Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 4936 del 25/02/2020

Cassazione civile sez. VI, 25/02/2020, (ud. 24/10/2019, dep. 25/02/2020), n.4936

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. FRASCA Raffaele – Presidente –

Dott. RUBINO Lina – Consigliere –

Dott. SCRIMA Antonietta – Consigliere –

Dott. DELL’UTRI Marco – rel. Consigliere –

Dott. TATANGELO Augusto – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA PER CORREZIONE ERRORE MATERIALE

sul ricorso 18132-2019 proposto da:

P.A., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA COSSERIA 2,

presso il Dott. ALFREDO PLACIDI, rappresentato e difeso

dall’avvocato PAOLA PERRONE;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELLA SALUTE, (OMISSIS);

– intimato –

avverso l’ordinanza n. 10764/2015 della CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

di ROMA, depositata il 25/05/2015;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 24/10/2019 dal Consigliere Relatore Dott. MARCO

DELL’UTRI.

Fatto

RILEVATO

che, con atto in data 26/11/2018 (pervenuta in data 20/6/2019), denominato “istanza di correzione di errore materiale”, P.A. ha dedotto che, con ordinanza n. 10764/2015, la Corte di cassazione, dopo aver rigettato il ricorso proposto dallo stesso P. e compensate le spese di giudizio, ha dato atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del P., dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1-quater;

che l’istante ha altresì dedotto di esser stato ammesso, in relazione all’indicata fase processuale, al patrocinio a spese dello Stato in data 16/10/2013, senza che tale ammissione fosse mai stata revocata;

che in forza di detta pronuncia della Corte di cassazione, Equitalia Giustizia s.p.a., con avviso notificato in data 13/11/2018 ha invitato il P. al pagamento della somma di Euro 900,00 in applicazione del citato art. 13;

che, sul presupposto dell’infondatezza della pretesa avanzata da Equitalia Giustizia s.p.a. (in ragione della dedotta avvenuta ammissione dello stesso al patrocinio a spese dello Stato), l’istante ha invocato la Corte suprema di cassazione al fine di riesaminare il provvedimento di recupero crediti n. (OMISSIS) e per l’effetto annullare, in via di autotutela, il Mod. C numero registro recupero crediti (OMISSIS) del 5/10/2017 notificato il 13/11/2018, disponendo con effetto immediato lo sgravio delle somme ingiunte in pagamento;

considerato che l’istanza proposta, là dove intesa (conformemente all’intestazione dell’atto) alla stregua di una domanda di correzione di un errore materiale imputabile alla citata ordinanza n. 10764/2015 della Corte di cassazione, deve ritenersi inammissibile, siccome oggettivamente non diretta alla provocazione dell’emendamento di alcun errore materiale;

che, infatti, varrà osservare come il provvedimento emesso dalla Corte di cassazione ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1-quater, non sia destinato a fornire alcuna attestazione in ordine alla debenza sostanziale del doppio contributo da parte dell’impugnante, bensì unicamente a dare atto, sul mero piano formale e astratto, della sussistenza dei presupposti processuali per l’eventuale debenza di detto doppio contributo nei casi in cui lo stesso sia in concreto dovuto (cfr. Sez. 3, Sentenza n. 26907 del 24/10/2018, Rv. 651141 – 01);

che, pertanto – ferma ogni ulteriore e opportuna verifica in ordine all’effettiva debenza sostanziale di detto doppio contributo nelle competenti sedi esecutive – l’istanza in esame deve ritenersi inammissibile;

che non vi è luogo a provvedere sulle spese del presente procedimento (Sez. U, Ordinanza n. 9438 del 27/06/2002, Rv. 555429 – 01).

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile l’istanza.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sesta Sezione Civile – 3, il 24 ottobre 2019.

Depositato in Cancelleria il 25 febbraio 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA