Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 4944 del 28/02/2011

Cassazione civile sez. lav., 28/02/2011, (ud. 11/01/2011, dep. 28/02/2011), n.4944

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BATTIMIELLO Bruno – Presidente –

Dott. TOFFOLI Saverio – rel. Consigliere –

Dott. IANNIELLO Antonio – Consigliere –

Dott. ZAPPIA Pietro – Consigliere –

Dott. CURZIO Pietro – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

M.A., elettivamente domiciliata in ROMA, PIAZZA

VESCOVIO 7, Scala B – Piano 5, Interno 11, presso lo studio

dell’avvocato RAFFAELLA ANTRILLI, rappresentata e difesa

dall’avvocato NATARELLA GIUSEPPE, giusta procura a margine del

ricorso;

– ricorrente –

contro

INPS – ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE, in persona del

Presidente e legale rappresentante pro tempore, elettivamente

domiciliato in ROMA, VIA DELLA FREZZA 17, presso l’AVVOCATURA

CENTRALE DELL’ISTITUTO, rappresentato e difeso dagli avvocati RICCIO

ALESSANDRO, VALENTE NICOLA, PULLI CLEMENTINA, giusta procura in calce

al ricorso notificato;

– resistente –

avverso l’ordinanza R.G. 303/08 della CORTE D’APPELLO di L’AQUILA,

del 19/03/2009;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio

dell’11/01/2011 dal Consigliere Relatore Dott. SAVERIO TOFFOLI;

è presente il Procuratore Generale in persona del Dott. RENATO

FINOCCHI GHERSI.

Fatto

MOTIVI

La Corte pronuncia in camera di consiglio ex art. 375 c.p.c. a seguito di relazione ex art. 380 bis.

La Corte d’appello de L’Aquila, con ordinanza pronunciata all’udienza del 19.3.2009 nella controversia tra M.A., appellante, e INPS, appellato, non essendo comparsa nessuna della parti, ha dichiarato “l’estinzione del procedimento”.

La M. ricorre per cassazione. L’Inps si è limitato a depositare procura difensiva.

Il ricorso, denunciando violazione e falsa applicazione degli artt. 181, 307, 309 e 409 c.p.c., dopo avere premesso che anche l’Inps si era costituito in appello, sostiene che il giudice di appello, non essendo le parti comparse all’udienza del 19 marzo 2009, non avrebbe potuto dichiarare l’estinzione del procedimento, ma fissare una nuova udienza dandone comunicazione alle parti.

Il ricorso, ammissibile avendo l’ordinanza impugnata natura di sentenza, è fondato, poichè, come da tempo precisato dalla giurisprudenza, gli artt. 181 e 348 c.p.c., trovano applicazione anche nel rito del lavoro e quindi la Corte d’appello avrebbe dovuto fissare una nuova udienza, dandone comunicazione alle parti (cfr.

Cass. n. 12354/1997, 6334/2001, 12358/2003, 2851/2004, 5643/2009).

Pertanto, accolto il ricorso, il provvedimento impugnato deve essere cassato, con rinvio della causa per nuova trattazione ad altro giudice (stesso giudice in diversa composizione), al quale viene demandata anche la regolazione delle spese del giudizio di cassazione.

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso, cassa il provvedimento impugnato e rinvia la causa, anche per le spese, alla Corte d’appello de L’Aquila in diversa composizione.

Così deciso in Roma, il 11 gennaio 2011.

Depositato in Cancelleria il 28 febbraio 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA