Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 4629 del 22/02/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. lav., 22/02/2017, (ud. 06/12/2016, dep.22/02/2017),  n. 4629

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DI CERBO Vincenzo – Presidente –

Dott. BRONZINI Giuseppe – Consigliere –

Dott. NEGRI DELLA TORRE Paolo – Consigliere –

Dott. PATTI Adriano Piergiovanni – Consigliere –

Dott. CINQUE Guglielmo – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 1748/2014 proposto da:

I.C., C.F. (OMISSIS), C.S. C.F. (OMISSIS),

elettivamente domiciliati in ROMA, VIA ANTONIO MORDINI 14, presso lo

studio dell’avvocato FILIPPO BELLINZONI, che li rappresenta e

difende, giusta delega in atti;

– ricorrenti –

contro

F.J.N., C.F. (OMISSIS), elettivamente domiciliata in ROMA,

VIA V. BACHELET 12, presso lo studio dell’avvocato CARLO DALLA

VEDOVA, che la rappresenta e difende, giusta procura speciale per

Notaio;

– controricorrente –

e contro

FONDIARIA SAI S.P.A., ora UNIPOLSAI ASSICURAZIONI S.P.A. C.F.

(OMISSIS), in persona del legale rappresentante pro tempore,

elettivamente domiciliata in ROMA, VIA GIOVANNI PAISIELLO 40, presso

lo studio dell’Avvocato DAVID MORGANTI, che la rappresentata e

difende, giusta delega in atti;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 999/2012 della CORTE D’APPELLO di ROMA,

depositata il 07/02/2013 R.G.N. 10859/2006;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

06/12/2016 dal Consigliere Dott. GUGLIELMO CINQUE;

udito l’Avvocato BELLINZONI FILIPPO;

udito l’Avvocato DALLA VEDOVA CARLO;

udito l’Avvocato BONFRANTE FRANCESCA per delega Avvocato MORGANTI

DAVID;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

SANLORENZO Rita, che ha concluso per l’inammissibilità o comunque

rigetto del ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

1. Con la sentenza n. 999/2012 la Corte di appello di Roma ha rigettato l’appello proposto nei confronti della pronuncia del Tribunale della stessa città che aveva condannato Il Principe snc di M.A. & C., M.A., C.S. e I.C. al risarcimento del danno biologico e morale in favore di F.N. la quale, lavorando come cameriera presso il Ristorante “(OMISSIS)” gestito dalla società Il Principe snc, sulla base di un rapporto di lavoro non regolarizzato, aveva subito lesioni per avere bevuto durante l’orario di lavoro da una bottiglia posta sul bancone del bar del ristorante ed etichettata come acqua minerale, ma contenente in realtà detersivo; la domanda proposta, invece, dai convenuti nei confronti della SAI chiamata in causa era stata respinta.

2. La Corte territoriale, per quello che rileva in questa sede, ha precisato che: 1) era emerso chiaramente dalla istruttoria espletata la esistenza di un rapporto di lavoro tra la società Il Principe snc di M.A. & C. e F.N. mentre era rimasto indimostrato che quest’ultima si fosse recata nel ristorante per fare visita ad una amica; 2) circa il quantum, le risultanze della consulenza tecnica espletata in primo grado erano state sostanzialmente confermate dalla CTU di appello; 3) quanto alla chiamata in causa della SAI, dalla lettura della polizza e dalle condizioni generali di contratto si rilevava che la copertura non operava se al momento del sinistro l’assicurato non fosse stato in regola con gli obblighi di assicurazione di legge.

3. Ricorrono per la cassazione C.S. e I.C. con quattro motivi di ricorso.

4. Resistono con controricorso F.N.J. e la UnipolSai Assicurazioni spa.

5. La UnipolSai Assicurazioni spa ha depositato memoria ex art. 378 c.p.c..

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

6. Con il primo motivo i ricorrenti lamentano l’omesso esame di un fatto decisivo per il giudizio che è stato oggetto di discussione tra le parti, ovvero l’esistenza di un rapporto di lavoro subordinato tra la società Il Principe snc e F.N. (art. 360 c.p.c., n. 5). In particolare sottolineano l’omesso esame delle dichiarazioni del teste M.C., che aveva riferito che al momento dell’incidente la F. non si trovasse all’interno del ristorante, e la ritenuta inattendibilità di tali dichiarazioni, nonchè la illogicità e contraddittorietà della motivazione nella parte in cui sono state valutate convergenti ed univoche le testimonianze dei testi D. e Do..

7. Con il secondo motivo si denunzia l’omesso esame di un fatto decisivo per il giudizio oggetto di discussione tra le parti, ovvero della colpa esclusiva o concorrente della ricorrente nella causazione dell’evento dannoso (art. 360 c.p.c., n. 5); la violazione e falsa applicazione degli artt. 1227 e 2056 (art. 360 c.p.c., n. 5); l’omesso esame della richiesta di rinnovazione dell’esame testimoniale e della richiesta di integrazione istruttoria; violazione dell’art. 275 c.p.c., comma 2, e art. 437 c.p.c.. Si deduce, in sostanza, che la Corte territoriale non aveva adeguatamente valutato le risultanze istruttorie circa il comportamento colposo della ricorrente nella causazione dell’evento in quanto non era stato tenuto in debito conto che la bottiglia di detersivo non era collocata sul bancone del bar bensì all’interno di un apposito armadietto posto sotto il lavandino.

8. Con il terzo motivo i ricorrenti si dolgono dell’omesso esame circa un fatto decisivo che è stato oggetto di discussione tra le parti (art. 360 c.p.c., n. 5) e, cioè, della CTU medico legale eseguita nel giudizio di II grado: violazione e falsa applicazione degli artt. 61, 191, 194 e 195 c.p.c.. Sostengono che la consulenza tecnica di seconde cure non aveva confermato le conclusioni di quella di primo grado rideterminando la percentuale complessiva di danno all’integrità psicofisica nella misura del 20% anzichè del 25% accertato in primo grado.

9. Con il quarto motivo si eccepisce la nullità della sentenza del procedimento per inesistente o apparente motivazione in merito alle conclusioni del CTU nel giudizio di appello (art. 360 c.p.c., n. 4) perchè non era possibile identificare il percorso argomentativo della Corte che aveva ritenuto la seconda CTU totalmente confermativa della prima.

10. Chiedono, infine, C.S. e I.C., quali successori ai sensi dell’art. 110 c.p.c., della società estinta Il Principe snc e quali soci illimitatamente responsabili ai sensi dell’art. 2291 c.c., che fosse dichiarata la cessazione della materia del contendere nei confronti della suddetta società estinta e in ogni caso la cassazione della gravata sentenza.

11. Il primo motivo è inammissibile per due ragioni.

12. La prima attiene alla violazione del principio di autosufficienza del ricorso essendo stati riportati solo alcuni stralci parziali delle testimonianze contestate e di quelle ritenute a favore della propria tesi per cui non è possibile il controllo di legittimità formale da parte della Suprema Corte di Cassazione. La seconda concerne la mancanza di una chiara e specifica indicazione del fatto decisivo controverso non vagliato dal giudice di seconde cure risolvendosi la censura nella richiesta di una nuova valutazione dell’istruttoria di causa preclusa in sede di legittimità.

13. Anche il secondo motivo è infondato sia perchè non è riportata integralmente la deposizione del teste M.C. (da cui secondo l’assunto dei ricorrenti si evincerebbe il comportamento colposo concorrente della lavoratrice) sia perchè la Corte territoriale, con argomentazioni logiche e non contraddittorie, ha motivato sul giudizio di inattendibilità del citato testimone alla luce del comportamento da questi tenuto in occasione dell’incidente, così come riferito dai testimoni D. e Do..

14. Inoltre, quanto alla richiesta di rinnovazione dell’esame testimoniale e di integrazione istruttoria, in primo luogo deve affermarsi che le doglianze attengono al diritto sostanziale e dovevano essere fatte valere quali errores in iudicando rientranti nell’art. 360, n. 3, e non come violazioni integranti il vizio di cui all’art. 360 c.p.c., n. 5, (tra le altre Cass. 19 marzo 2014 n. 6332; Cass. 30 maggio 2003 n. 8810). In secondo luogo, va osservato che le suddette richieste costituiscono esercizio di una facoltà del giudice di merito, in quanto presupponente un apprezzamento di merito delle risultanze istruttorie e, pertanto, le relative doglianze sono incensurabili nel giudizio di legittimità.

15. Il terzo e quarto motivo, che devono essere scrutinati congiuntamente per la loro connessione, sono parimenti inammissibili per la loro genericità.

16. Giova premettere che la Corte territoriale ha affermato, in ordine alla quantificazione del danno, che “le risultanze della consulenza tecnica espletata in primo grado sono state sostanzialmente confermate dalla CTU di appello”. I giudici del merito, evidentemente, hanno sottolineato che, sebbene vi fossero delle difformità tra i due elaborati, tuttavia l’impianto argomentativo della prima consulenza non doveva ritenersi superato ma in sostanza ribadito.

17. Gli odierni ricorrenti, pertanto, onde consentire il sindacato di legittimità, avrebbero dovuto riportare, nei punti contestati, tutti i passaggi logici dei due consulenti al fine di potere valutare se effettivamente, nella diversa percentuale indicata vi fosse stata una difformità significativa ovvero ininfluente come ritenuto dalla Corte di appello.

18. La mancanza di tali precisazioni rende, pertanto, prive del requisito di specificità le doglianze proposte.

19. Nè, nel caso in esame, può sostenersi che non vi sia stata una adeguata e distinta giustificazione del convincimento da parte dei giudici di seconde cure perchè essi non hanno disatteso le conclusioni del CTU di secondo grado ma le hanno ritenute sostanzialmente conformi a quelle del perito di primo grado.

20. Da ultimo, non è meritevole di accoglimento la richiesta di declaratoria della cessazione della materia del contendere nei confronti della società estinta “Il Principe snc & C.” atteso che tale tipo di pronuncia presuppone la sopravvenienza di eventi di natura fattuale o atti volontari delle parti (provenienti da queste personalmente o da procuratore speciale) idonei a determinare la totale eliminazione di ogni posizione di contrasto mentre, nel caso di specie, si verte in una ipotesi di fenomeno successorio, nella pretesa sub iudice, che rende i soci della società estinta legittimati, attivamente e passivamente, a partecipare al giudizio.

21. Alla stregua di quanto esposto il ricorso deve essere respinto.

22. Il rigetto del ricorso principale assorbe la trattazione di ogni questione sull’operatività della polizza, stipulata con la Compagnia di Assicurazione, avendo riguardato l’infortunio una dipendente non in regola con gli obblighi assicurativi di legge.

23. Segue la condanna dei ricorrenti al pagamento delle spese del presente giudizio di legittimità che si liquidano come da dispositivo. Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, nel testo risultante dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228, deve provvedersi, ricorrendone i presupposti, sempre come da dispositivo.

PQM

La Corte, rigetta il ricorso. Condanna i ricorrenti in solido al pagamento delle spese del presente giudizio di legittimità che liquida in complessivi Euro 5.100,00 per ciascun resistente di cui Euro 100,00 per esborsi, Euro 5.000,00 per compensi professionali, oltre al rimborso forfettario spese generali nella misura del 15%, iva e cpa come per legge. Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, nel testo risultante dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228, la Corte dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte dei ricorrenti, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato, pari a quello dovuto per il ricorso principale, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio, il 6 dicembre 2016.

Depositato in Cancelleria il 22 febbraio 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA