Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 4766 del 23/02/2021

Cassazione civile sez. trib., 23/02/2021, (ud. 13/11/2020, dep. 23/02/2021), n.4766

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. FUOCHI TINARELLI Giuseppe – Presidente –

Dott. CATALLOZZI Paolo – Consigliere –

Dott. TRISCARI Giancarlo – Consigliere –

Dott. CASTORINA Rosaria Maria – Consigliere –

Dott. ARMONE Giovanni Maria – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 18648-2014 proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE, in persona del Direttore pro tempore,

elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso

l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

V.A.;

– intimata –

avverso la sentenza n. 383/2014 della COMM.TRIB.REG. di NAPOLI,

depositata il 16/01/2014;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

13/11/2020 dal Consigliere Dott. GIOVANNI MARIA ARMONE.

 

Fatto

FATTI DI CAUSA

Rilevato che:

1. l’Agenzia delle entrate propone ricorso per cassazione avverso la sentenza della Commissione tributaria regionale della Campania n. 383/29/14, depositata il 16 gennaio 2014, che, in accoglimento dell’appello della contribuente sig.ra V.A. e in riforma della sentenza di primo grado, aveva dichiarato illegittimo l’avviso di accertamento originariamente impugnato, relativo a IRPEF, IVA, IRAP e altro per l’anno 2006;

2. il ricorso è affidato a un unico motivo;

3. la contribuente, benchè regolarmente intimata, non si è costituita in giudizio.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

Considerato che:

1. con il primo e unico motivo di ricorso, parte ricorrente denuncia, ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, la violazione e la falsa applicazione del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600, art. 32 e art. 39, comma 2, e dell’art. 2697 c.c., in relazione alla tipologia di accertamento che l’Ufficio avrebbe eseguito per giungere all’imputazione di un maggior reddito in capo alla contribuente e alla conseguente rettifica delle imposte dovute;

2. il motivo è fondato;

3. dal contenuto dell’avviso di accertamento, riprodotto dall’Agenzia nel ricorso, emerge che l’Amministrazione finanziaria non ha proceduto a un accertamento di tipo induttivo, come affermato nella sentenza impugnata, ma a un accertamento di tipo analitico (o analitico presuntivo), basato sulla discordanza tra gli elementi riportati nella dichiarazione dei redditi e i dati acquisiti dall’Amministrazione all’esito delle indagini presso Poste italiane s.p.a., secondo cui la contribuente avrebbe eseguito operazioni su un conto di deposito a risparmio acceso presso tale intermediario (sulla qualificabilità degli accertamenti mediante indagini bancarie come accertamenti analitici v, per tutte Cass. 29/09/2017, n. 22868);

4. si è trattato dunque di un accertamento ai sensi del D.P.R. n. 600 del 1973, art. 39, comma 1, lett. c), a sua volta basato sui dati acquisiti ai sensi del citato D.P.R., art. 32, comma 1, n. 2;

5. a fronte di ciò, e della non contestazione delle risultanze di tali indagini, deve ritenersi errata la sentenza impugnata, la quale ha ritenuto che, nella specie, mancassero le condizioni di legge per un accertamento induttivo e che ciò ne determinasse l’illegittimità;

6. venuta a cadere la premessa (che ci si trovi di fronte a un accertamento induttivo) e in assenza di altri rilievi, l’operato dell’Ufficio deve dirsi corretto;

7. la sentenza impugnata va dunque annullata e, non essendo necessari ulteriori accertamenti di fatto, la causa può essere decisa nel merito, con il rigetto dell’originario ricorso della contribuente;

8. le spese delle fasi di merito devono essere compensate, mentre quelle del presente grado di legittimità devono essere poste a carico della contribuente, secondo il principio della soccombenza e nella misura indicata in dispositivo.

PQM

La Corte accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e, decidendo nel merito, rigetta l’originario ricorso del contribuente; compensa le spese dei giudizi di merito e condanna il contribuente al pagamento delle spese del giudizio di legittimità in favore della ricorrente, liquidandole in complessivi Euro 2.000,00, oltre spese prenotate a debito.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 13 novembre 2020.

Depositato in Cancelleria il 23 febbraio 2021

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA