Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 4635 del 15/02/2019

Cassazione civile sez. VI, 15/02/2019, (ud. 05/02/2019, dep. 15/02/2019), n.4635

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. GENOVESE Francesco Antonio – Presidente –

Dott. BISOGNI Giacinto – Consigliere –

Dott. LAMORGESE Antonio Pietro – rel. Consigliere –

Dott. NAZZICONE Loredana – Consigliere –

Dott. CAIAZZO Rosario – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA PER CORREZIONE DI ERRORE MATERIALE

sul ricorso 14562-2018 proposto da:

S.A., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA CARDINAL DE

LUCA 22, presso lo studio dell’avvocato VINCENZO D’ISIDORO, che la

rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

COMUNE DI TRINITAPOLI;

– intimato –

avverso l’ordinanza n. 10288/2018 della CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

di ROMA, depositata il 27/04/2018;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 5/2/2019 dal Consigliere Relatore Dott. ANTONIO

PIETRO LAMORGESE.

Fatto

FATTO E DIRITTO

Rilevato che S.A. ha chiesto la correzione dell’ordinanza di questa Corte, sez. 1, n. 10288/2018, che, in accoglimento del suo ricorso, aveva cassato la sentenza impugnata della Corte d’appello di Bari n. 1116/2013 del 5 settembre 2013, per errore materiale contenuto nella motivazione;

Rilevato che il ricorso è stato notificato al Comune di Trinitapoli.

Considerato che il ricorso dev’essere accolto nei termini richiesti.

PQM

La Corte dispone la correzione dell’ordinanza di questa Corte, sez. 1, n. 10288/2018, nel senso che dove, nei “Fatti di causa” a pag. 2, è scritto “Corte d’appello di Lecce”, deve intendersi “Corte d’appello di Bari” e dove, nelle “Ragioni della decisione” a pag. 4 e nel dispositivo a pag. 4, è scritto “Corte d’appello di Lecce” come giudice del rinvio, deve intendersi “Corte d’appello di Bari”, in diversa composizione,

Così deciso in Roma, il 5 febbraio 2019.

Depositato in Cancelleria il 15 febbraio 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA