Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 4623 del 25/02/2011

Cassazione civile sez. trib., 25/02/2011, (ud. 22/12/2010, dep. 25/02/2011), n.4623

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PLENTEDA Donato – Presidente –

Dott. BERNABAI Renato – rel. Consigliere –

Dott. PARMEGGIANI Carlo – Consigliere –

Dott. DIDOMENICO Vincenzo – Consigliere –

Dott. SCARANO Luigi Alessandro – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 34670-2006 proposto da:

C.D., elettivamente domiciliato in ROMA PIAZZA

DELL’UNITA’ 24, presso lo studio dell’avvocato ROMANO CAMILLO, che lo

rappresenta e difende, giusta delega a margine;

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE UFFICIO DI VITERBO;

– intimato –

avverso la sentenza n. 61/2004 della COMM. TRIB. REG. di ROMA,

depositata il 21/10/2005;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

22/12/2010 dal Consigliere Dott. SERGIO BERNARDI;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

CICCOLO Pasquale Paolo Maria, che ha concluso per l’inammissibilità

o rigetto del ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

C.D. ha impugnato gli avvisi di accertamento IRPEF e SSN 1995/1996 notificatigli a seguito di indagini della Guardia di Finanza dalle quali era emerso che aveva svolto una attività non dichiarata di commercialista. Il ricorso, accolto in primo grado, è stato respinto in appello. Il contribuente ricorre per la cassazione della sentenza della CTR con un motivo. L’Amministrazione finanziaria non si è difesa.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Non è stata depositata in giudizio la cartolina avviso di ricevimento della raccomandata di notificazione del ricorso, effettuata a mezzo posta ex art. 149 c.p.c.. Manca dunque la prova che il procedimento di notificazione sia stato perfezionato, ed il ricorso va dichiarato inammissibile (Cass. 627/2008).

P.Q.M.

Dichiara inammissibile il ricorso.

Così deciso in Roma, il 22 dicembre 2010.

Depositato in Cancelleria il 25 febbraio 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA