2, Ordinanza n. 25453 del 26/10/2017, Rv. 646817 – 01);

sotto altro profilo, al caso di specie deve trovare applicazione il principio in forza del quale la parte alla quale sia stato notificato un ricorso per cassazione e che abbia, a sua volta, notificato al ricorrente il controricorso, ha il potere, ove quest’ultimo abbia omesso di depositare il ricorso e gli altri atti indicati nell’art. 369 c.p.c., di richiedere l’iscrizione a ruolo per far dichiarare l’improcedibilità; tale potere è compreso in quello di contraddire, riconosciuto dall’art. 370 c.p.c., e trova giustificazione nell’interesse del controricorrente a recuperare le spese ed ad evitare, mediante la dichiarazione di improcedibilità del ricorso, che il ricorrente possa riproporlo, ove non sia ancora decorso il termine per l’impugnazione. (cfr., da ultimo, Sez. 6 – L, Ordinanza n. 27571 del 02/12/2020 (Rv. 660042 – 01);

sulla base di tali argomentazioni, dev’essere pertanto dichiarata l’improcedibilità del ricorso, con la conseguente condanna del ricorrente al rimborso, in favore dei controricorrenti, delle spese del presente giudizio, secondo la liquidazione di cui al dispositivo, oltre all’attestazione della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello, ove dovuto, per il ricorso, a norma del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1-quater.

PQM

Dichiara improcedibile il ricorso e condanna il ricorrente al rimborso, in favore dei controricorrenti, delle spese del presente giudizio, liquidate in complessivi Euro 6.500,00, oltre alle spese forfettarie nella misura del 15%, agli esborsi liquidati in Euro 200,00, e agli accessori come per legge.

Dichiara la sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello, ove dovuto, per il ricorso, a norma del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1-quater.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sesta Sezione Civile – 3, della Corte Suprema di Cassazione, il 19 gennaio 2022.

Depositato in Cancelleria il 16 febbraio 2022

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA