Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 4740 del 26/02/2010

Cassazione civile sez. trib., 26/02/2010, (ud. 11/11/2009, dep. 26/02/2010), n.4740

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MIANI CANEVARI Fabrizio – Presidente –

Dott. BOGNANNI Salvatore – Consigliere –

Dott. PERSICO Mariaida – Consigliere –

Dott. PARMEGGIANI Carlo – Consigliere –

Dott. CAMPANILE Pietro – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

Agenzia delle Entrate, rappresentata e difesa dall’Avvocatura

Generale dello Stato, nei cui uffici in Roma, via dei Portoghesi, 12,

è domiciliata;

– ricorrente –

contro

C.P.L. – G.A.;

– intimati –

avverso la sentenza della commissione tributaria regionale del

Piemonte, n. 27/33/06, depositata in data 27 luglio 2006;

sentita la relazione della causa svolta alla pubblica udienza del 11

novembre 2009 dal consigliere Dott. Pietro Campanile;

Udite le richieste del Procuratore Generale, in persona del Sostituto

Dott. Pietro Abbritti, il quale ha concluso per il rigetto del

ricorso.

 

Fatto

La Commissione tributaria regionale del Piemonte, con la decisione indicata in epigrafe, rigettava proposto dall’Amministrazione finanziaria avverso la decisione di primo grado che, in accoglimento dei ricorsi proposti da C.P.L. e G.A., aveva affermato l’illegittimità degli avvisi di accertamento con i quali era stata contestata una plusvalenza per cessione a titolo oneroso di terreni edificabili, previo disconoscimento della donazione degli stessi a tale G.P., il quale poi aveva proceduto alla vendita dei terreni.

Veniva, in particolare, affermato che, avendo l’Ufficio chiesto, in sede dibattimentale, l’acquisizione della documentazione bancaria relativa a G.P., “tale accertamento sarebbe stato fondamentale per giustificare l’accertamento iniziale, ma non ora, quando i risultati dell’indagine non possono costituire motivazione dell’accertamento a suo tempo emesso”.

L’Agenzia delle Entrate ha proposto ricorso per cassazione avverso detta sentenza, affidato a due motivi, chiedendo, quindi, la cassazione del provvedimento impugnato.

Non si costituivano le parti intimate.

Diritto

Il ricorso è fondato.

Con entrambi i motivi, invero, viene posta in evidenza, nel pieno rispetto del principio di autosufficienza, la totale assenza, nella motivazione della decisione impugnata, dell’esame dei motivi di appello, opportunamente richiamati e trascritti.

Il riferimento della Commissione tributaria regionale alla tardività di un’istanza istruttoria, che costituisce l’unico argomento utilizzato a sostegno del rigetto dell’appello, appare assolutamente insufficiente, tanto da rendere la motivazione meramente apparente, essendo evidente che la proposizione di un’istanza, sia pure tardiva, non implica rinuncia ai motivi di appello, che i giudici di secondo grado avevano il dovere di esaminare.

Per completezza di esposizione si rileva che non può ravvisarsi un’autonoma ratio decidendi nel rilievo secondo cui la tardività dell’istanza avrebbe (implicitamente) posto in evidenza un vizio motivazionale dell’atto impositivo: la laconicità del rilievo non indurre a pervenire a tale conclusione, tanto più che debbono sempre tenersi distinti gli aspetti della motivazione dell’avviso di accertamento rispetto alla prova della pretesa, che può essere fornita anche nel corso del giudizio.

La sentenza impugnata, pertanto, deve essere cassata, con rinvio ad altra sezione della Commissione Tributaria Regionale, che provvederà al nuovo giudizio, nonchè al regolamento delle spese processuali.

P.Q.M.

La Corte di Cassazione, accoglie il ricorso. Cassa la sentenza impugnata e rinvia, anche per le spese, ad altra Sezione della Commissione tributaria del Piemonte.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della 5^ sezione civile – tributaria, il 11 novembre 2009.

Depositato in Cancelleria il 26 febbraio 2010

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA