Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 5002 del 25/02/2020

Cassazione civile sez. trib., 25/02/2020, (ud. 21/11/2019, dep. 25/02/2020), n.5002

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CHINDEMI Domenico – Presidente –

Dott. RUSSO Rita – Consigliere –

Dott. LO SARDO Giuseppe – Consigliere –

Dott. CAVALLARI Dario – rel. Consigliere –

Dott. BOTTA Raffaele – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 8135/2014 R.G. proposto da:

Agenzia delle Entrate, rappresentata e difesa dall’Avvocatura

generale dello Stato;

– ricorrente –

contro

M.A., C. e G., rappresentate e difese

dall’Avv. Giuseppe Minniti, con domicilio eletto in Roma, via Salita

San Nicola da Tolentino 1b, presso lo studio dell’Avv. Domenico

Naso;

– controricorrenti –

avverso la sentenza della Commissione tributaria regionale di

Catanzaro, Sez. dist. Reggio Calabria, n. 9/06/13, depositata il 6

febbraio 2013.

Udita la relazione svolta nella camera di consiglio del 21 novembre

2019 dal relatore Dario Cavallari.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

L’Ufficio provinciale dell’Agenzia del Territorio ha notificato il 2 giugno 1999 ad M.A., C. e G. un provvedimento di variazione del classamento dell’immobile sito nel Comune di San Roberto, censito al fg. 2, p.lla 115 sub 2.

Le contribuenti hanno proposto ricorso che la CTP di Reggio Calabria, nel contraddittorio delle parti, con sentenza n. 23/7/02, ha accolto.

L’Ufficio ha presentato appello che la CTR di Catanzaro, Sez. dist. Reggio Calabria, ha respinto con sentenza n. 9/06/13.

L’Agenzia delle Entrate ha proposto ricorso per cassazione sulla base di due motivi.

Le contribuenti hanno resistito con controricorso.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

1. Con il primo motivo l’Agenzia delle Entrate lamenta la violazione dell’art. 112 c.p.c., poichè la CTR avrebbe omesso di pronunciarsi sul suo gravame nella parte in cui si doleva della mancata specificazione della classe di merito attribuita e dell’inesistenza della rendita determinata.

La contestazione è infondata.

Infatti, il giudice di appello ha espressamente respinto la critica concernente la rendita.

Quanto al profilo relativo alla classe di merito, si rileva che la decisione impugnata ha dato atto della richiesta, proposta dalle contribuenti nel ricorso originario, che fosse riconosciuta la classe 2.

La CTP ha accolto del tutto detto ricorso e, quindi, ha implicitamente fatto propria l’istanza delle attuali controricorrenti.

La CTR, nel respingere l’appello affermando che “La decisione impugnata non si presta ad alcuna censura” ha, pertanto, implicitamente rigettato il gravame sul punto, non incorrendo, dunque, nella violazione prospettata.

2. Con il secondo motivo l’Agenzia delle Entrate lamenta l’omesso esame di un fatto decisivo per il giudizio, atteso che la CTR non avrebbe considerato che si era in presenza di un appartamento in villa con corte annessa e che le caratteristiche dell’immobile erano simili a quelle di altre unità della zona.

La doglianza è infondata.

Infatti, il giudice di appello ha confermato la pronuncia di prime cure con specifico riferimento alla “descrizione delle caratteristiche” del bene, menzionando la circostanza che era “sorretta da abbondante produzione fotografica”.

In questo modo, la CTR ha palesato di avere tenuto conto dell’effettiva struttura del cespite e di tutti gli elementi rilevanti, quali l’esistenza di una corte e le peculiarità dello stesso che lo differenziavano da altri immobili posti nelle vicinanze.

3. Il ricorso è, quindi, respinto.

Le spese di lite seguono la soccombenza e sono liquidate come in

dispositivo.

P.Q.M.

La Corte, rigetta il ricorso;

condanna parte ricorrente a rifondere le spese di lite, che liquida in Euro 500,00, oltre accessori di legge e spese generali nella misura del 15%.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio della 5 Sezione Civile, il 21 novembre 2019.

Depositato in Cancelleria il 25 febbraio 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA