Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 5037 del 25/02/2020

Cassazione civile sez. lav., 25/02/2020, (ud. 30/10/2019, dep. 25/02/2020), n.5037

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. NAPOLETANO Giuseppe – Presidente –

Dott. ARIENZO Rosa – Consigliere –

Dott. DE GREGORIO Federico – Consigliere –

Dott. LORITO Matilde – Consigliere –

Dott. MARCHESE Gabriella – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 20175-2016 proposto da:

Z.A., domiciliato in ROMA, PIAZZA CAVOUR, 4 presso la

CANCELLERIA DELLA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE, rappresentato e

difeso dall’avvocato ANTONIO CARBONELLI;

– ricorrente –

contro

MAXION WHEELS ITALIA S.R.L. UNIPERSONALE, già HAYES LEMMERZ S.R.L.,

in persona del legale rappresentante pro tempore, elettivamente

domiciliata in ROMA, VIA LIVIO ANDRONICO 24, presso lo studio

dell’avvocato MARIA TERESA LOIACONO ROMAGNOLI, rappresentato e

difeso dall’avvocato CLAUDIO LA GIOIA;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 160/2016 della CORTE D’APPELLO di BRESCIA,

depositata il 03/05/2016 r.g.n. 510/2015.

Fatto

RILEVATO CHE:

la Corte di appello di Brescia, con sentenza n. 160 del 3.5.2016, rigettava l’appello proposto da Z.A. nei confronti di MAXION WHEELS ITALIA SRL unipersonale (già Hayes Lemmerz srl) avverso la decisione di primo grado che, a sua volta, aveva respinto la domanda del lavoratore diretta all’accertamento dell’invalidità di plurimi contratti di somministrazione a tempo determinato, conclusi tra il 3 ottobre 2011 ed il 28 luglio 2013, ed alla costituzione, ai sensi del D.Lgs. n. 276 del 2003, art. 27, di un rapporto di lavoro subordinato a tempo indeterminato alle dipendenze della società utilizzatrice;

la Corte territoriale, premesso che il Tribunale aveva accolto l’eccezione di decadenza ai sensi della L. n. 183 del 2010, art. 32, comma 4, con riferimento a tutti i contratti di somministrazione intercorsi tra le parti tranne che in relazione all’ultimo, poichè soltanto con atto del 12 aprile 2013 il lavoratore aveva proposto l’impugnativa stragiudiziale, osservava come non potesse essere accolto il motivo di appello secondo cui il termine di decadenza non dovesse applicarsi ai contratti stipulati prima dell’1.1.2012 ed altresì riteneva infondata la censura secondo cui l’impugnativa dovesse estendersi a tutti i contratti pregressi, in presenza di rapporti plurimi che si erano succeduti nel tempo con intervallo tra l’uno e l’altro inferiore al termine di sessanta giorni; con riferimento all’unico contratto, in relazione al quale l’impugnazione era tempestiva, la Corte territoriale giudicava sussistenti i presupposti per il ricorso alla somministrazione;

per la cassazione di tale sentenza il lavoratore ha proposto ricorso affidato a due motivi, cui ha resistito, con controricorso, la società MAXION WHEELS ITALIA SRL; entrambe le parti hanno depositato memoria ex art. 380-bis.1 c.p.c..

Diritto

CONSIDERATO CHE:

con il primo motivo il ricorrente denuncia – ai sensi dell’art. 360 c.p.c., n. 3 – falsa applicazione della L. n. 604 del 1966, ART. 6 come modificato dalla L. n. 183 del 2010, art. 32 in relazione all’art. 2966 c.c. ed all’art. 24 Cost., per avere la Corte territoriale ritenuto che, in caso di plurimi contratti succedutisi con intervallo tra l’uno e l’altro inferiore al termine di sessanta giorni, l’impugnativa proposta nei confronti dell’ultimo contratto non fosse da intendersi estesa anche agli altri;

con il secondo motivo – ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3), denuncia falsa applicazione della L. n. 604 del 1966, art. 6 modificato dalla L. n. 183 del 2010, art. 32 in relazione agli artt. 11.1 e 14 preleggi per avere la Corte di appello ritenuto applicabile il termine di decadenza anche ai rapporti costituiti antecedentemente alla nuova disciplina, pur in assenza di disposizioni transitorie in tal senso;

il ricorso è infondato;

il primo motivo introduce la questione della capacità espansiva dell’impugnazione dell’ultimo contratto di lavoro a termine in somministrazione anche a quelli che lo hanno preceduto, con particolare riferimento all’ipotesi in cui tra un contratto e l’altro sia intercorso un termine inferiore a quello utile per l’impugnazione stragiudiziale;

la questione è stata recentemente esaminata e risolta da questa Corte con plurime pronunce (Cass. n. 30134, 30135, 30136, 32702 del 2018; nn. 422, 2283 e 24356 del 2019) sulla base del principio di diritto, qui da ribadirsi ulteriormente, secondo cui: ” in tema di successione di contratti di lavoro a termine in somministrazione, l’impugnazione stragiudiziale dell’ultimo contratto della serie non si estende ai contratti precedenti, neppure ove tra un contratto e l’altro sia decorso un termine inferiore a quello di sessanta giorni utile per l’impugnativa”;

in tali precedenti, si è richiamato e condiviso l’orientamento espresso da questa Corte con la sentenza n. 2420 del 2016, con cui è stato affermato che il termine di decadenza di cui alla L. n. 604 del 1966, art. 6 come successivamente modificato, decorre, per i contratti di somministrazione, dalla data di scadenza originariamente pattuita, in quanto il potenziale rinnovo per un numero indefinito di volte di tale tipologia di contratto, a differenza di quanto previsto per i contratti a termine, non autorizza di per sè il lavoratore a nutrire alcun affidamento. In continuità con tale principio, è stato ritenuto che la singolarità dei contratti di somministrazione e l’inesistenza di un unico continuativo rapporto di lavoro evidenzia la necessità che a ciascuno di essi si applichino le regole inerenti alla loro impugnabilità, venendo altrimenti anticipata in modo non giustificato una eventuale considerazione unitaria del rapporto lavorativo, estranea al fatto storico allegato, il cui rilievo giuridico è oggetto della domanda avanzata. E’ stato ritenuto non pertinente il richiamo ai fatti impeditivi della decadenza (art. 2966 c.c.), in quanto specificamente previsti e, dunque, non suscettibili di applicazione estensiva ed analogica;

alla motivazione di Cass. n. 24356 del 2019 si rinvia anche quanto all’affermazione di tenuta degli esposti principi con il Diritto dell’Unione; in questa sede, si ribadisce solo come la accolta interpretazione non “si pon(ga) in contrasto con il diritto dell’Unione quale fattore – ai sensi dell’art. 6, comma 2, della direttiva 2008/104/CE – di ostacolo o impedimento alla “stipulazione di un contratto di lavoro o l’avvio di un rapporto di lavoro tra l’impresa utilizzatrice e il lavoratore tramite agenzia interinale al termine della sua missione”, poichè la direttiva in questione, che non è autoapplicativa, si rivolge unicamente agli Stati membri, senza imporre alle autorità giudiziarie nazionali un obbligo di disapplicazione di qualsiasi disposizione di diritto nazionale che preveda, al riguardo, divieti o restrizioni che non siano giustificati da ragioni di interesse generale”;

anche il secondo motivo di ricorso è infondato, alla stregua della costante ed oramai consolidata giurisprudenza di questa Corte;

costituisce ius receptum il principio secondo cui, in tema di somministrazione di lavoro, la decadenza di cui al L. n. 183 del 2010, art. 32, comma 4, e la conseguente proroga di cui al comma 1-bis medesimo articolo, si applicano anche ai contratti a termine in somministrazione scaduti alla data di entrata in vigore della legge stessa (24 novembre 2010), senza la necessità di una specifica previsione di deroga all’art. 11 preleggi, atteso che la nuova norma non ha modificato la disciplina del fatto generatore del diritto ma solo il suo contenuto di poteri e facoltà, suscettibili di nuova regolamentazione perchè ontologicamente e funzionalmente distinti da esso e non ancora consumati (così Cass. nn. 7788 del 2017, 12984, 24598, 30134, 30135, 30136 e 30153 del 2018 e, da ultimo n. 160 del 2019; pronunce tutte che, dando continuità a Cass. n. 2420 del 2016, hanno definitivamente superato il contrario ed isolato avviso espresso da Cass. nn. 21916 del 2015 e 2462 del 2016);

in tale contesto, giova pure ribadire che la L. n. 183 del 2010, art. 32, comma 1-bis, introdotto dal D.L. n. 225 del 2010, conv. con mod. dalla L. n. 10 del 2011, nel prevedere “in sede di prima applicazione” il differimento al 31 dicembre 2011 dell’entrata in vigore delle disposizioni relative al termine di sessanta giorni per l’impugnazione del licenziamento, si applica a tutti i contratti ai quali tale regime risulta esteso e riguarda tutti gli ambiti di novità di cui al novellato L. n. 604 del 1966, art. 6, sicchè, con riguardo ai contratti a termine, nonchè ai contratti a termine in somministrazione, non solo in corso ma anche con termine scaduto e per i quali la decadenza sia maturata nell’intervallo di tempo tra il 24 novembre 2010 (data di entrata in vigore del cd. “collegato lavoro”) e il 23 gennaio 2011 (scadenza del termine di sessanta giorni per l’entrata in vigore della novella introduttiva del termine decadenziale), si applica il differimento della decadenza mediante la rimessione in termini, rispondendo alla ratio legis di attenuare, in chiave costituzionalmente orientata, le conseguenze legate all’introduzione ex novo del suddetto e ristretto termine di decadenza (Cass. n. 25103 del 2015; Cass. S.U. n. 4913 del 2016; con particolare riguardo all’applicabilità ai contratti in somministrazione già scaduti alla data del 24.11.2010 cfr. Cass. n. 2420 del 2016; Cass. n. 7788 del 2017, nonchè, più di recente, Cass. n. 30134 del 2018);

infine, si è anche osservato come l’introduzione del nuovo termine di decadenza non determini una violazione dell’art. 24 Cost., dell’art. 47 della Carta dei diritti fondamentali della UE o artt. 6 e 13 CEDU, essendo stato assicurato un ambito temporale quantitativamente congruo per la conoscibilità della nuova disciplina, attesa la proroga disposta “in sede di prima applicazione” disposta dal citato comma 1-bis (v. Cass. n. 7788 del 2017; conf. Cass. n. 23619 del 2018);

in conclusione, il ricorso va respinto;

quanto alle spese del presente giudizio, le stesse si compensano integralmente “tenuto conto che la questione oggetto del primo motivo di ricorso è stata risolta solo recentemente da questa Corte, in epoca successiva all’introduzione del giudizio di legittimità, e, quanto al secondo motivo, che l’orientamento espresso da Cass. n. 2420 del 2016 ha trovato conferma nella giurisprudenza formatasi negli anni 2017 e seguenti” (in termini, Cass. n. 24356 del 2019);

sussistono i presupposti processuali per il versamento, da parte del ricorrente, di un ulteriore importo a titolo di contributo unificato, pari a quello previsto per il ricorso, ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, se dovuto.

PQM

La Corte rigetta il ricorso e compensa le spese del giudizio di legittimità.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 30 ottobre 2019.

Depositato in Cancelleria il 25 febbraio 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA