Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 4746 del 28/02/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Ord. Sez. 6 Num. 4746 Anno 2018
Presidente: CURZIO PIETRO
Relatore: CAVALLARO LUIGI

ORDINANZA
sul ricorso 22907-2016 proposto da:
ZAMBRANO DOMENICO, STANISLAV MARIUS, elettivamente
domiciliati in ROMA, VIA FILIPPO CIVININI 12, presso lo studio
dell’avvocato MASSIMO CASSIANO, che lo rappresenta e difende
unitamente all’avvocato VALENTINO FIORIO;

– ricorrente contro
AIROLA GIOVANNI, già titolare dell’omonima ditta individuale,
elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA CAVOUR presso la
CANCELLERIA della CORTE DI CASSAZIONE, rappresentato e
difeso dall’avvocato ALESSANDRA CUCINOTTA;

controricorrente

avverso l’ordinanza n. 812/2015 della CORTE D’APPELLO di
TORINO, depositata il 13/04/2016;

Data pubblicazione: 28/02/2018

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non
partecipata del 06/12/2017 dal Consigliere Dott. LUIGI
CAVALLARO.
RILEVATO IN FATTO
che, con ordinanza emessa ex artt. 348-bis e 348-ter c.p.c. in data

previa riunione, gli appelli proposti da Domenico Zambrano e Marius
Stanislav avverso altrettante pronunce di primo grado che avevano
rigettato le domande da loro proposte contro Giovanni Airola e volte
all’accertamento della sussistenza di un rapporto di lavoro subordinato
e al pagamento delle differenze retributive;
che la Corte territoriale ha ritenuto che i gravami interposti non
potessero avere alcuna ragionevole probabilità di accoglimento in
considerazione della condivisibilità della valutazione del primo giudice
circa il mancato assolvimento degli oneri di allegazione e prova degli
elementi tipici della subordinazione;
che per la cassazione di tale decisione hanno proposto ricorso
Domenico Zambrano e Marius Stanislav, deducendo quattro motivi di
censura;
che Giovanni Airola ha resistito con controricorso;
che è stata depositata proposta del relatore ai sensi dell’art. 380-bis
c.p.c., ritualmente comunicata alle parti unitamente al decreto di
fissazione dell’adunanza in camera di consiglio;
CONSIDERATO IN DIRITTO
che con le doglianze di cui al ricorso le parti ricorrenti lamentano
rispettivamente violazione e falsa applicazione degli artt. 1656, 2222,
2339, 2094 c.c. nonché dell’allegato 17 al d.lgs. n. 81/2008, per avere la
Corte di merito disatteso la prospettazione secondo cui le prestazioni
dedotte in giudizio, in considerazione delle modalità della loro
Ric. 2016 n. 22907 sez. ML – ud. 06-12-2017
-2-

13.4.2016, la Corte d’appello di Torino ha dichiarato inammissibili,

esecuzione, erano sussumibili non già nell’alveo dell’appalto, bensì nel
paradigma del rapporto di lavoro subordinato;
che il ricorso risulta notificato il 28.9.2016 e dunque oltre il teimine di
sessanta giorni di cui all’art. 325 comma 2° c.p.c., decorrente in specie
dal 13.4.2016, essendo stata l’ordinanza ex art. 348-ter c.p.c.

25043 del 2016);
che ulteriore ragione d’inammissibilità del ricorso va rinvenuta nella
circostanza che, non avendo i ricorrenti denunziato vizi di natura
processuale dell’ordinanza impugnata né avendo quest’ultima
dichiarato inammissibile l’appello per ragioni processuali (ciò che ne
avrebbe implicato l’autonoma ricorribilità per cassazione ex art. 111
comma 7° Cost.: v. in tal senso Cass. S.U. n. 1914 del 2016), il ricorso
per cassazione andava proposto avverso la sentenza di primo grado, a
norma dell’art. 348-ter, comma 3°, c.p.c.;
che il ricorso, pertanto, va dichiarato inammissibile, provvedendosi
come da dispositivo sulle spese del giudizio di legittimità, giusta il
criterio della soccombenza;
che, in considerazione della declaratoria d’inammissibilità del ricorso,
sussistono i presupposti per il versamento, da parte dei ricorrenti,
dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato;
P.Q.M.
La Corte dichiara inammissibile il ricorso e condanna le parti ricorrenti
alla rifusione delle spese del giudizio di legittimità, che si liquidano in C
3.700,00, di cui C 3.500,00 per compensi, oltre spese generali in misura
pari al 15% e accessori di legge.
Ai sensi dell’art. 13, comma 1-quater, del d.P.R. n. 115 del 2002, dà atto
della sussistenza dei presupposti per il versamento da parte dei ricorrenti

Ric. 2016 n. 22907 sez. ML – ud. 06-12-2017
-3-

pronunciata e letta in udienza (Cass. 25119 del 2015; Cass. S.U. n.

dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello
dovuto per il ricorso a norma del comma 1-bis dello stesso art. 13.
Così deciso in Roma, nella camera di consiglio del 6.12.2017.
IL PRJSIDENTE

o Curzig

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA