Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 4802 del 14/02/2022

Cassazione civile sez. trib., 14/02/2022, (ud. 13/01/2022, dep. 14/02/2022), n.4802

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MANZON Enrico – Presidente –

Dott. FUOCHI TINARELLI Giuseppe – rel. Consigliere –

Dott. PERRINO Angelina Maria – Consigliere –

Dott. CONDELLO Pasqualina A.P. – Consigliere –

Dott. TRISCARI Giancarlo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso iscritto al n. 12159/2015 R.G. proposto da:

Agenzia delle entrate, rappresentata e difesa dall’Avvocatura

Generale dello Stato, presso la quale è domiciliata in Roma, via

dei Portoghesi n. 12;

– ricorrente –

contro

Virauto Spa, rappresentata e difesa dall’Avv. Andrea Libranti, con

domicilio eletto presso l’Avv. Gaetano Alessi, in Roma, via Monte

Zebio n. 28, giusta procura speciale a margine del controricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza della Commissione tributaria regionale della

Sicilia sez. staccata di Catania n. 517/34/15, depositata in data 11

febbraio 2015, notificata il 5 marzo 2015.

Udita la relazione svolta nella pubblica udienza del 13 gennaio 2022

dal Cons. Giuseppe Fuochi Tinarelli.

Udito il Pubblico Ministero, in persona del Sostituto Procuratore

Generale Giuseppe Locatelli, che ha concluso per la cassazione della

sentenza impugnata con rinvio alla CTR per nuovo esame con riguardo

ai profili di ammissibilità dell’istanza di rimborso in relazione

alla decisione della Commissione Europea del 14.8.2015 n. 5549

final. Udito l’Avv. Andrea Libranti per la contribuente che ha

concluso per il rigetto del ricorso.

 

Fatto

FATTI DI CAUSA

L’Agenzia delle entrate impugna per cassazione, con tre motivi, la sentenza della CTR in epigrafe che, confermando la decisione della CTP di Catania, aveva ritenuto illegittimo il diniego di rimborso per Iva, Irpeg e Ilor chiesto dalla Virauto Spa per gli anni dal 1990 al 1992 L. n. 289 del 2002, ex art. 9, comma 17, con riferimento al sisma siciliano del dicembre 1990.

La contribuente resiste con controricorso, poi illustrato con memoria.

Il ricorso, già fissato per la trattazione in adunanza presso la Sesta sezione civile, era rinviato alla pubblica udienza.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

1. Il primo motivo denuncia, ai sensi dell’art. 360 c.p.c., n. 4, violazione dell’art. 295 c.p.c., artt. 107 e 108 TFUE, Reg. n. 659/1999/CE, artt. 11 e 12, per non aver la CTR disposto la sospensione del giudizio, chiesta dall’Ufficio attesa la decisione della Commissione Europea C(2012) 7128 final del 17 ottobre 2012 di avvio della procedura formale di indagine di cui all’art. 108 TFUE, contenente l’ingiunzione di sospensione degli aiuti di Stato incompatibili con l’ordinamento unionale.

1.1. Il secondo motivo denuncia, in via subordinata, la nullità della sentenza per mancata disapplicazione dell’art. 295 c.p.c., nella parte in cui non consentirebbe la sospensione del giudizio in presenza dell’anzidetta indagine formale della Commissione Europea nei confronti dell’Italia per aiuti di Stato per contrasto con il Reg. n. 659/1999/CE, art. 11.

Chiede, in via di ulteriore subordine, rinvio pregiudiziale ex 267 TFUE, con riguardo all’art. 295 c.p.c., e alla L. n. 289 del 2002, art. 9, comma 17, in ordine alla compatibilità con il diritto unionale e, in ispecie, con il Reg. n. 969/1999/CE, art. 11, e art. 101 TUE.

1.2. Il terzo motivo denuncia, ai sensi dell’art. 360 c.p.c., n. 3, violazione della L. n. 190 del 2014, art. 1, comma 665, disposizione che osta alla richiesta di rimborso.

2. L’Agenzia delle entrate, in sostanza, denuncia con le diverse censure, sotto più versanti, una unitaria violazione, ossia la mancata sospensione del giudizio d’appello pur a fronte della Decisione della Commissione Europea C(2012) 7128 final del 17 ottobre 2012, con cui era stata avviata una procedura di infrazione nei confronti dell’Italia per l’illecita concessione di aiuti di Stato con riguardo alla qualificazione delle agevolazioni Iva, Irpeg e Ilor concesse in relazione, tra l’altro, al terremoto che aveva interessato i territori siciliani e, comunque, la non spettanza del rimborso.

3. Va rilevato, in via preliminare, che hanno carattere dirimente all’esame dei motivi due circostanze:

a) nelle more del giudizio è intervenuta la decisione finale della Commissione Europea;

b) la richiesta di rimborso dell’agevolazione riguarda (anche) l’Iva.

4. Sotto il primo profilo occorre osservare che l’incompatibilità delle misure con cui lo Stato membro rinuncia ad una corretta applicazione e/o riscossione di quanto dovuto per Iva va rilevata a prescindere da specifiche deduzioni di parte poiché il principio di effettività contenuto nel del Trattato CE, art. 10, comporta, come affermato sempre da questa Corte sulla base della giurisprudenza comunitaria, l’obbligo del giudice nazionale di applicare d’ufficio il diritto comunitario, senza che possano ostarvi preclusioni procedimentali o processuali, o, nella specie, il carattere chiuso del giudizio di cassazione.

Con riguardo alle altre imposte, peraltro, occorre sottolineare che la Decisione della Commissione Europea C/2015, 5549 Final, del 14 agosto 2015, ha statuito che la citata disciplina italiana integra un “aiuto di Stato” non conforme al diritto sovranazionale.

Tale sopravvenuta decisione della Commissione Europea è immediatamente applicabile trattandosi, ai sensi dell’art. 288 TFUE, di atto normativo vincolante e, dunque, di ius superveniens, sicché il giudice di legittimità è tenuto a dare immediata attuazione, anche d’ufficio, alla nuova regolamentazione della materia oggetto della decisione comunitaria, decidendo nel merito ovvero, se sia necessario un accertamento dei presupposti di fatto, cassando la sentenza impugnata e rimettendo al giudice di rinvio il relativo compito (v. Cass. n. 13458 del 30/06/2016; Cass. n. 17199 del 26/06/2019).

5. Tali considerazioni tolgono, in primis, ogni incidenza alla eccepita inammissibilità per carenza d’interesse, invece attuale ed effettivo.

5.1. I motivi, inoltre, sono fondati nei termini che seguono.

6. La Commissione UE, con la decisione del 14/08/2015, C(2015) 5549 final (che il giudice nazionale deve attuare anche mediante disapplicazione di norme contrastanti: v. Cass. n. 15354 del 04/07/2014; Cass. n. 29905 del 13/12/2017; Cass. n. 2208 del 25/01/2019), ha stabilito all’art. 1, che “Le misure di aiuto di Stato in oggetto (L. 27 dicembre 2012, n. 289, art. 9, comma 17, e successive modifiche e integrazioni; L. 24 dicembre 2003, n. 350, art. 4, comma 90, e successive modifiche e integrazioni; L. 23 dicembre 2005, n. 266, art. 1, comma 363, e successive modifiche e integrazioni; L. 27 dicembre 2006, n. 296, art. 1, comma 1011, e successive modifiche e integrazioni; L. 24 dicembre 2007, n. 244, art. 2, comma 109, e successive modifiche e integrazioni; D.L. 29 novembre 2008, n. 185, art. 6, commi 4-bis e 4-ter, e successive modifiche e integrazioni; L. 12 novembre 2011, n. 183, art. 33, comma 28, e successive modifiche e integrazioni; e tutti gli atti esecutivi pertinenti previsti dalle leggi sopraccitate), che riducono tributi e contributi dovuti da imprese in aree colpite da calamità naturali in Italia dal 1990 e cui l’Italia ha dato effetto in maniera illegale in violazione del trattato sul funzionamento dell’Unione Europea, art. 108, par. 3, sono incompatibili con il mercato interno”.

6.1. La Commissione, invero, ha fatta salva l’ipotesi che si tratti di un “aiuto individuale” che “al momento della sua concessione, soddisfa le condizioni previste dal Reg. (CE) n. 1407 del 2013, o dal Reg. (CE) n. 717 del 2014”, ovvero dai regolamenti che prevedono gli aiuti cd. de minimis (art. 2 dec. cit.), ovvero che, “al momento della sua concessione, soddisfa le condizioni previste dal regolamento adottato in applicazione del Reg. (CE) n. 994 del 1998, art. 1,” (relativo all’applicazione del Trattato, artt. 92 e 93, – ora artt. 87 e 88, – a determinate categorie di aiuti di Stato orizzontali), “o da ogni altro regime di aiuti approvato”, ma “fino a concorrenza dell’intensità massima prevista per questo tipo di aiuti” (art. 3 dec. cit.).

In altri termini, secondo la Commissione UE “una decisione negativa in merito ad un regime di aiuti non pregiudica la possibilità che determinati vantaggi concessi nel quadro dello stesso regime non costituiscano di per sé aiuti di Stato o configurino, interamente o in parte, aiuti compatibili con il mercato interno (ad esempio perché il beneficio individuale è concesso a soggetti che non svolgono un’attività economica e che pertanto non vanno considerati come imprese oppure perché il beneficio individuale è in linea (con) il regolamento de minimis applicabile oppure perché il beneficio individuale è concesso in conformità di un regime di aiuto approvato o un regolamento di esenzione)” (p. 134 dec. cit.).

6.2. Sotto tale versante, la nozione unionale d’impresa include qualsiasi entità che eserciti un’attività economica a prescindere dal suo status giuridico e dalle modalità di finanziamento, assumendo rilievo qualsiasi attività che consista nell’offrire beni o servizi su un determinato mercato (v., tra le tante, Corte di Giustizia, sentenza 23/04/1991, Hòfner e Elser c/ Macrotron, in C-41/90; sentenza 01/07/2008, Motoe in C-49/07; sentenza 26/03/2009, Selex Sistemi Integrati, in C-481/07; sentenza 11/06/2020, Commissione c/Repubblica di Finlandia, in C-262/18P e C-271/18P), nozione che, del resto, si raccorda con la normativa fiscale Europea, per cui, in materia di Iva, è soggetto passivo “chiunque esercita, in modo indipendente e in qualsiasi luogo, un’attività economica, indipendentemente dallo scopo o dai risultati di detta attività” (dir. n. 2006/112/CE, art. 9), mentre, in materia di appalti pubblici, si prevede che “i termini imprenditore, fornitore e prestatore di servizi designano una persona fisica o giuridica o un ente pubblico o un raggruppamento di tali persone e/o enti che offra sul mercato, rispettivamente la realizzazione di lavori e/o opere, prodotti e servizi” (dir. n. 2004/18/CE, art. 1, par. 8).

Una tale nozione è fatta propria dalla richiamata decisione che afferma che i “soggetti che non svolgono attività economica (…) non vanno considerati come imprese” (par. 134).

6.3. Ne deriva che, pacifica la riconduzione dell’attività della contribuente a quella d’impresa, diviene necessario accertare che il beneficio individuale sia in linea con il regolamento de minimis applicabile (par. 2 e 3 della citata decisione), “tenendo conto, in specie, che la regola de minimis, stabilendo una soglia di aiuto al di sotto della quale l’art. 92 TFUE, n. 1, può considerarsi inapplicabile, costituisce un’eccezione alla generale disciplina relativa agli aiuti di Stato, per modo che, quando la soglia dell’irrilevanza dovesse essere superata, il beneficio dovrà essere negato nella sua interezza” (cfr. Cass. n. 22377 del 2017, cit., che richiama Cass. n. 11228 del 20/05/2011) e, in difetto, valutare la sussistenza delle condizioni che, secondo la decisione della Commissione UE del 14/08/2015, C (2015) 5549 final, fanno ritenere comunque compatibile gli aiuti in esame con il mercato interno, ai sensi dell’art. 107 TFUE, par. 2, lett. b), ovvero che si tratti di “aiuti destinati a compensare i danni causati da una calamità naturale” (par. 150, lett. b)), sempre che sussista “un nesso chiaro e diretto tra i danni subiti dalla singola impresa in seguito alle calamità naturali in oggetto e l’aiuto di Stato concesso a norma delle misure in esame” par. 136), che presuppone necessariamente (ma non unicamente) che il beneficiario abbia sede operativa nell’area colpita dalla calamità naturale al momento dell’evento, e che sia evitata una sovracompensazione rispetto ai danni subiti dalla impresa, scorporando dal danno accertato l’importo compensato da altre fonti (assicurative o altre misure di aiuto: cfr. par. 148 della decisione della Commissione).

Inoltre, nel rispetto del principio de minimis, non basterebbe che l’importo chiesto in rimborso ed oggetto del singolo procedimento sia inferiore alla soglia fissata del diritto dell’UE, dovendo invece la relativa prova riguardare l’ammontare massimo totale dell’aiuto rientrante nella categoria de minimis su un periodo di tre anni a decorrere dal momento del primo aiuto, comprendendovi qualsiasi aiuto pubblico accordato, anche quale aiuto de minimis (Cass. n. 14465 del 09/06/2017).

7. Occorre, peraltro, distinguere tra Iva e altre imposte.

8. Con riguardo all’Iva va richiamata, sul punto, la sentenza della Corte di Giustizia del 15/07/2015, Agenzia delle Entrate c/Nuova Invincibile srl, in C-82/14, che ha ritenuto contrario al principio di neutralità fiscale la disposizione della L. n. 289 del 2002, art. 9, comma 17.

Tale norma testualmente dispone:

“I soggetti colpiti dal sisma del 13 e 16 dicembre 1990, che ha interessato le province di Catania, Ragusa e Siracusa, (..) destinatari dei provvedimenti agevolativi in materia di versamento delle somme dovute a titolo di tributi e contributi, possono definire in maniera automatica la propria posizione relativa agli anni 1990, 1991 e 1992. La definizione si perfeziona versando, entro il 16 marzo 2003, l’intero ammontare dovuto per ciascun tributo a titolo di capitale, al netto dei versamenti già eseguiti a titolo di capitale ed interessi, diminuito al 10 per cento; il perfezionamento della definizione comporta gli effetti di cui al comma 10. Qualora gli importi da versare complessivamente ai sensi del presente comma eccedano la somma di (EUR 5 000), gli importi eccedenti possono essere versati in un massimo di otto rate semestrali con l’applicazione degli interessi legali a decorrere dal 17 marzo 2003. L’omesso versamento delle predette eccedenze entro le scadenze delle rate semestrali non determina l’inefficacia della definizione automatica (…)”

La Corte di Giustizia, dopo aver premesso che “il sistema delle detrazioni è stato istituito al fine di garantire la neutralità dell’IVA (..) tale sistema è inteso a sgravare interamente il soggetto passivo dall’onere dell’IVA dovuta o pagata nell’ambito di tutte le sue attività economiche. Il sistema comune dell’IVA garantisce, in tal modo, la neutralità dell’imposizione fiscale per tutte le attività economiche”, ha rilevato che “la misura introdotta dalla L. n. 289 del 2002, art. 9, comma 17, ha come effetto, da un lato, non di alleggerire, per quanto riguarda l’IVA, il carico fiscale dei soggetti passivi, bensì di consentire ad alcuni soggetti passivi di conservare o incamerare somme pagate dal consumatore finale e dovute all’amministrazione finanziaria” e dall’altro comporta “una disparità di trattamento contraria al principio di neutralità fiscale, in quanto tale disposizione consente ad alcuni soggetti passivi da essa indicati, e in forza della riduzione dell’IVA normalmente dovuta – riduzione prevista dalla medesima disposizione -, di conservare o di incamerare la maggior parte dell’importo dell’IVA percepita sulle cessioni di beni e le prestazioni di servizi, mentre altri soggetti passivi sul territorio italiano devono versare per intero l’importo dell’IVA normalmente dovuta all’amministrazione finanziaria, sulla base di tali operazioni”.

In linea con questi principi, la Suprema Corte ha affermato che “la L. n. 289 del 2002, art. 9, comma 17, non è applicabile in materia d’IVA atteso che, nel prevedere a beneficio delle persone colpite dal terremoto che ha interessato le province di Catania, Ragusa e Siracusa una riduzione del 90 per cento di tale imposta, normalmente dovuta per gli anni 1990, 1991 e 1992, con riconoscimento del diritto al rimborso, in tale proporzione, delle somme già corrisposte, non soddisfa il principio di neutralità fiscale e non consente di garantire la riscossione integrale dell’IVA dovuta nel territorio italiano, sicché si pone in contrasto con l’ordinamento comunitario, come chiarito dall’ordinanza 15 Luglio 2015 della Corte di Giustizia nella causa C82/14” (così Cass. n. 18205 del 16/09/2016; conf. Cass. n. 25278 del 16/12/2015; Cass. n. 16923 del 10/08/2016; Cass. n. 17563 del 04/07/2018; Cass. n. 30927 del 27/11/2019).

8.1. Ne deriva che, con riguardo all’Iva, la sentenza va cassata e l’originario ricorso del contribuente va, negli stessi limiti, rigettato non essendovi necessità di ulteriori accertamenti in fatto.

9. Con riguardo alle altre imposte, invece, incomberà al giudice del rinvio provvedere alle indagini indicate al punto 6.3. con l’ulteriore precisazione che la prova delle suddette circostanze è a carico del soggetto che invoca il beneficio; tuttavia, in linea con quanto già precisato da questa Corte, “dev’essere consentita, in sede di rinvio, l’esibizione di quei documenti prima non ottenibili ovvero l’accertamento di quei fatti che in base alla precedente disciplina non erano indispensabili, ma che costituiscono il presupposto per l’applicazione della nuova regola giuridica” (v. Cass. n. 30927 del 2019, cit.; già Cass. n. 5224 del 1998).

9.1. Inoltre, va evidenziato che, benché la Commissione UE abbia espressamente previsto un’eccezione all’obbligo di recupero degli aiuti già erogati, ove sia giustificata dalla scadenza del termine decennale di conservazione dei documenti contabili (p. 150), tale eccezione va interpretata in maniera restrittiva. Va escluso, infatti, che sia possibile autorizzare successivamente all’adozione della decisione impugnata l’erogazione automatica degli aiuti dichiarati incompatibili senza privare di efficacia pratica detta decisione e l’intero sistema di controllo degli aiuti di Stato (Trib. UE, 26/01/2018, Centro Clinico e Diagnostico G.B. Morgagni, p.p. 96-97 e 98-104).

9.2. Infine, resta in disparte ogni eventuale futura evoluzione nella disciplina Eurounitaria, che dovrà essere verificata sempre in sede di giudizio di rinvio.

10. In conclusione, in accoglimento del ricorso, la sentenza, quanto all’Iva, va cassata e, non essendo necessari ulteriori accertamenti in fatto, va rigettato, negli stessi limiti, l’originario ricorso della contribuente, mentre, quanto alle altre imposte, va cassata con rinvio, anche per la regolazione integrale delle spese, alla CTR competente in diversa composizione che procederà all’esame delle questioni relative, attenendosi ai principi di cui ai punti 6.3. e 9.-9.2.

P.Q.M.

La Corte, in accoglimento del ricorso, cassa la sentenza impugnata e, quanto all’Iva, decidendo nel merito rigetta l’originario ricorso della contribuente, mentre, con riguardo alle altre imposte, rinvia, anche per le spese, alla CTR della Sicilia sez. staccata di Catania in diversa composizione per l’ulteriore esame, che opererà attenendosi ai principi di cui ai punti 6.3. e 9.-9.2. della motivazione.

Così deciso in Roma, il 13 gennaio 2022.

Depositato in Cancelleria il 14 febbraio 2022

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA