Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 4998 del 27/02/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 27/02/2017, (ud. 09/12/2016, dep.27/02/2017),  n. 4998

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. RAGONESI Vittorio – Presidente –

Dott. GENOVESE Francesco Antonio – Consigliere –

Dott. SCALDAFERRI Andrea – rel. Consigliere –

Dott. BISOGNI Giacinto – Consigliere –

Dott. ACIERNO Maria – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 3873/2016 proposto da:

E.M., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA SAN DOMENICO

20, presso lo studio dell’avvocato DANIELA DI ROCCO, (studio Legale

Capotorto) rappresentato e difeso dall’avvocato LUCIANO GAROFALO,

giusta procura in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

QUESTURA DI BARI, MINISTERO DELL’INTERNO (OMISSIS);

– intimati –

avverso la sentenza n. R.G. 11420/2015 del GIUDICE DI PACE di BARI,

depositata l’11/12/2015;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

09/12/2016 dal Consigliere Relatore Dott. ANDREA SCALDAFERRI.

Fatto

FATTO E DIRITTO

Il Collegio, visti gli atti, letta la relazione, nella quale si segnala che la notifica del ricorso al Ministero dell’Interno è stata invalidamente effettuata presso l’Avvocatura Distrettuale dello Stato in Bari, anzichè presso l’Avvocatura Generale dello Stato;

ritenuto necessario assegnare termine al ricorrente per rinnovare tale notifica, rinviando il processo a nuovo ruolo.

PQM

Rinvia il processo a nuovo ruolo, assegnando al ricorrente termine di gg. 60 dalla comunicazione del presente provvedimento per la rinnovazione della notifica del ricorso al Ministero dell’Interno presso l’Avvocatura Generale dello Stato.

Così deciso in Roma, il 9 dicembre 2016.

Depositato in Cancelleria il 27 febbraio 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA